copertina libro La congiura con donna in abito dorato

Federica Introna si è laureata in Lettere Classiche e ha conseguito il Dottorato di ricerca in Filologia Greca e Latina, dedicandosi allo studio della retorica. Pubblica il saggio “La retorica nell’antica Roma” (Carocci, 2008), le sillogi “Terre di Sole” (Il filo, 2007) e “Sull’orlo del cerchio” (Stilo Editrice, 2014) e il romanzo storico “La Congiura” (Newton Compton Editori, 2017).

«Di cosa tratta il tuo nuovo romanzo storico La congiura
La storia si svolge nel 65 d. C., a Baia nei Campi Flegrei, e narra gli eventi di quella che viene definita la congiura di Pisone. In realtà a tramare contro l’imperatore Nerone ci fu anche una donna, una liberta ossia un’ex schiava, educata ai migliori valori della società antica, quei valori che gli aristocratici e i cavalieri dovrebbero ricercare e vivere ma che hanno ormai dimenticato, ottenebrati dal desiderio di potere. Pur fra gli errori e le cadute che costellano il suo difficile percorso, saprà rimanere coerente con le sue scelte e i suoi ideali sino alla fine. Un omicidio misterioso, inoltre, sconvolgerà i congiurati, svelando il cuore e l’ambizione sfrenata di molti.

«Come è nata l’idea alla base dell’opera?»
L’idea de “La Congiura” è nata leggendo le pagine degli “Annales” di Tacito dedicate alla celebre cospirazione. Il grande storico latino parla di una donna che ebbe un ruolo chiave nel piano, e trova per lei parole di elogio. Sono poche righe ma molto significative, da lì ho elaborato la vicenda di Epicari.

«Epicari: la congiurata, la donna libera, l’eroina. Vuoi parlarci della tua intensa protagonista?»
È una donna in crescita e in lotta, non è un’eroina dei poemi cavallereschi, per intenderci, perfetta sin dall’inizio, è un personaggio che ha conosciuto nella sua vita una serie di momenti differenti, con una costante: la ricerca della libertà. Un’esigenza che diventerà sempre più forte e pura.

«Quanto tempo hai impiegato per scrivere La congiura? Come si gestisce il lavoro preliminare quando si tratta di impostare la trama per un romanzo storico?»
Un romanzo storico richiede una fase preliminare di ricerca, che è molto importante per rimanere aderenti al vero e allo stesso tempo sfruttare tutte le possibilità drammatiche della storia. Sono una filologa classica, per cui la ricerca storiografica mi appassiona molto, allo stesso tempo sono un narratore per cui lavoro anche con l’immaginazione, valorizzando ciò che la grande storia non racconta: la psicologia, i sentimenti, il percorso umano che sta dietro gli eventi noti.

«Vuoi condividere con noi una citazione alla tua opera che ti sta particolarmente a cuore?»
«Alla verità, se è dolorosa, tendiamo a opporre resistenza. Quando finalmente le permettiamo di attraversarci, invece, riprendiamo a percepire la parte di noi che avevamo dimenticato: spesso dobbiamo forzare le imposte ma poi la luce torna a rischiarare le stanze del nostro animo».

«Cosa significa per te scrivere e raccontare storie?»
Significa vivere più vite, innanzitutto, immergermi in mondi lontani, diversi ma dai quali è possibile desumere emozioni e riflessioni che ci appartengono, dare voce a chi spesso è stato messo a tacere e trarne insegnamenti universali.

«Sei già a lavoro su un nuovo romanzo storico? Puoi darci qualche anticipazione?»
Ho concluso da poco il mio secondo romanzo, che è incentrato sulla figura della regina di Palmira, Zenobia, un grande personaggio, a cui, a mio avviso, la storia deve ancora rendere pienamente giustizia.

Federica Introna mentre parla durante una conferenza
Federica Introna

 Titolo: La congiura
Autore: Federica Introna
Genere: Romanzo storico
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Collana: Nuova Narrativa Newton
Pagine: 252
Prezzo: 9,90 €
Codice ISBN: 978-88-227-04-191

Contatti

https://federicaintronablog.wordpress.com/

https://twitter.com/federicaintrona

https://www.facebook.com/lacongiuranewtoncompton/

https://www.newtoncompton.com/

https://www.youtube.com/watch?v=zR_wXZJ7vuM

https://www.newtoncompton.com/libro/la-congiura

https://www.amazon.it/