Leviathan. La prima legge

Leviathan. La prima legge di Margherita Geraci è il primo volume di una saga distopica; un esordio interessante per una serie che parla d’amore e di amicizia, di ingiustizie e divisioni sociali. L’opera si apre sul racconto della tragedia che accade alla protagonista, Alice: la macchina su cui viaggia con i genitori e la sorella finisce su una mina anticarro e lei è l’unica che sopravvive. La ragazza riesce miracolosamente a nascondersi all’arrivo degli Avvistatori: nel mondo in cui vive Alice vi sono infatti molte regole da rispettare e una di queste è non uscire dalla propria casa il 13 giugno, il giorno di Sicurezza Nazionale; la sua famiglia era stata costretta a farlo per aiutare la sorella di sua madre che aveva partorito e non aveva cure mediche, ma nella società dominata dal Leviatano non si può trasgredire per nessun motivo. Gli Avvistatori hanno il compito di vigilare e di eliminare chiunque provi a minacciare la sicurezza dello Stato, e per un soffio Alice non diviene vittima del loro fanatismo. La ragazza vive in una società classificata per privilegi: dopo una guerra nucleare e tanti problemi creati dalle radiazioni, il nuovo assetto sociale è stato rigidamente diviso in Civili – coloro che vivono all’interno del Leviatano e conducono un’esistenza ricca e serena, Radioattivi – relegati alla periferia del Leviatano e costretti a soffrire la fame, Non-schedati – che non sono considerati cittadini ma solo dei pericolosi nomadi senza patria, e per questo vengono perseguitati e spesso uccisi dagli Avvistatori. Dopo aver perso la famiglia, Alice passa dallo status di Radioattiva a quello di Non- schedata, e in questa condizione trascorre cinque anni cercando di rimanere viva e di badare nel migliore dei modi al figlio di sua zia, Niccolò, che è sopravvissuto alla madre dopo il parto. L’autrice ci racconta della difficile esistenza di Alice e della sua paura di ogni contatto umano; disperata e in continua fuga, non vuole essere avvicinata da nessuno e si rifugia solo nell’affetto che le offre il bambino. La sopravvivenza è tutto ciò a cui pensa, prima di incontrare da vicino la realtà degli Avvistatori: un giorno viene arrestata e condotta nel loro centro di addestramento; un giovane Avvistatore, Loris, ha fatto credere che lei sia una Radioattiva e non viene quindi eliminata, anzi, data la sua giovane età e le sue capacità viene reclutata per diventare parte di ciò che più odia. Alla sopravvivenza si sostituisce un altro obiettivo: la vendetta; riuscirà però a tradire Loris, che si avvicina a lei ogni giorno di più?

Contatti
https://editore.cignonero.it/
https://www.facebook.com/cignoneroediz/
https://www.amazon.it

Leviathan. La prima legge
Casa Editrice: Cignonero
Collana: Prisma
Genere: Fantasy/Distopico
Pagine: 399
Prezzo: 15,90 €