Una zitella da sposare, il nuovo spettacolo in arrivo al Teatro Martinitt di Milano

240

Una zitella da sposare: dal 18 marzo al 3 aprile 2022 torna la verve di un cast affiatatissimo, ormai di casa al Teatro Martinitt di Milano.

Una zitella da sposare Teatro Martinitt

Lo spettacolo è scritto da Maurizio Paniconi e Alessandro Tirocchi, diretto da Marco Simeoli, con Valeria Monetti, Alessandro Tirocchi, Maurizio Paniconi e Daniele Derogatis. Per la produzione di La Bilancia.

Una (quasi) giovane, single (più o meno) convinta, si ritrova iscritta a un’App per incontri. Tra pretese e pretendenti, il caos si scatena. Da niente a troppo, la situazione degenera in un vortice di equivoci, bugie e imbarazzi. In una partita pericolosa, a regalare il poker potrebbe essere proprio l’asso mancante, quello dimenticato nella manica.

La trama “Una zitella da sposare”

Sfortunata in amore, Marta decide di non crederci più. Ma si ritrova iscritta suo malgrado a un social per cuori solitari. Cerca quindi la complicità dell’amico Luigi, che accetta di gestire il profilo e organizzare qualche appuntamento. Ne nasce un triangolo complicato, soprattutto per Luigi che si deve districare tra le chat.

Per costringerla a scegliere, quest’ultimo organizza una cena a tre. Il menage à trois esplode e dopo un incalzare di bugie, equivoci e situazioni da panico, la verità travolge tutti. Compreso Luigi che complicherà ulteriormente la faccenda svelando un suo segreto… Chi sceglierà Marta?

Non importa quali ruoli interpretino o in quale situazione si calino, che si cimentino in una commedia o in un musical… i performer della compagnia AMO-Attori Momentaneamente Occupati arrivano dritti al pubblico. Quello del Martinitt, poi, ci si è affezionato.

LEGGI ANCHE-> FOG di Mind the step sul palco del Piccolo Bellini di Napoli. Recensione

“Una zitella da sposare”, già il titolo promette grandi risate.
A dirla tutta, il tema, come piace al Martinitt, è serio: un argomento evergreen, declinato però ai tempi nostri e condito di riflessioni accessorie, da cui non si può prescindere in un’epoca che si spaccia per altamente social, ma vanta invece un triste bilancio in fatto di relazioni sociali. Anche e soprattutto in amore…

Senza per forza rimpiangere il baciamano e gli antichi corteggiamenti da sfinimento, qualcosa non torna negli approcci, apparentemente più facili, di sicuro più disinibiti, di oggi.

Tra single per scelta, single obbligati e single di ritorno, non sembra poi così scontato trovare l’altra metà. C’è da perdere la voglia di mettersi in gioco
La protagonista delusa, si spaccia per rassegnata, ma le basterà una spintarella da parte di un amico ed eccola, suo malgrado, rimettersi in campo. In più campi, a dire il vero. Tra situazioni comiche, bugie nemmeno troppo ingenue, equivoci continui e dribbling concitati, il gioco comincia a farsi duro. E pericoloso.

Se la pretesa è la felicità, occorrerà sacrificare un pretendente. Una scelta, per quanto difficile, è ormai necessaria, prima che il triangolo amoroso diventi un triangolo d’emergenza. Meglio eliminare gli spigoli e sfatare il mito del 3 numero perfetto. In fondo, 3-2+1 quanto fa? Non resta che scoprirlo, a colpi di risata.

INFO

TEATRO/CINEMA MARTINITT
Via Pitteri 58, Milano – Telefono 02/36580010, info@teatromartinitt.it, www.teatromartinitt.it

Orari biglietteria: lunedì-sabato 10.30-21, domenica 14/21. Parcheggio interno gratuito.

Costi: 26 euro intero (over 65, 18 euro; under 26, 16 euro). Abbonamenti a partire da 70 euro.

Tutti gli eventi al Teatro Cinema Martinitt si svolgono nel rispetto delle norme sanitarie e di
sicurezza previste dai disciplinari anti-Covid. Sono richiesti Super Green Pass e mascherina Ffp2.