Home Arte e Mostre L’artista Aghayev restituisce l’infanzia ai bambini colpiti dalle guerre

L’artista Aghayev restituisce l’infanzia ai bambini colpiti dalle guerre

CONDIVIDI SU

Le vittime innocenti delle guerre sono i bambini, che mai dovrebbero provare gli orrori di ciò che questi conflitti provocano, purtroppo, la storia, con le sue immagini, ci ha raccontato diverse volte una realtà orribile.
Anche questa volta l’illustratore satirico originario dell’Azerbaijan, Gunduz Aghayev, ha voluto affrontare un tema forte, i bambini vittime delle guerre e fa una durissima condanna al mondo degli adulti che coinvolgono piccoli innocenti nei loro sporchi giochi.
Aghayev, nella serie di illustrazioni dal titolo “Imagine”, ha trasformato foto iconiche della storia della guerra in immagini che infondono speranza, dove finalmente viene ridato a quei bambini ciò che gli è stato strappato via: l’infanzia, la gioia, la libertà, la giustizia. 

La foto vincitore del premio Pulitzer 1993 (di Kevin Carter)
La foto vincitore del premio Pulitzer 1993 (di Kevin Carter)

magine-illustration-by-Gunduz-Aghayev__880

La foto scattata l’otto giugno 1972 da Nick Út.  Kim Phuc, nove anni, corre completamente nuda lungo una strada insieme ad altri bambini, dopo essere stata gravemente ustionata da un bombardamento al napalm delle forze aeree del Vietnam del sud.
La foto scattata l’otto giugno 1972 da Nick Út. Kim Phuc, nove anni, corre completamente nuda lungo una strada insieme ad altri bambini, dopo essere stata gravemente ustionata da un bombardamento al napalm delle forze aeree del Vietnam del sud.

magine-illustration-by-Gunduz-Aghayev8__880

Bambini nel Vietnam
Bambini nel Vietnam

magine-illustration-by-Gunduz-Aghayev3__880

La morte di Aylan Kurdi (Syria)
La morte di Aylan Kurdi (Syria)

magine-illustration-by-Gunduz-Aghayev6__880

Un ragazzo giapponese in piedi sull’attenti trasporta sulle spalle suo fratello più piccolo morto, 1945
Un ragazzo giapponese in piedi sull’attenti trasporta sulle spalle suo fratello più piccolo morto, 1945

 

Il figlio del giornalista azero ucciso nel 2005, Elmar Huseynov
Il figlio del giornalista azero ucciso nel 2005, Elmar Huseynov

magine-illustration-by-Gunduz-Aghayev12__880

Le spose bambine, Tehani (in rosa) e Ghada, in Afghanistan
Le spose bambine, Tehani (in rosa) e Ghada, in Afghanistan

magine-illustration-by-Gunduz-Aghayev13__880

Casa rasa al suolo dalle bombe tedesche durante un blitz a Londra. Un ragazzo indica la sua camera da letto nel 1940
Casa rasa al suolo dalle bombe tedesche durante un blitz a Londra. Un ragazzo indica la sua camera da letto nel 1940

magine-illustration-by-Gunduz-Aghayev15__880

Il medico Janusz Korczak con i bambini (La mattina del 5 agosto 1942 fu deportato nel campo di sterminio di Treblinka insieme a tutti i bambini ospiti dell’orfanotrofio ebraico del Ghetto di Varsavia. Riconosciuto dagli ufficiali nemici venne trattenuto perché una tale personalità non avrebbe dovuto seguire il destino degli altri, ma egli si rifiutò di abbandonare i suoi bambini. Sembra sia morto di dolore durante il trasporto.)
Il medico Janusz Korczak con i bambini (La mattina del 5 agosto 1942 fu deportato nel campo di sterminio di Treblinka insieme a tutti i bambini ospiti dell’orfanotrofio ebraico del Ghetto di Varsavia. Riconosciuto dagli ufficiali nemici venne trattenuto perché una tale personalità non avrebbe dovuto seguire il destino degli altri, ma egli si rifiutò di abbandonare i suoi bambini. Sembra sia morto di dolore durante il trasporto.)
CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.