Società in accomandita semplice cos’è e come fare per avviarla (1)

Nel momento in cui due persone prendono la decisione di costituire un’impresa, poiché sono accomunate da una stessa idea di business, c’è una cosa che occorre fare per prima: si deve scegliere la forma giuridica più adatta a portare avanti un simile progetto. Dal momento che la costituzione di una società di persone è molto più semplice rispetto a quella di una società di capitale, in genere la scelta ricade sulla SAS ovvero la società in accomandita semplice. Sarà interessante mettere subito a fuoco come essa non richieda alcun capitale minimo per poter procedere con la sua costituzione. Cerchiamo di capire bene quali siano le caratteristiche chiave della SAS e quali i principali strumenti di supporto al business.

Caratteristiche e figure chiave in azienda
All’interno di una società in accomandita semplice, due (o più) persone collaborano per avviare un’attività di stampo commerciale. Trattandosi di una società di persone è previsto che la sua costituzione avvenga da parte di persone giuridiche o naturali. Molto interessante e da mettere subito a fuoco nell’ambito di una SAS è il rapporto che intercorre tra i soci per quanto concerne gli aspetti legati alle responsabilità. Da un lato troviamo infatti l’accomandante, che mette a disposizione – al momento della costituzione – una quota partecipativa dal patrimonio personale (non viene stabilito dalla legge a quanto debba ammontare questa quota). L’accomandante risponde solo nei limiti di questa quota di partecipazione in caso di insolvenza: la sua è una responsabilità giuridica limitata. Dall’altro lato c’è invece la figura dell’accomandatario, la cui responsabilità è invece di tipo illimitato nei confronti del creditori (in certi casi si deve ricorrere al patrimonio personale).

Vantaggi della SAS e strumenti per la gestione contabile
Tra i vantaggi relativi alla costituzione di una SAS c’è senza dubbio la velocità (occorre un atto pubblico o una scrittura privata autenticata dal notaio). La società in accomandita semplice può operare anche prima che sia avvenuta l’iscrizione al Registro delle imprese, inoltre i costi sono contenuti e non serve un capitale minimo iniziale. Agli azionisti sono riservati numerosi vantaggi: questa formula è particolarmente indicata per quelle aziende che siano a conduzione familiare.

Per fare in modo che la gestione finanziaria e contabile del business sia sempre fluida e oggetto di un monitoraggio capillare oltre che costante, i soci della società in accomandita semplice dovranno ricorrere ad alcuni strumenti specifici, primo fra tutti un conto corrente aziendale online. Nel vasto panorama, spicca l’offerta di Qonto ovvero il conto business 100% online lanciato dall’istituto di pagamento francese votato al supporto di PMI, professionisti e start up. Consente di effettuare bonifici singoli e multipli, oltre che di richiedere carte flessibili per l’intero team. Permette di eliminare la compilazione della nota spese, in più ci sono molti modi per ottimizzare il lavoro di squadra. Si può per esempio scegliere di attribuire specifici accessi ai collaboratori, compreso il commercialista. Si possono creare carte nominative e impostare sia limiti di prelievo che di pagamento. È importante ottimizzare tempi e processi amministrativi, in modo da potersi dedicare ad altre attività sempre legate allo sviluppo del business. Con Qonto si può aprire il conto online molto velocemente e gestire tutto direttamente su smartphone o computer grazie all’app intuitiva.

Alessandra Chiaradia
È nata a Milano ma ben presto è espatriata nella provincia. La Brianza è la sua casa, ma il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e, novella Sherlock Holmes, appena ne ha l'occasione ne svela i misteri, le meraviglie e anche qualche negozio. In overdose di creatività, il ruolo di Art Director inizia a starle troppo stretto; abbandonati i pennarelli inforca la Bic. “Lunga la strada, stretta la via… avete detto la vostra, adesso dico la mia”, per aspera ad astra c’è stato l’upgrade: entra nella hall of fame dell’Albo. Giornalisti si nasce...