La casa di carta: 5 domande a cui è stata finalmente data una risposta (e 5 che sono ancora senza)

990

È sempre difficile concludere uno spettacolo in modo soddisfacente, soprattutto se è un successo internazionale come La Casa di Carta, ma anche se ad alcune domande è stata finalmente data una risposta, altre sono rimaste in sospeso.

Ecco le 5 domande su La casa di casa a cui è stata data una risposta nella stagione finale

Come fa la banda a tirare fuori l’oro dalla Banca di Spagna?

La casa di carta

La banda ha rimosso l’oro dal caveau ad alta sicurezza della Banca di Spagna nella terza stagione e da quel momento ha lavorato ininterrottamente per fondere l’oro. Tuttavia, fino ad ora non era chiaro come avrebbero portato fuori dalla Banca le 90 tonnellate d’oro fuse in pepite.

Il piano è stato rivelato negli episodi finali di La casa di carta: grazie ad un macchinario sofisticato rubato a suo tempo da Berlino, l’oro sarebbe stato pompato verso il serbatoio dell’acqua piovana da dove il Professore supervisionava gran parte della rapina. I piccoli pezzi di oro fuso sarebbero poi stati riportati alla loro forma originale di lingotti e trasferiti fuori dal serbatoio dell’acqua piovana in capienti camion. La cisterna dell’acqua piovana era posizionata a monte, lasciando la polizia in una caccia all’oca mentre guarda a valle.

Come può uscire in libertà la squadra del Professore?

La casa di carta

Ottenere l’oro prima che il colonnello Tamayo e l’intera forza militare entrassero nella banca è stata la chiave che ha permesso alla banda di uscire viva. Con l’oro fuori dalla banca, il Professore è stato in grado di utilizzare la sua assenza per riuscire a negoziare con Tamayo la libertà della squadra.

Il Professore (Álvaro Morte) ha rilasciato dei video che informavano il pubblico dell’uscita dell’oro dalla Banca di Spagna, lasciando Tamayo e le autorità nel disperato tentativo di salvare la propria faccia e impedire disastrose ricadute economiche della Spagna da cui probabilmente non si sarebbe mai ripresa. Tamayo e il governo non hanno avuto altra scelta che accettare l’oro falso consegnato dalla banda del Professore – che il pubblico credeva fosse reale – le autorità li hanno persino aiutati ad uscire dalla banca e a garantirgli una nuova vita con nuovi nomi.

Perché ci sono stati così tanti flashback su Rafael e Tatiana durante La Casa di Carta?

La casa di carta

L’ultima stagione de La Casa di Carta è stata occupata per gran parte del tempo da flashback sull’ex moglie di Berlino, Tatiana e suo figlio Rafael e fino all’ultima parte della stagione non è stato chiaro perché fossero così ricorrenti.
La domanda ha trovato risposta negli episodi finali, quando Rafael e Tatiana hanno rubato l’oro dopo che è stato portato fuori dalla Banca di Spagna e fuso nuovamente in lingotti. Un grandissimo colpo di scena che poteva essere stato fatto solo per mano di chi conosceva già il piano del Professore. I flashback spiegavano come Tatiana sapesse i dettagli più segreti del piano, come lei e Rafael sono finiti insieme e come sono stati in grado di piombare nel momento esatto per rubare l’oro.

Da che parte sceglie di stare Sierra?

La casa di carta

Anche dopo essere stata tradita dai suoi colleghi delle forze dell’ordine, Alicia Sierra ha continuato a lavorare instancabilmente per sconfiggere il Professore e la rapina. I fan hanno aspettato con impazienza di vedere se avrebbe riconquistato il favore dei suoi colleghi e ripulito il suo nome consegnando loro il Professore, se si sarebbe schierata con il Professore, o se sarebbe finita come un lupo solitario al servizio di nessuno tranne che di se stessa.
Alla fine, Sierra si è unita al Professore ed è diventata un membro cruciale della squadra riuscendo a ritrovare l’oro rubato, garantendo un futuro migliore a se stessa e alla sua bambina.

Chi sopravvive al secondo colpo?

La casa di carta

Ce lo siamo chiesti per tutta la stagione e finalmente ora abbiamo delle certezze. Dopo Mosca, Berlino e Oslo che hanno perso la vita durante la prima rapina i fan hanno pianto una valle di lacrime per la morte di Tokyo e di Nairobi. Tokyo ha anche ucciso César Gandía e la maggior parte dei soldati delle forze speciali che si sono infiltrati nella Banca di Spagna. Mentre la fine sembrava destinata a essere un bagno di sangue, tutti gli altri sono sopravvissuti. Sia il pubblico che i personaggi erano ancora sconvolti dalla morte di Nairobi e Tokyo, ma anche grati al Professore per aver fatto uscire vivi gli altri componenti della banda.

Domande che rimangono senza risposta nel finale di La casa di carta

Cosa c’era scritto sul bigliettino del Professore consegnato a Rafael?

La casa di carta

Il pubblico non sa cosa c’era scritto sul bigliettino che il Professore ha scritto per Rafael, ma qualsiasi cosa fosse, è stata sufficiente per convincerlo a cedere l’oro rubato a suo zio. Basandosi sull’ultima scena del dialogo tra Rafael, Berlino e il Professore riguardo la tradizione familiare, potrebbe essere stata l’importanza e l’onore di portare avanti una famiglia di ladri ad aver spinto Rafael a scegliere di far concludere con successo il piano che suo padre aveva pianificato per anni. Basandosi sul flashback tra il professore, Berlino e Rafael, il messaggio potrebbe anche riportare qualcosa sul fatto che la rapina e la storia che racconta sono più importanti dei soldi stessi. I piani geniali del Professore spesso sembravano magici e imprevedibili, e questo ultimo gesto assicura ai fan una buona dose di incertezza e qualcosa su cui riflettere.

Cos’è successo ai membri della rapina che hanno sciolto l’oro?

La casa di carta

Durante la rapina alla Banca di Spagna c’erano diversi componenti della banda che lavoravano costantemente alla fusione dell’oro sotto la supervisione di Nairobi e Bogotà. Senza il loro lavoro, l’oro non sarebbe stato in grado di essere trasportato fuori dalla Banca e nessuno sarebbe uscito vivo da lì. Eppure, queste persone sembrano scomparire negli episodi finali. Quando il colonnello Tamayo e l’esercito hanno preso il controllo della banca, dei membri che fondevano l’oro non c’era traccia. Inoltre, non erano presenti nemmeno quando il gruppo si è riunito e allontanato verso il tramonto alla fine del finale della serie.

Come hanno fatto a guarire così rapidamente le gambe di Helsinki nel finale de La Casa di Carta?

La casa di carta

Helsinki è stato gravemente ferito quando le sue gambe sono state schiacciate da pesanti detriti provenienti dal tetto della Banca di Spagna. Gli stessi chirurghi entrati nella Banca di Spagna per operarlo avevano dichiarato che non avrebbe mai più camminato. Tuttavia, dopo che la banda è uscita dalla banca, si vede Helsinki felicemente in piedi mentre cammina accanto ai suoi compagni come se nulla fosse mai successo. Non è chiaro come sia passato così in fretta dall’essere incapace di camminare per il resto della sua vita a camminare senza problemi al fianco degli altri.

Torres e gli altri ostaggi hanno mai avuto la loro parte del bottino alla fine de La Casa di Carta?

Durante la prima rapina, gli ostaggi erano stati divisi in due gruppi. Un gruppo ha deciso di continuare ad assistere alla rapina per ricevere in cambio parte del bottino una volta terminata l’operazione. Anche se La Casa di Carta è giunta al termine, nemmeno nell’ultima stagione viene chiarito se qualcuno di questo gruppo abbia ricevuto il denaro promesso. Sarebbe un peccato se l’ostaggio Francisco Torres non ricevesse mai i suoi soldi, sebbene non fosse l’ostaggio più coraggioso, ha lavorato duramente per stampare miliardi di euro in pochi giorni. Persino Nairobi aveva mostrato un genuino rispetto per l’etica del lavoro e l’innovatività di Torres.

Monica starà ancora lottando contro il disturbo da stress post-traumatico e la tossicodipendenza?

Monica, o meglio Stoccolma, lotta per tutta l’ultima stagione de La Casa di Carta contro un pesante disturbo da stress post-traumatico e contro la tossicodipendenza, in risposta al trauma che vive durante tutta la rapina e per via del colpo sferrato contro Arturo. Quando lei e Denver si riconcilino, queste lotte sembrano magicamente scomparire. Sarebbe assurdo pensare che questi problemi finiscano in un modo così semplicistico, ma lo spettacolo non ha più affrontato la questione e ad oggi non sappiamo se stava ancora combattendo contro le sue paure. Tutte le conseguenze della rapina sulla persona vengono messe da parte in modo che Monica possa ottenere il suo lieto fine con Denver, nascondendo alla banda e al pubblico i reali effetti a lungo termine del suo disturbo da stress post-traumatico e della tossicodipendenza.