Titanic, quanto del film è realmente accaduto, la storia vera

452

Titanic di James Cameron è basato sul vero affondamento della famigerata nave omonima, ma quanto del film è realmente accaduto?

Titanic continua ad essere uno dei successi cinematografici più impressionanti e una storia che gli spettatori riguardano costantemente, ma quanto del film è realmente accaduto?

James Cameron è diventato un nome ampiamente conosciuto e rispettato nell’industria cinematografica grazie a Terminator e Terminator 2 – Il giorno del giudizio, ma ha attirato molta più attenzione nel 1997 con Titanic, un film romantico-disastroso basato sui racconti dell’affondamento del RMS Titanic nel 1912, il suo progetto più grande e ambizioso fino a quel momento.

Titanic raccontava la storia di Rose DeWitt Bukater (Kate Winslet) e Jack Dawson (Leonardo DiCaprio), due passeggeri di classi sociali diverse che si innamorarono a bordo della famosa nave durante il suo sfortunato viaggio inaugurale. Titanic è stato un grande successo sia di critica che di pubblico, diventando il film di maggior incasso di sempre all’epoca (poi superato da Avatar di Cameron nel 2010 e poi da Avengers: Endgame) ed è stato elogiato per le sue immagini e performance, anche se alcuni hanno criticato la storia d’amore di Rose e Jack. Eppure, Titanic ha un posto speciale nel cuore dei fan e continua ad essere uno dei migliori lavori di Cameron.

Anche se Titanic è basato sulla storia vera dell’affondamento della nave e ha anche aggiunto alcuni personaggi reali, non tutto nel film è realmente accaduto e Cameron ha dovuto cambiare, aggiungere o abbellire alcuni dettagli per adattarli alla storia che voleva raccontare. Ecco quanto del Titanic di James Cameron è reale.

La donna che ispirò il personaggio di Rose

Anche se i personaggi principali di Titanic, Rose e Jack, erano interamente inventati, quindi non esisteva una storia d’amore tra una donna di prima classe e un uomo di terza classe, sono stati ispirati in una certa misura da alcune persone della vita reale, anche se l’ispirazione di Rose non ha alcun legame con il Titanic.

Come rivelato da Cameron, l’artista americana Beatrice Wood è stata l’ispirazione per Rose, dato che Cameron stava leggendo la sua autobiografia durante lo sviluppo del Titanic. La Wood era una pittrice, scultrice, scrittrice e attrice che proveniva da una famiglia di ricchi esponenti dell’alta società.

Cameron ha detto che, mentre leggeva il libro della Wood, si è reso conto che descriveva “quasi letteralmente” il personaggio di “Old Rose”, e la Rose del film è “solo una rappresentazione di Beatrice, combinata con molti elementi di fantasia”.

Sicuramente, Rose e Beatrice Wood hanno alcune somiglianze, come il loro amore per l’arte e il loro ricco background familiare, ma la Wood non aveva alcun legame con il Titanic.

Per quanto riguarda Jack, non si è ispirato a nessuno, ma il suo nome è molto simile a quello di un uomo che era a bordo del Titanic. Un uomo che si firmava come “J. Dawson” era un passeggero del Titanic, ma la “J” stava per Joseph, non Jack, ed era nato a Dublino.

Joseph Dawson non era un passeggero, in realtà faceva parte dell’equipaggio della nave, lavorando come tagliatore di carbone. Cameron non sapeva che ci fosse un Joseph Dawson fino a quando la sceneggiatura non fu terminata, quindi il fatto che il nome di Jack fosse simile a quello di Joseph è stata una semplice coincidenza. La tomba di Joseph Dawson ha ricevuto molti visitatori dopo l’uscita di Titanic, che hanno lasciato biglietti di cinema, foto di Leonardo DiCaprio e altro, perché credevano che fosse il luogo in cui riposava Jack Dawson.

La vera Molly Brown

L’indimenticabile personaggio di Kathy Bates, Molly Brown, era uno dei pochi, rilevanti personaggi di Titanic basati su persone realmente esistite a bordo.

Margaret Brown era una mondana e filantropa americana, ma non era nata in una famiglia ricca, sposò James Joseph “J.J.” Brown, che non era nemmeno un uomo ricco, ma la famiglia acquisì una grande ricchezza quando i suoi impegni di ingegnere minerario si rivelarono fondamentali per la produzione di un consistente giacimento di minerali.

Margaret e J.J. si separarono nel 1909, ma continuarono a prendersi cura l’uno dell’altra, l’accordo le diede una liquidazione in denaro e un assegno mensile che le permise di continuare i suoi viaggi e il suo lavoro nel sociale.

Quando il Titanic colpì l’iceberg e iniziò ad affondare, Margaret aiutò gli altri passeggeri a salire sulle scialuppe di salvataggio e dovette essere convinta a lasciare la nave su una scialuppa (scialuppa n. 6). Una volta lì, sollecitò che la scialuppa tornasse indietro per salvare altre persone, ma il membro dell’equipaggio si oppose.

Margaret minacciò di buttare in mare l’uomo dell’equipaggio, le fonti sono diverse sul fatto che siano tornati realmente indietro e se abbiano trovato qualcuno vivo. Una volta sulla RMS Carpathia, la nave che salvò i sopravvissuti del Titanic, Margaret organizzò un comitato per assicurare i beni di prima necessità ai sopravvissuti di seconda e terza classe. Proprio per via delle sue azioni, i media la chiamarono “Molly Brown inaffondabile”, e morì nel 1932 all’età di 65 anni.

Il Titanic colpì davvero un iceberg

Naturalmente, l’affondamento del Titanic dopo aver colpito un iceberg è avvenuto davvero. Il 14 aprile 1912, alle 23:40 (orario di bordo), l’equipaggio avvistò un iceberg e avvisò il ponte.

Il primo ufficiale Willaim Murdoch ordinò di aggirare l’iceberg e di fermare i motori, ma non ci fu abbastanza tempo e il lato destro della nave colpì l’iceberg. L’urto creò una serie di buchi sotto la linea di galleggiamento, e anche se lo scafo non fu perforato, fu ammaccato e permise all’acqua di penetrare. Secondo i sopravvissuti, come si vede nel film, pezzi dell’iceberg finirono sul ponte della promenade.

L’equipaggio non era preparato per un’emergenza di questa portata e, dato che all’epoca le navi erano considerate praticamente inaffondabili, il Titanic aveva solo scialuppe di salvataggio sufficienti per trasportare metà dei passeggeri a bordo.

L’equipaggio non sapeva nemmeno come effettuare correttamente un’evacuazione e lanciò molte scialuppe di salvataggio riempite solo a metà, con i passeggeri di terza classe lasciati indietro e facendo sì che molti di loro rimanessero intrappolati sottocoperta mentre la nave continuava a riempirsi d’acqua.

Poco più di due ore e mezza dopo che il Titanic aveva colpito l’iceberg, il ponte della nave si immerse sott’acqua e il mare si riversò attraverso i portelli aperti e le grate, quando la poppa senza sostegno uscì dall’acqua, la nave si ruppe in due pezzi.

Il Titanic affondò alle 2:20 del mattino, la maggior parte dei passeggeri e dell’equipaggio rimasti furono inghiottiti nell’acqua gelida, morendo entro 15-30 minuti. Come si vede nel film, le luci continuarono a funzionare fino a poco prima che la nave affondasse, e come ricordato da un sopravvissuto, si verificò una serie di “terribili esplosioni”, probabilmente dalle caldaie.

Il relitto del Titanic fu trovato il 1º settembre 1985, durante una spedizione guidata da Jean-Louis Michel e Robert Ballard, che scoprì che la nave si era in realtà divisa in due, mentre si credeva da tempo che fosse affondata in un unico pezzo

L’orchestra continuò a suonare

Uno dei momenti memorabili di Titanic è il quartetto d’archi che suona mentre la nave inizia ad affondare. Nella vita reale, l’orchestra continuò a suonare, ma non è chiaro quale fu l’ultima canzone che suonarono. I sopravvissuti hanno riferito che suonarono “Alexander’s Ragtime Band” e “In The Shadows”, e i giornali hanno condiviso che la canzone finale fu “Nearer, My God, To Thee”, mentre i sopravvissuti hanno detto che fu “Song d’Automne”.

La coppia di anziani

Un altro momento indimenticabile (e straziante) è l’anziana coppia di prima classe che decise di rimanere sulla nave, si abbraccia nel letto mentre la loro stanza si riempie d’acqua. Si trattava del proprietario di Macy’s Isidor Straus e di sua moglie Ida, fu offerto loro un posto sulla scialuppa n. 8, ma Isidor scelse di rimanere a bordo finché ci fossero state donne sulla nave.

Ida si rifiutò di lasciare il marito e, secondo i testimoni, gli disse “abbiamo vissuto insieme per molti anni. Dove vai tu, vado io”. Furono visti per l’ultima volta seduti su un paio di sedie sdraio, cosa che i testimoni descrissero come “la più notevole dimostrazione di amore e devozione”, solo il corpo di Isidor fu recuperato.

I passeggeri sono stati salvati dall’acqua

Come visto in Titanic, due delle 16 scialuppe tornarono per recuperare i sopravvissuti dall’acqua, ma lo shock e il resto furono troppo forti per alcuni, così morirono sulle barche. Le scialuppe che tornarono furono la scialuppa 4, guidata dall’ufficiale Perkis, che secondo quanto riferito tirò fuori dall’acqua cinque persone (di cui solo tre sopravvissero) e la scialuppa 14, guidata dal quinto ufficiale Harold Lowe (interpretato da Ioan Gruffud in Titanic), che con l’aiuto di un equipaggio di sei uomini, recuperò quattro persone dall’acqua.

La Carpathia salvò i sopravvissuti

Intorno alle 4:00 del 15 aprile, i sopravvissuti del Titanic furono salvati dalla Carpathia, e i corpi di coloro che morirono sulle scialuppe durante la notte furono lasciati sulle barche e recuperati qualche tempo dopo.

La Carpathia era diretta a Fiume, in Austria-Ungheria (oggi Rijeka, Croazia), ma poiché non aveva le provviste né le strutture mediche per occuparsi dei sopravvissuti del Titanic, cambiò rotta e tornò a New York, in modo che i sopravvissuti potessero essere curati adeguatamente. Molti dei sopravvissuti del Titanic vissero ancora per molti anni, invece altri morirono per lo shock e altri problemi legati alla situazione nelle settimane dopo il disastro.