God Save the… King, Carlo è il nuovo re. Ecco cosa succede adesso

836

Alla morte della Regina, il trono è passato immediatamente e senza cerimonie all’erede Carlo, l’ex Principe di Galles.

principe carlo

Ma ci sono una serie di passaggi pratici – e tradizionali – che deve affrontare per essere incoronato Re. Prima di tutto dovrà cambiare nome, ecco come si chiamerà.

Uno dei suoi primi atti è stato decidere come chiamarsi e ha scelto Re Carlo III, per esempio, il nome di battesimo di suo nonno Giorgio VI era Alberto, ma lui regnava usando uno dei suoi secondi nomi.

Non è l’unico a dover cambiare titolo

Sebbene sia l’erede al trono, il Principe William non diventerà automaticamente Principe di Galles. Tuttavia, erediterà immediatamente l’altro titolo del padre, quello di Duca di Cornovaglia e sua moglie Catherine sarà nominata Duchessa di Cornovaglia.

Ci sarà anche un nuovo titolo per la moglie di Carlo, il cui titolo completo sarà Regina Consorte – consorte è il termine usato per la moglie del monarca.

Cerimonie formali

Nelle prime 24 ore circa dopo la morte della madre, Carlo sarà ufficialmente proclamato Re. Questo avviene a St James’s Palace a Londra, di fronte a un organo cerimoniale noto come Accession Council.

Questo organo è composto da membri del Privy Council – un gruppo di alti parlamentari, passati e presenti, e di pari – così come da alcuni alti funzionari pubblici, da alti commissari del Commonwealth e dal sindaco di Londra. In teoria, più di 700 persone hanno diritto a partecipare, ma dato il breve preavviso, è probabile che il numero effettivo sia molto inferiore. All’ultimo Consiglio di adesione, nel 1952, hanno partecipato circa 200 persone.

Per tradizione il Re non partecipa

Durante la riunione, la morte della Regina Elisabetta verrà annunciata dal Lord Presidente del Privy Council (attualmente Penny Mordaunt MP) e verrà letto un proclama ad alta voce.

La formulazione del proclama può variare, ma per tradizione si tratta di una serie di preghiere e promesse che lodano il monarca precedente e si impegnano a sostenere il nuovo sovrano. La proclamazione viene poi firmata da una serie di alte personalità, tra cui il Primo Ministro, l’Arcivescovo di Canterbury e il Lord Cancelliere.

Come in tutte le cerimonie, si presterà attenzione a ciò che potrebbe essere stato cambiato, aggiunto o attualizzato, come segno di una nuova era.

La prima dichiarazione del Re

Il Consiglio di adesione si riunisce di nuovo – di solito un giorno dopo – e questa volta il Re vi partecipa, insieme al Privy Council. Non c’è un “giuramento” all’inizio del regno di un monarca britannico, nello stile di alcuni altri capi di Stato, come il Presidente degli Stati Uniti. Ma c’è una dichiarazione del nuovo re che, in linea con una tradizione che risale all’inizio del XVIII secolo, giura di difendere la Chiesa di Scozia.

Dopo una fanfara di trombettieri, verrà fatta una proclamazione pubblica per dichiarare Carlo come nuovo Re. La proclamazione verrà fatta da un balcone sopra Friary Court, a St James’s Palace, da un funzionario noto come Garter King of Arms.
Questi proclamerà, “God save the King” (Dio salvi il Re) e, per la prima volta dal 1952, quando verrà suonato l’inno nazionale le parole saranno “God Save the King”.

I colpi di cannone saranno sparati a Hyde Park, alla Torre di Londra e dalle navi militari e il proclama che annuncia Carlo come Re sarà letto a Edimburgo, Cardiff e Belfast.

L’incoronazione

Il culmine simbolico della successione al trono sarà l’incoronazione, quando Carlo verrà formalmente incoronato. A causa dei preparativi necessari, è probabile che l’incoronazione non avvenga subito dopo il passaggio al trono di Carlo: la regina Elisabetta è salita al trono nel febbraio 1952, ma è stata incoronata solo nel giugno 1953.

Negli ultimi 900 anni l’incoronazione si è tenuta nell’Abbazia di Westminster: Guglielmo il Conquistatore è stato il primo monarca a essere incoronato in quel luogo e Carlo sarà il 40°.

Si tratta di un rito religioso anglicano officiato dall’arcivescovo di Canterbury, al culmine della cerimonia, l’arcivescovo metterà sul capo di Carlo la Corona di Sant’Edoardo, una corona d’oro massiccio risalente al 1661.

È il cuore dei Gioielli della Corona della Torre di Londra e viene indossata dal monarca solo al momento dell’incoronazione (anche perché pesa ben 2,23 kg). A differenza dei matrimoni reali, l’incoronazione è un evento di Stato: è il governo a pagare e a decidere la lista degli invitati.
Ci saranno musica, letture e il rituale dell’unzione del nuovo monarca, con oli di arancia, rose, cannella, muschio e ambra grigia.

Il nuovo re presterà il giuramento di incoronazione di fronte al mondo intero. Durante questa elaborata cerimonia riceverà il vessillo e lo scettro come simboli del suo nuovo ruolo e l’arcivescovo di Canterbury gli metterà in testa la corona di cui sopra.

Capo del Commonwealth

Carlo è diventato sovrano del Commonwealth, che riunisce 56 Paesi indipendenti e 2,4 miliardi di persone. Per 14 di questi Paesi, oltre al Regno Unito, il Re è il capo di Stato.

Questi Paesi, noti come regni del Commonwealth, sono: Australia, Antigua e Barbuda, Bahamas, Belize, Canada, Grenada, Giamaica, Papua Nuova Guinea, San Cristoforo e Nevis, Santa Lucia, San Vincenzo e Grenadine, Nuova Zelanda, Isole Salomone, Tuvalu.