Home Storia e Curiosità Luoghi da Scoprire La Nivola, l’originale “ascensore” all’interno del Duomo di Milano

La Nivola, l’originale “ascensore” all’interno del Duomo di Milano

CONDIVIDI SU

Alla scoperta dei segreti e curiosità di Milano, oggi vi porto in uno dei luoghi più rinomati della città, il Duomo, immenso, meraviglioso! Al suo interno custodisce diverse rarità, una di queste è la Nivola.
Ideata nel XVII secolo, è un oggetto tra i più curiosi e straordinari che si possano vedere, da 500 anni è usata come “ascensore” per consentire all’Arcivescovo di portare a terra il Santo Chiodo della Croce di Cristo, una delle reliquie più importanti della cristianità, custodito in un reliquiario posto nel semicatino absidale, in corrispondenza dell’Altare Maggiore, viene portato giù così da poter essere ammirato dai fedeli. Questo rito liturgico cattolico è celebrato ogni anno il 14 settembre per la ricorrenza dell’Esaltazione della Santa Croce.

Nivola_duomo_milano

La forma della Nivola ricorda proprio una nuvola, ed è posizionata a 45 mt. d’altezza sotto la volta dell’abside, dove si trova la figura del “Padre Eterno“. La struttura è formata da un grande cesto di rame dorato del peso di circa 8 quintali, avvolto da nuvole di cartapesta e decorata con angeli. Il movimento avveniva mediante uno speciale meccanismo attribuito a Leonardo, azionato da un argano e manovrato da una ventina di uomini che si trovavano sul tetto della cattedrale. A oggi la Nivola viene abbassata con l’ausilio di un congegno elettrico.

Nivola_duomo_milano_02

Ma ecco da dove nasce questa tradizione:
si narra che la reliquia andò a finire presso un fabbro, questi, senza sapere cosa fosse, cercò di piegarla con un martello, ma per quanti colpi picchiasse non riuscì neppure a scalfirla. Sant’Ambrogio passando davanti alla bottega e probabilmente ispirato da Dio, riconobbe in quel chiodo uno strumento della passione di Cristo, si inginocchiò ad adorarlo e si preoccupò di trovargli una degna sede.
Il rito della Nivola risale al tempo della peste del 1576, quando il 6 ottobre San Carlo Borromeo portò il Santo Chiodo dal Duomo alla Madonna di San Celso per implorare la fine del terribile flagello. Il ripetersi di questa antica e inusuale cerimonia fa sempre accorrere molti fedeli in Duomo, desiderosi di vedere l’abbassamento e l’innalzamento della Nivola, contribuendo così a perpetuare il ricordo della fine del terribile morbo legato al prodigio del Santo Chiodo.

Tanzio_Carlo_Borromeo_Domodossola
Tanzio da Varallo “San Carlo comunica gli appestati” ca.1616, olio su tela, 258 x 156 cm, Domodossola, Collegiata dei santi Gervasio e Protasio
CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.