Home Arte e Mostre Le mini case su mini alberi dell’artista Jedediah Corwyn Voltz

Le mini case su mini alberi dell’artista Jedediah Corwyn Voltz

CONDIVIDI SU

case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-1

Avere una casa sull’albero è sempre stato il sogno dei bambini, quel piccolo fortino che fa da vedetta sulla vita dei grandi, un luogo magico dove si diventa gli eroi di ogni storia.
Forse ne sognava una anche l’artista americano Jedediah Corwyn Voltz che, nella sua nuova serie scultorea dal titolo “Somewhere Small”, ha riprodotto miniature perfette di case sugli alberi attorno a piante comuni d’appartamento o bonsai.

Voltz non è estraneo a questa pratica, da oltre un decennio progetta miniature per la pubblicità e per il cinema, adesso si è cimentato con questi mini habitat che realizza da zero utilizzando piccoli pezzi di legno, seta, opere d’arte in miniatura e pietre semi preziose, nascoste un po’ dappertutto per arredare gli interni o come sostegno per le scalette.

A oggi ne ha prodotte circa 25 tutte somiglianti a piccole torri di guardia nelle foreste o a grandi mulini a vento o a ruote idrauliche.
Questi pezzi unici e molti altri saranno esposti presso il Virgil Normal a Los Angeles, a partire dal 23 aprile.

case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-1 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-2 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-2 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-3 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-3 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-4 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-5 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-6 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-7 case-su-albero-miniatura-jedediah-corwyn-voltz-8

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.