Home Arte e Mostre Kurt Cobain artista in una mostra itinerante

Kurt Cobain artista in una mostra itinerante

CONDIVIDI SU

Kurt-Cobain

L’icona indiscussa del grunge è sicuramente Kurt Cobain, ma forse non tutti sanno che questo grandissimo musicista era anche un artista molto apprezzato.
I rumors stanno spargendo la notizia che presto i disegni, quadri, collage, ma anche oggetti collezionati da Cobain saranno protagonisti di una mostra itinerante.
A darne notizia per primo è stato il New York Times attraverso la voce del discografico Jeff Jampol che con la sua azienda, la Jampol Artists Management, gestisce l’eredità di moltissimi importanti artisti, quali Janis Joplin, Jim Morrison e Michael Jackson.
Jeff, curatore della mostra, ha raccontato «Ci sono tele meravigliose che il mondo non ha mai visto e di cui nessuno ha sentito parlare».

Mostra organizzata anche grazie al fondamentale contributo di Courtney Love e della figlia Frances Bean che da subito è stata entusiaste dell’idea, infatti le due hanno già partecipato alla realizzazione di Montage Of Heck, film biografico uscito lo scorso anno.

Kurt-Cobain-les-photos-de-son-suicide-bientot-devoilees-Courtney-Love-et-sa-fille-s-y-opposent-!_portrait_w674

Ancora non sono noti i dettagli relativi alla mostra, né le opere che verranno esposte, ma qualche idea ce la si può fare riprendendo in mano il dischi Incesticide del 1992 o In Utero, dell’anno successivo: entrambe le copertine fronte e retro sono state ideate dal musicista.

 

Per farvi un’idea di quello che ci sarà in mostra, ecco alcuni lavori del musicista/artista

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.