Home Serie TV, Cinema e Spettacolo Game of Thrones, arriva il vino ufficiale della serie per brindare insieme...

Game of Thrones, arriva il vino ufficiale della serie per brindare insieme a Tyrion Lannister

CONDIVIDI SU

game-of-thrones-wines-vintage-wine-estates-fwx

Della serie Tv fantasy più seguita del mondo, Game of Thrones è stato prodotto davvero di tutto tra merchandise e gadget ma niente è mai stato così tanto azzeccato come la linea di ottime bottiglie di vino ispirate ad alcuni protagonisti tra i più amati/odiati che, durate le puntate non disdegnano mai di bere un buon goccetto.


La HBO insieme alla Vintage Wine Estates, che raggruppa alcuni vigneti americani, lanceranno sul mercato nel corso della primavera 2017 tre tipi differenti di vino: un rosso, un Cabernet Sauvignon ed uno Chardonnay.
I costi sono alla portata di tutti: si va dai 19.99 dollari del rosso e dello chardonnay fino ai 39.99 dollari del Sauvignon.
Dato l’importante ruolo del vino in Game of Thrones e il nostro successo in passato nel settore delle bevande, un vino ufficiale dello show sembra una naturale estensione per i nostri fan“, ha spiegato il Direttore della sezione Licenze e Vendite del network Jeff Peters. “I vini di Game of Thrones sicuramente daranno ai fan una maggiore esperienza nella battaglia al Trono di spade mentre ci si avvia alle ultime stagioni”.
Una bella notizia per tutti i fedelissimi della serie che si godranno la settima stagione, prevista per giugno 2017, sorseggiando un buon vino. Oppure potranno affogare i dispiaceri prima dell’inizio della serie che prevede solo 7 puntate e cercheranno di dimenticare tutti i dannati spoiler che da qui all’estate ci travolgeranno.

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.