Home NEWS CES: la fiera delle meraviglie tech del 2017

CES: la fiera delle meraviglie tech del 2017

CONDIVIDI SU

Tra interessanti innovazioni, prototipi avveniristici e gadget completamente inutili ecco alcune delle novità della grande fiera tecnologica di Las Vegas CES, Consumer Electronics Show. In varie forme, il CES esiste da 50 anni: la prima edizione fu organizzata nel 1957 e da allora è sempre stato l’occasione migliore per le società tecnologiche – piccole e grandi – per mostrare i loro nuovi prodotti, concept di vario tipo e progetti, che spesso però rimangono tali e non finiscono mai sul mercato: l’automobile emotiva e il tablet per ciechi, il robot che pulisce la lettiera del gatto e i jeans che fungono da navigatore, vibrando per indicare la direzione.
In questa selezione vogliamo presentarvi le 10 idee che ci hanno più colpito

1Specktr

(FREDERIC J. BROWN/AFP/Getty Images)

Specktr, un guanto con un sensore che rileva i movimenti delle dita, traducendoli in effetti musicali che possono essere mixati tramite un’app in tempo reale.

2Smart Bed di Sleep Number

Lo Smart Bed di Sleep Number che rileva i movimenti del corpo durante la notte, adattando la sua forma per un migliore riposo: ha sensori che rilevano quando una persona sta russando, per modificare la posizione del materasso e farla smettere, e un sistema per scaldare i piedi.

3Smart Breast Pump

(FREDERIC J. BROWN/AFP/Getty Images)

Per “facilitare” le donne invece è stata ideata la Smart Breast Pump, per tirare il latte durante il periodo dell’allattamento: le due coppe si inseriscono nel reggiseno e lentamente estraggono il latte durante la giornata.

4Emoji

(David Becker/Getty Images)

Tra le novità anche le batterie esterne per la ricarica di smartphone e altri dispositivi, fatte a forma di Emoji.

5Kingston flash drive

Il flash drive più capiente del mondo, si tratta di una chiavetta USB 3.0 della capacità di ben due terabyte di Kingston. Il nuovo ‘DataTraveler Ultimate GT’ da 2 TB, che può contenere fino a 70 ore di video di qualità 4K e misura appena 72x27x21 millimetri.

6Kikoo

(Ethan Miller/Getty Images)

Al CES presenti anche una serie di robot tra cui Kikoo, il prototipo di un robot pensato per interagire con i bambini e badare a loro, quando i genitori sono al lavoro e che atraverso sistemi di riconoscimento dei volti, può raccontare storie, mostrare video e riprodurre musica.

7Lynx

Lynx invece è un piccolo robot che balla e fa evoluzioni di vario tipo: è stato inserito al suo interno un sistema per utilizzare Alexa, l’assistente personale di Amazon attivabile con comandi vocali.

8Armoto

(FREDERIC J. BROWN/AFP/Getty Images)

Armoto, è un giocattolo “intelligente” con sensori per rilevare movimenti e la presenza delle persone: ha un sistema interno di intelligenza artificiale per migliorare le sue capacità di linguaggio, e algoritmi che possono essere sfruttati dagli sviluppatori per aggiungere nuove funzionalità.

9Alien

(FREDERIC J. BROWN/AFP/Getty Images)

Alien, altoparlanti bluetooth prodotti da Supersonic.

10Jukebox per vinili Crosley


Per concludere con una nota vintage, dopo 25 anni l’azienda americana Crosley, specializzata in sistemi di riproduzione audio, ha presentato un jukebox per vinili che si vanta di essere l’unico attualmente in produzione nel mondo. E non è facile da ottenere: la società prevede di metterne 16 unità sul mercato entro maggio, a un prezzo di listino che sfiora i 12mila dollari. Il jukebox può ospitare settanta dischi in formato 45 giri, per un totale di 140, ma non solo. Il jukebox ha infatti un cuore hi-tech che consente di scegliere le canzoni a distanza e anche di suonare brani che non sono su vinile, grazie a una connessione Bluetooth che lo collega ad altre fonti musicali.

CONDIVIDI SU
Cristina Canci
Insegnante di Lettere in puro stile Rottermeier, ma con un cuore nerd prestato al giornalismo, ha fatto del suo rapporto con la penna una questione ontologica. L'Arte, i libri e la cultura in tutte le sue forme sono la sua passione più sfrenata, dopo la cucina, perché, novella Artusi in gonnella, anche l'occhio vuole la sua parte (infatti lei è miope)