Home Arte e Mostre Alla GAM visite guidate con caffè e cornetto offerti dalla nuova caffetteria...

Alla GAM visite guidate con caffè e cornetto offerti dalla nuova caffetteria LùBar

CONDIVIDI SU

Un’iniziativa davvero interessante e golosa quella promossa dalla GAM Galleria d’Arte Moderna per il mese di maggio: raccontare e approfondire la conoscenza del museo e della mostra “100 anni. Scultura a Milano 1815-1915” attraverso visite guidate tenute dai curatori della mostra e precedute da un caffè con cornetto offerti per l’occasione da LùBar, la nuova caffetteria del museo. Con il solo biglietto di ingresso sarà possibile, dalle ore 11, fare colazione e poi visitare il museo.

Il costo del biglietto è di 5 euro (ridotto 3 euro), la prenotazione (obbligatoria) va fatta all’indirizzo e-mail: [email protected] (max 20 persone a visita).

Elena Braghieri

In occasione della mostra “100 anni. Scultura a Milano 1815-1915”, la GAM organizza anche, ogni martedì alle ore 18 in Sala da ballo, una serie di conferenze dedicate ad approfondire i temi della scultura e dell’arte del XIX secolo, il suo rapporto con la città e con l’estero, i suoi protagonisti.

Il programma:

Martedì 16 maggio
Niccolò D’Agati
Una scultura romantica?
La scultura a Milano tra temi letterari e sensibilità moderna

Martedì 23 maggio
Sergio Rebora
Nuovi mecenati.
La scultura e la committenza nella Milano postunitaria

Martedì 30 maggio
Omar Cucciniello
Marmi sulla Senna.
La Scuola di Milano a Parigi

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

INFO E ORARI DELLA GAM

Aperta da martedì a domenica dalle ore 9 alle 17.30 (ultimo ingresso 30 minuti prima dell’orario di chiusura) – Lunedì chiuso

Biglietto intero €. 5,00 – ridotto €. 3,00

Ingresso gratuito ogni giorno un’ora prima della chiusura e tutti i martedì dalle ore 14.00.

Ingresso alla mostra incluso nel biglietto del Museo.

www.gam-milano.com

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.

Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l’occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.