Home Arte e Mostre C’era molte volte il jazz: una favola a suon di musica

C’era molte volte il jazz: una favola a suon di musica

CONDIVIDI SU

C’era una volta… No, niente principesse né fate stavolta. Protagonista di questa storia è la musica.

C’era una volta, anzi, c’era molte volte il jazz: così inizia la storia con cui laVerdi allieterà le vostre orecchie oppresse dalla calura estiva.
Dal 23 luglio al 10 agosto, sei concerti racconteranno la storia del più americano dei generi musicali che quest’anno festeggia un secolo di vita su vinile.

100 anni sono trascorsi da quando, il 31 gennaio 1917, negli studi della Columbia, la Original Dixieland Jass Band registrò Livery Stable Blues: il primo disco jazz della storia.

Il narratore di questa fiaba a ritmo di musica sarà il napoletano Alessandro Cerino, poliedrico compositore, strumentista e, ovviamente, grande appassionato di jazz.
Sarà lui a introdurre ogni concerto, accompagnandolo con ascolti e filmati d’epoca. Anche se, come lui stesso specifica, più di tutto “saranno i musicisti stessi a farci ripercorrere i punti fondamentali del jazz”.

Partendo dalle prime espressioni della musica afro-americana, passando poi attraverso il rag e i ritmi di New Orleans, si approderà alle ultime tendenze multiformi e ricche di contaminazioni. Un racconto che, attraverso molteplici punti di vista, esplorerà a tutto tondo gli artisti, gli stili e le evoluzioni di un genere che ormai attraversa tre secoli.

Di levatura internazionale gli ospiti che, per l’occasione, calcheranno il palco dell’Auditorium: oltre a Cerino e al suo gruppo, parteciperanno alla rassegna gli All Stars di Paolo Tomelleri, l’Emanuele Cisi Quartet, il Dilene FerrazSergio Lavia Ensemble e il Daniela Panetta Quartet.

Giù dal palco inoltre, un’ora prima di ogni concerto, il trio di Sebastiano “Bubba” Sempio animerà largo Mahler con una jam session in perfetto stile jazz di strada, alla quale, di volta in volta, si unirà il solista di turno prima di dare inizio alla serata.

Non di sola musica vive il jazz. E così, la rassegna sarà accompagnata da altre 2 manifestazioni collaterali. La prima, il concorso fotografico “MostraMI il Jazz”, premierà i più originali tra gli scatti inviati dagli aspiranti fotografi, tutti a tema jazz, ovvio.
La seconda, invece, è una vera e propria chicca e vedrà esposte nel Foyer della Galleria dell’Auditorium di Milano i ritratti dei grandi protagonisti della musica afro-americana, immortalati dall’obiettivo di Roberto Polillo, considerato uno dei maggiori fotografi di musica jazz.

Saranno gli All Stars di Paolo Tomelleri ad aprire le danze il 23 luglio con la serata a tema Le origini del jazz.
Il 27, poi, si volerà alto con Bird, un volo verso l’infinito pilotato dall’Alessandro Cerino Quartet.
E si continuerà a viaggiare il 30, ma questa volta su binari, con Trane, un treno verso il futuro a cura dell’Emanuele Cisi Quartet.
La prima data di agosto, il 3, avrà invece come protagonista il Daniela Panetta Quartet ne In principio era la voce.
Ballerina la domenica del 6 con …E il samba sbarcò in USA e il Dilene FerrazSergio Lavia Ensemble.
Per concludere, l’Alessandro Cerino Ensemble riporterà tutti nel presente nella serata finale dal titolo …E oggi?

C’era molte volte il jazz
a cura di Alessandro Cerino
Auditorium di Milano Fondazione Cariplo
Largo Gustavo Mahler
www.laverdi.org