PAW ⋄ CHEW ⋄ GO.  Sì avete letto bene. Esattamente, “paciugo”. Il festival di illustrazione e arti minori, torna a Milano sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018 per la sua quinta edizione. A fare da cornice al festival, sarà anche quest’anno BASE Milano che accoglierà oltre 80 illustratori italiani ed europei e numerosi appuntamenti – fra talk, mostre e workshop – aperti a tutti, dai professionisti del mondo dell’illustrazione e della comunicazione visiva, fino a curiosi, appassionati e a chi è a caccia di una bella illustrazione di qualità da portare con sé.

Il programma è ricco di appuntamenti e noi di fortementein.com vogliamo segnalare  in particolare: l’area mercato con più di 80 illustratori professionisti tra cui La Fille Bertha, Sarah Mazzetti, Francesco Poroli, Elena Xausa, Marco Goran Romano, Elisa Macellari, Elisa Talentino; un palco che ospiterà personaggi del mondo della comunicazione visiva e non come Paolo Iabichino, James Clough, Claude Marzotto, Marta Sironi, Debbie Bibo, moderati da Simone Sbarbati di Frizzifrizzi. I workshop di disegno e calligrafia con Martoz, James Clough, Annalaura Cantone e Thomas Cian e un bookshop con pubblicazioni da tutto il mondo curato dallo Spazio B**K.

 

The Last but not the least, PAW ⋄ CHEW ⋄ GO. Presenta inoltre due mostre inedite: una dedicata a Phototeca, il progetto editorial-onirico di Ando Gilardi ( la prima mostra dedicata alla rivista Phototeca ) e, grazie a Nurant Magazine, la mostra 12×12 Dodici Decenni per Dodici mesi, La moda incontra l’illustrazione.

 

QUANDO
Sabato 13 ottobre 2018 – dalle 12.00 alle 22.00
Domenica 14 ottobre 2018 – dalle 10.00 alle 21.00

DOVE
BASE – Via Bergognone 34, Milano
Ingresso gratuito

Cristina Canci
Insegnante di Lettere in puro stile Rottermeier, ma con un cuore nerd prestato al giornalismo, ha fatto del suo rapporto con la penna una questione ontologica. L'Arte, i libri e la cultura in tutte le sue forme sono la sua passione più sfrenata, dopo la cucina, perché, novella Artusi in gonnella, anche l'occhio vuole la sua parte (infatti lei è miope)