Il 2019 porta con sé diverse novità per quanto riguarda le assicurazioni RC auto, tutte introdotte dal decreto legge sulle liberazioni. Le novità previste hanno come obiettivo principale quello di aumentare la concorrenza tra le compagnie assicurative, di avere una maggiore trasparenza e la riduzione sostanziale dei costi delle polizze, spesso molto elevati. Tutti cambiamenti pensati per agevolare gli automobilisti, in particolar modo i più virtuosi.

È importante sapere quanti e quali sono i cambiamenti previsti dal nuovo decreto legge sulle liberazioni prima di richiedere il vostro preventivo su misura per l’assicurazione auto, così da poter essere veramente sicuri di scegliere la polizza che fa per voi e soprattutto quella che vi farà risparmiare di più.

L’istallazione della scatola nera, o insurance box, sulla propria vettura, è tra le principali novità che garantiscono un risparmio sicuro sulla polizza auto.

Si tratta di un dispositivo elettronico mobile dotato di rilevatore GPS che si alimenta con la batteria dell’automobile ed è collegato a una centrale operativa remota che registra i dati raccolti. Funziona come la scatola nera degli aerei, ovvero è in grado di registrare una grande quantità di dati relativi ai movimenti dell’auto. Ciò vuol dire che registra lo “stile di guida” dell’automobilista, misura la velocità di marcia e di accelerazione del veicolo e i tempi si sosta. È in grado di rilevare i dati sia di giorno che di notte, nei percorsi urbani che extraurbani in termini percentuali. Serve soprattutto a ricostruire le dinamiche di eventuali sinistri e incidenti con molta precisione, evitando così le frodi ai danni delle compagnie assicurative.

Installare una scatola nera sulla propria vettura ha sicuramente molti vantaggi ma anche qualche svantaggio.

Tra i vantaggi c’è sicuramente quello di essere un buon deterrente contro i comportamenti sbagliati e quindi pericolosi alla guida; chi ha una black box installata sulla propria auto è portato ad avere un atteggiamento più corretto, a rispettare i limiti di velocità imposti e la segnaletica stradale.

Chi fa installare una scatola nera sulla propria auto si assicura la scoutistica applicata dalla propria compagnia, la localizzazione e quindi l’assistenza 24 ore su 24 e in caso di malfunzionamenti o incidenti oltre che l’intervento immediato del carro attrezzi.
Sono numerosi i vantaggi anche in termini economici, l’assicurato che decide di farla installare sulla propria auto ottiene uno sconto sul premio assicurativo che corrisponde a una riduzione di non meno del 7%, la compagnia è obbligata ad applicare lo sconto sul premio, pena il pagamento di sanzioni amministrative applicate dall’IVASS. Se si decide per l’istallazione, questa deve essere sottoscritta con clausola contrattuale specifica nel momento in cui si paga il premio all’assicurazione.

Tra gli svantaggi invece c’è sicuramente la perdita praticamente totale della privacy quando si è alla guida. La insurance box, infatti, registra ogni nostro movimento quando siamo alla guida segnando luoghi, abitudini e tratte dell’automobilista.

Un altro svantaggio, più pratico, è il consumo maggiore e più rapido della batteria perché vi è costantemente collegata.

Infine, si può aggiungere anche la difficile comprensibilità dei dati registrati da parte dell’utente comune: nel caso in cui avvenga un incidente in cui si ritiene di avere ragione, senza la capacità di leggere e comprendere i dati, può rivelarsi difficile riuscire a sostenere che sia così e a non concedere i risarcimenti per i danni.

Se vi siete incuriositi allora è il momento di passare ai fatti: chi si occupa dell’istallazione della scatola nera?

L’istallazione è compito del personale autorizzato delle officine convenzionate con la compagnia assicurativa scelta. Il montaggio richiede solo un paio d’ore e l’automobilista può tornare a circolare non prima delle verifiche del corretto funzionamento del dispositivo, tra cui quella dell’eCall. È importante segnalare, inoltre, che i costi dell’istallazione non sono a carico dell’automobilista ma della compagnia assicurativa.

L’istallazione della scatola nera non è l’unico modo previsto per poter risparmiare sulla polizza auto, tra le novità c’è anche lo sconto sulla polizza in caso di incidente.

Questo sconto è riservato soltanto agli automobilisti che accettano, in caso di incidente, di rivolgersi obbligatoriamente a professionisti finanziati direttamente dalle imprese assicurative per le prestazioni medico sanitarie. Anche in questo caso la riduzione sul costo della polizza è di circa il 7 % e, anche in questo caso, una mancata applicazione dello sconto da parte delle compagnie assicurative può valergli sanzioni da un importo minimo di 5.000 € a un massimo di 40.000 €. Le compagnie devono inoltre fornire l’elenco dei medici e delle strutture convenzionate con loro, che deve essere facilmente reperibili e consultabili online da parte dei clienti della compagnia.

Infine, il decreto premia gli automobilisti più virtuosi, ovvero quelli che per un periodo di 5 anni non hanno causato incidenti e sinistri, con un bonus in linea con la polizza media nazionale.