In questa guida vedremo la recensione della Fujifilm X-T100, partendo però da una premessa necessaria: si tratta di un’ottima fotocamera, ma non la più avanzata prodotta dalla Fujifilm, come fra l’altro si può intuire guardando il prezzo. A fronte di tutto, però, va anche detto che la X-T100 possiede delle caratteristiche comunque importanti che andremo a scoprire proprio oggi. Il motivo sta in un vantaggio che noi consideriamo a dir poco fondamentale: perché va a colmare un vuoto cruciale nel mercato delle mirrorless, e questa Fujifilm affronta le reflex digitali sul loro stesso terreno.

Recensione Fujifilm X-T100
Fino a poco tempo fa, le fotocamere mirrorless venivano suddivise in due gruppi principali: i modelli a basso costo, senza mirino e controlli semplificati e le fotocamere nel complesso più avanzate, con mirini per appassionati e professionisti, ma con un prezzo molto alto. Quello che fa la Fujifilm X-T100, quindi, è portare l’esperienza del mirino in stile DSLR ma ad un prezzo decisamente più conveniente, andando a rappresentare una comodissima via di mezzo fra le due categorie sopracitate. In sintesi, ci troviamo di fronte ad un piccolo gioiello compatto ed entry-level, ma comunque performante.

Prima di andare a studiare nello specifico le caratteristiche tecniche di questa Fujifilm, è il caso di anticipare un po’ quello che sarà il nostro verdetto finale. Si comincia da qualche difetto presente per via del costo, ovvero una sovrapposizione occasionale e la presenza di alcuni pulsanti che si premono fin troppo facilmente. Detto ciò la Fujifilm X-T100 ha un design classico e molto semplice, un obiettivo pratico e compatto e un layout per i controlli davvero efficace. Anche la qualità delle immagini spicca come uno dei maggiori vantaggi di questo modello, insieme al già citato prezzo, relativamente economico. In altri termini, la Fujifilm X-T100 incorpora delle caratteristiche che, di solito, appartengono a fotocamere di ben altro livello.

Vantaggi

  • Kit obiettivo compatto da 15-45 mm
  • Design classico Fujifilm
  • Scatti sempre nitidi

Svantaggi

  • Velocità di messa a fuoco automatica non eccezionale
  • Il sensore CMOS non è un X-Trans
  • Incline alla sovraesposizione

Caratteristiche tecniche Fujifilm X-T100

  • Sensore: CMOS APS-C da 24,2 MP, 23,5 x 15,7 mm
  • Punti AF: AF ibrido fase / contrasto a 91 punti
  • Intervallo ISO: da 200 a 12.800 (100-51.200)
  • Dimensione massima dell’immagine: 6.000 x 4.000
  • Zone di misurazione: 256
  • Video: 4K UHD a 15p, Full HD a 60/50 / 24p
  • Mirino: EVF, 2.360 K punti, copertura 100%
  • Scheda di memoria: SD / SDHC / SDXC (UHS-I)
  • LCD: touchscreen inclinabile a 2 assi da 3,0 pollici, 1.040K punti
  • Raffica massima: 6 fps
  • Connettività: Wi-Fi, Bluetooth
  • Dimensioni: 121,0 x 83,0 x 47,4 mm (solo corpo)
  • Peso: 448 g (con batteria e scheda di memoria)

Le specifiche di base della Fujifilm sono efficaci e questo emerge leggendo la lista presentata poco sopra. Il sensore CMOS è un APS-C da 24,2 MP, dunque non si tratta di quell’X-Trans che in genere si trova nelle macchine fotografiche di fascia alta. Ad ogni modo, il sensore svolge comunque un ottimo lavoro, quindi si parla di un compromesso facilmente accettabile. Buona la funzionalità per i video 4K, ma la frequenza di fotogrammi non si dimostra all’altezza della situazione, e ancora una volta si parla di un fattore legato all’economicità della Fujifilm X-T100. Anche le prestazioni di scatto continuo non sono nulla di eccezionale, per questo non è una fotocamera consigliata agli specialisti delle foto sportive.

Tuttavia, come fotocamera per principianti e per appassionati che amano sperimentare, la Fujifilm X-T100 si presenta come una buonissima soluzione ad un costo più abbordabile rispetto ad altri prodotti. Alzano il voto di questa fotocamera, ad esempio, le celeberrime modalità di simulazione proprie della Fujifilm, e anche la possibilità di scattare in RAW. Il tutto con la conversione automatica, ottima scappatoia per chi desidera evitare la conversione al computer. Di buon livello anche le modalità di gamma dinamica estesa, che modificano le impostazioni ISO per catturare un’immagine con luminosità più ampia del normale.

Altro aspetto tecnico della Fujifilm da considerare è il seguente: esiste una modalità SR AUTO avanzata che analizza ogni scena, e che seleziona le impostazioni di messa a fuoco più appropriate. Se ti piacciono gli effetti istantanei integrati nella fotocamera, allora la Fujifilm X-T100 non ti deluderà, vista la presenza di un filtro avanzato con un’ampia gamma di effetti diversi. Il sistema di messa a fuoco automatica sembra essere lo stesso delle fotocamere della serie X di Fujifilm, e questa è un’ulteriore buona notizia.

La caratteristica più interessante di questo particolare modello Fujifilm, comunque, è un’altra. Facciamo riferimento al nuovo kit obiettivo OIS PZ XC15-45mm F3.5-5.6, che abbiamo visto esordire sul modello X-A5 più economico. Si tratta di un obiettivo zoom motorizzato compatto che si ritrae quando non viene utilizzato, così da occupare meno spazio. Inoltre, offre un angolo di visione più ampio rispetto allo zoom medio, con una gamma focale di 23-69 mm. Si perde qualcosa all’estremità più ampia della gamma di zoom, ma per la maggior parte degli utenti questo non rappresenterà un problema. Perché il tutto viene compensato da un importante guadagno grandangolare all’altra estremità della gamma.

Un altro vantaggio che non potremmo non citare è l’integrazione della connettività Wi-Fi e Bluetooth sulla Fujifilm X-T100. Si parla di un fattore molto importante, in quanto ti dà la possibilità di trasferire automaticamente le immagini a qualsiasi dispositivo collegato. Per quanto concerne la durata della batteria, il valore si attesta intorno ai 430 scatti: una misura accettabile, garantita fra l’altro dalla presenza di una tecnologia a ioni di litio.

Il nostro verdetto sulla Fujifilm X-T100
Come abbiamo anticipato all’inizio della nostra recensione sulla Fujifilm X-T100, ci troviamo di fronte ad un modello relativamente economico, con una serie di pregi e di difetti. Gli svantaggi più fastidiosi riguardano la già citata sovraesposizione, e un set di pulsanti che possono essere premuti anche per sbaglio, perché molto sensibili. Nulla da dire in termini di design e di qualità degli scatti, che si rivelano a dire il vero di ottima fattura. Se si sta cercando una macchina fotografica mirrorless più avanzata, senza per questo dover spendere molti soldi, allora questo è modello perfetto.