Vinilici  carlo verdone in una scena del film

Sbarca dal 3 dicembre su Amazon Prime Video, distribuito da 102 Distribution, ‘Vinilici – perché il vinile ama la musica’.

Arriva su Amazon Prime Video, il primo docufilm dedicato al ritrovato interesse in Italia per la musica su questo meraviglioso supporto. Nel film testimonianze di grandi personaggi tra i quali Carlo Verdone, Mogol, Renzo Arbore e Red Ronnie.

“Vinilici – perché il vinile ama la musica” è il primo docufilm interamente italiano sulla riscoperta del vinile e alla ritrovata passione per questo supporto. Distribuito da Mescalito Film e uscito nelle sale cinematografiche italiane, il docufilm diretto da Fulvio Iannucci, ha partecipato al Riff di Roma.

“Vinilici” vuole indagare il ritrovato interesse per la musica su vinile in Italia. I dischi in vinile, infatti, non sono più acquistati solo dai collezionisti ma anche da una nuova e più ampia schiera di appassionati di diverse età. Attualmente il vinile corrisponde al 6% del mercato totale. La crescita totale dal 2012 è pari al +330% (fonte: FIMI) Si tratta di un nostalgico ritorno al passato o di un’opportunità per il futuro?
Il film parte da Napoli, originaria capitale della musica e del disco in Italia. E non è un caso: la Phonotype Record, fondata a Napoli agli inizi del ‘900, è tra le prime case discografiche al mondo ad avere un autonomo stabilimento per la fabbricazione di dischi. “Vinilici” non è un documentario “tecnico” per pochi esperti ma il racconto di esperienze di appassionati che si uniscono in una storia più grande, quella del vinile.
Un progetto che è nato come un atto d’amore per il vinile inteso nel vero senso del termine, perché evidenzia l’amore musica come elemento imprescindibile nella vita di ognuno, anche se in modo sempre soggettivo. Infatti la scelta del titolo deriva da un certo modo di vedere il supporto, quasi come una piacevole dipendenza, una “droga buona”.

Vinilici  mogol una scena del film

Sono numerose e prestigiose le testimonianze presenti nel film: Renzo Arbore, Carlo Verdone, Elio e le Storie Tese, Mogol, Claudio Coccoluto, Giulio Cesare Ricci, Red
Ronnie, Gianni Sibilla, Claudio Trotta, Lino Vairetti, Bruno Venturini ed altri ancora.

Sostenuto con un’operazione di crowdfunding da centinaia di appassionati, “Vinilici” è stato realizzato in 22 giorni di riprese da NFI – Napoli Film Industry e diretto da Fulvio Iannucci. Nato da un’idea di Nicola Iuppariello il DOCUFILM è stato scritto con Vincenzo Russo e prodotto da Luigia Merenda e Vincenzo Russo con la partecipazione di Iuppiter.eu, Carot One Audio Revolution, Antonio de Spirito, Alessandro Cereda, Lino Santoro. Attraverso le testimonianze esclusive e preziose di musicisti, autori, collezionisti, audiofili, venditori, sociologi, appassionati, Vinilici è la storia di un’icona ritrovata, “il disco” : dalla registrazione alla stampa, dalla distribuzione all’acquisto, dall’ascolto alla sua conservazione.

Noi di Fortementein abbiamo recensito il film, per saperne qualcosa in più e leggere la recensione, cliccate qui.

Sara Formisano
Cinefila convinta e amante della letteratura da sempre. Di fronte a un foglio bianco la prima cosa che le viene in mente è: scrivere! Figlia della regola aristotelica per cui possiamo mettere ordine nel caos della vita solo attraverso una storia, con un inizio un mezzo e una fine. Accanita consumatrice di storie, le legge, le vede e le scrive. La sua citazione preferita, quella che un po' la descrive è: "L'unico modo per resistere alle tentazioni è cedervi". Laureata in Cinema, con una specializzazione in Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale, ha conseguito un Master in Cinema e Televisione con un focus in Sceneggiatura. Ha fatto script concept per Teatri Uniti e lo scouting dei film per Imago Company. Da sempre appassionata di letteratura, esprime quello che ha dentro con la scrittura. Ha spesso rubato da quello che vedeva tutti i giorni in treno mentre andava al lavoro oppure dalle esperienze delle amiche. Il suo desiderio più grande è pubblicare il suo primo romanzo.