The Crown foto di famiglia

È approdata da poco su Netflix la quarta stagione di The Crown (tra amore da parte dei fan e ira da parte dei reali inglesi) che già si inizia a vociferare dell’attesissima quinta stagione, ecco cosa sappiamo del cast completamente rinnovato e della trama.
Ci sono notizie certe, ovvero, è meglio godersi pian piano la quarta stagione, anzi magari fare un bel rewatch della serie perché l’attesa per la quinta stagione di The Crown sarà lunga. La produzione, come è abituata a fare, si prenderà un’importante pausa, questo era già accaduto tra la stagione 2 e la 3 in cui erano passati circa due anni di lavorazione e dove abbiamo visto il passaggio di testimone tra Claire Foy a Olivia Colman nel ruolo della Sovrana. Le prospettive sono le medesime, gli episodi potrebbero non arrivare sulla piattaforma di streaming prima del 2022, infatti, dopo le fine della quarta stagione, la serie di Peter Morgan sulla storia della famiglia reale inglese, si fermerà diversi mesi e le riprese per la quinta stagione riprenderanno non prima di giugno 2021. Considerando i tempi di produzione e di post produzione, la stagione, con un’attesissima “nuova” regina Elisabetta II, interpretata da Imelda Staunton, arriverà non prima degli ultimi mesi del 2022. La scelta di prendersi dei tempi importanti non sembra da imputare, in questo caso, all’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, si tratta proprio di una scelta voluta per la qualità del prodotto a cui siamo abituati, il tempo infatti si rivela alleato necessario soprattutto per cercare nuove location e spostare l’intera macchina produttiva.

The Crown la regina elisabetta e la sua interprete

E non da meno dobbiamo fare i conti con un nuovissimo cast, come anticipato, in cui vedremo nuovi interessanti interpreti a ricoprire i ruoli a cui adesso siamo abituati, sicuramente il più atteso è quello della Regina Elisabetta II, dopo Claire Foy e Olivia Colman arriva Imelda Staunton; a prendere il ruolo del Principe Filippo, ereditato da Matt Smith e Tobias Menzies vedremo Jonathan Pryce; una figura che negli ultimi anni diventata iconica è quella della sorella della regina, la Principessa Margaret, interpretata da Helena Bonham Carter, adesso verrà interpretata da Lesley Manville. Ci siamo appena affezionati all’interpretazione incredibile di Emma Corrin, nei panni di Lady D, che già l’andremo a perdere e al suo posto vedremo l’attrice australiana Elizabeth Debicki, ovviamente anche per Carlo ci sarà un cambio di interprete, Dominic West subentrerà a Josh O’Connor. Nuove personaggi con una maturità diversa che si adeguano ai tempi che passano.

The Crown la regina elisabetta w Diana con le loro interpreti

Ma passiamo all’argomenti che tutti stanno aspettando, cosa vedremo nella quinta stagione di The Crown?
Da Netflix non sono ancora arrivate comunicazioni ufficiali riguardo alla trama e agli eventi che faranno da perno alla stagione, però alcuni indizi possono esserci utili per tirare delle somme più che plausibili. La quarta stagione ha ricoperto un arco temporale di 12 anni, dal 1979 al 1991, sappiamo inoltre che sicuramente ci sarà una sesta stagione che non si spingerà oltre i primi anni 2000, questo perché più volte il creatore, Peter Morgan, ha spiegato che una delle regole impostosi su cosa inserire nella serie non deve esserci niente che riguardi i fatti accaduta negli ultimi 20 anni, quindi è molto improbabile che la prossima stagione includerà il terribile incidente che coinvolse la Principessa Diana, che morì il 31 agosto 1997. Con questi presupposti temporali e con una sesta serie da realizzare stando entro i 20 anni, è molto probabile che The Crown 5 coprirà un arco di tempo più breve del solito, al massimo cinque anni in un ciclo di episodi interamente ambientati negli anni ’90, un periodo turbolento soprattutto per Carlo e Diana, ormai ai ferri corti e impegnati in relazioni extra coniugali, un fil rouge che abbiamo lasciato aperto con la fine della quarta stagione, dove ancora il “segreto” era custodito tra le mura del Palazzo, ma che sappiamo aver avuto dei risvolti molto più ampi, infatti è proprio negli anni ’90 che i contrasti nella coppia diventano di dominio pubblico creando incredibile scompiglio. Ma non saranno gli unici a dare scandalo in casa reale e a mettere la Regina sulle prime pagine dei tabloid inglesi, infatti Elisabetta II dovrà affrontare la separazione del Principe Andrea da Sarah Ferguson e il secondo matrimonio della Principessa Anna con il comandante della Royal Navy Timothy Laurence. Inoltre il 1992 fu l’anno dello spaventoso incendio che colpì il castello di Windsor, una delle residenze reali. Insomma, come lo definì la regina stessa durante un discorso, quello fu un “annus horribilis”. Mentre sul fronte politico, dopo aver salutato la Thatcher, entrerà in scena Primo Ministro, John Major, il quale nel tempo ha fatto parlare parecchio di sé.