I 7 migliori debutti alla regia del 2021, da Pig a Passing, i film da vedere

24

Il 2021 è stato un anno insolito per il cinema, dato che molti dei film più attesi del 2020 sono stati rimandati a causa delle chiusure delle sale COVID-19. Come risultato, la lineup dell’anno presentava molti film tra alcuni dei più grandi registi di oggi come; Steven Spielberg, Joel Coen, Jane Campion, Edgar Wright, Asgard Farhadi, Wes Anderson, Paul Thomas Anderson, Guillermo del Toro, Ridley Scott, Lana Wachowski, Pablo Lorrain e Denis Villeneuve solo per nominarne alcuni.

Dato il gran numero di nomi affermati che dominano il panorama, è più che impressionante che molti registi esordienti siano riusciti a sfondare. La natura mutevole della programmazione nelle sale rende ancora più difficile definire cosa sia un “successo nelle sale”, ma speriamo di vedere più progetti di questi autori emergenti. Ecco i sette migliori debutti alla regia del 2021, questo sono film da vedere.

Pig (Michael Sarnoski)

Pig (Michael Sarnoski)

Anche se ha trascorso la maggior parte dell’ultimo decennio in film di genere a basso costo, Nicolas Cage di tanto in tanto si prende una possibilità con un giovane regista e ricorda agli spettatori il grande attore che è. Anche se film come Mom and Dad o Mandy erano progetti divertenti e “scombinati”, Cage ha regalato una delle sue interpretazioni più sensibili e toccanti di sempre nel primo lungometraggio di Michael Sarnoski, Pig.
Cage interpreta Robin Feld, un ex chef di Portland che ora vive da recluso nella natura con il suo fedele maiale, alla ricerca di tartufi. Sarnoski tratta l’insolito personaggio con totale sincerità emotiva; è incredibilmente paziente nell’esplorare il rapporto di Robin con la sua ex professione senza stigmatizzare le sue eccentricità. Questo titolo è sicuramente da mettere tra i film da vedere al più presto.

The Lost Daughter (Elena Ferrante)

The Lost Daughter

La figlia perduta di Elena Ferrante è uno dei grandi romanzi considerati da molti impossibili da adattare in un film a causa della sua penetrante prospettiva in prima persona, e le prospettive di un adattamento di Maggie Gyllenhaal hanno sollevato preoccupazioni tra i fedeli fan della Ferrante. Tuttavia, l’autrice stessa ha scritto una lettera aperta a The Guardian; non solo credeva che la sceneggiatura di Gyllenhaal soddisfacesse i suoi intenti con il materiale, ma ha insistito che la Gyllenhaal stessa dirigesse il film.
The Lost Daughter è una masterclass di tensione che capisce l’importanza di far crescere l’ansia gradualmente, mentre molti registi esordienti optano per un sottotesto più ignaro. Ambientato in una spiaggia isolata per le vacanze estive, il film segue la donna di mezza età Leda Caruso (Olivia Colman) mentre diventa ossessionata dalla donna più giovane Nina (Dakota Johnson) e da sua figlia. Gyllenhaal è una grande attrice di per sé, e naturalmente ottiene performance degne di premi dal suo ensemble stellare.

Mass (Fran Kranz)

Mass (Fran Kranz)

Fran Kranz può essere meglio conosciuto come lo stupido fattone di Quella casa nel bosco, ma l’ex comico ha certamente sovvertito le aspettative con il suo devastante debutto alla regia con Mass. Il dramma a location sono un pezzo di conversazione tra due gruppi di genitori. Jay (Jason Isaacs) e Gail (Martha Plimpton) hanno perso il figlio in una sparatoria scolastica, e si trovano ad un incontro con i genitori dell’assassino, Richard (Reed Birney) e Linda (Ann Dowd).
La sceneggiatura di Kranz non offre soluzioni facili o opta per il melodramma, e i dettagli di ciò che è accaduto vengono gradualmente rivelati in modo straziante. Affrontare materiale scomodo è certamente il segno di un regista ambizioso, ma Kranz non ha semplicemente reiterato il trauma. Mass può non essere un film facile da guardare, ma il suo approccio sensibile giustifica la reiterazione del materiale traumatico.

‘Tick, tick…BOOM!’ (Lin Manuel-Miranda)

Tick, tick...BOOM!

Un anno dopo il successo rivoluzionario di Hamilton su Disney+ Lin Manuel-Miranda era su tutto il 2021. Tra l’adattamento per il grande schermo del suo musical Sognando a New York, vincitore del Tony Award, la sua performance vocale e la musica per il film d’animazione Vivo, e la composizione della colonna sonora di Encanto, Miranda ha avuto in qualche modo il tempo di adattare il musical iconico di Rent del drammaturgo Jonathan Larson, tick, tick…BOOM!
In un anno pieno di musical cinematografici, il film di Miranda si distingue per la sua stretta attenzione all’ansia artistica. La performance di Andrew Garfield cattura la pressione che gli artisti sentono per eseguire le loro idee prima di finire il tempo, e rispetto ai musical più corali del 2021, il lavoro di Miranda si distingue come il più personale. Chiaramente sa una cosa o due sulla coreografia e lo spettacolo visivo. Si trova su Amazon Prime quindi è sicuramente un film da vedere subito.

Passing (Rebecca Hall)

film da vedere passing

Rebecca Hall è un’attrice presente nelle liste dei “sottovalutati” per oltre un decennio, quindi è quasi scontato che il suo debutto alla regia di Passing sia stato apparentemente passato inosservato, all’interno della pila di contendenti di Netflix. È un peccato che la Hall non sia riconosciuta come una delle migliori attrici della sua generazione, ed è altrettanto spiacevole che il suo bellissimo film d’esordio sia scivolato in sordina. Passing è un film delicato girato in un bellissimo bianco e nero.
Ambientato nella New York degli anni ’20, il film segue la relazione tra le amiche d’infanzia Irene Redfield (Tessa Thompson) e Clare Bellew (Ruth Negga) che si riuniscono. Clare si fa passare per bianca ed è sposata con il ricco razzista John (Alexander Skarsgaard), invece Irene vive ad Harlem con suo marito Brian (Andre Holland). Mentre c’è una necessaria conversazione che dovrebbe avvenire riguardo al fatto se la Hall fosse o meno la persona giusta per adattare il materiale, certamente realizza una splendida opera d’epoca e raccoglie incredibili performance dal suo ensemble. Senza dubbio è un film da vedere appena si ha l’occasione.

Nine Days (Edson Oda)

film da vedere Nine Days

L’acclamato debutto di Edson Oda, Nine Days, è stato un’altra vittima dell’interruzione delle finestre di uscita della pandemia; nonostante abbia guadagnato immensi elogi al suo debutto al Sundance Film Festival nel 2020, il film è stato spostato a un’uscita limitata nelle sale nell’estate del 2021 e purtroppo non ha ottenuto il sostegno dei premi che merita. Mentre un dramma soprannaturale da 10 milioni di dollari non è un tipico contendente ai premi, la bella interpretazione di Oda sull’esistenzialismo è destinata a sorprendere molti. Nella versione di Oda dell’aldilà, l’arbitro Will (Winston Duke) giudica cinque anime non ancora nate per determinare quale dovrebbe abitare un corpo umano. Il processo di arbitrato si svolge in una casa isolata in mezzo al deserto, l’ambiente più riconoscibile permette allo spettatore di collegarsi facilmente ai personaggi. Oda non si perde nella sua mitologia, e sceglie invece di lasciare che ogni potenziale anima consideri la prospettiva straziante di non poter mai esistere.

The Humans (Stephen Karam)

film da vedere The Humans

C’è sempre un rischio intrinseco nell’adattare un’opera teatrale, poiché l’intimità di un ambiente teatrale è difficile da catturare sullo schermo. Tuttavia, il drammaturgo Stephen Karam è riuscito a catturare lo stesso isolamento con l’adattamento del suo acclamato atto unico The Humans. Il dialogo vincitore del Tony Award è già fantastico, ma Karam cattura dettagli visivi unici che evidenziano la tensione crescente. La sua attenzione su una scala a chiocciola stabilisce un immediato tono di inquietudine.
The Humans è forse il film sul Ringraziamento più deprimente che sia mai stato girato (dà del filo da torcere a Tempesta di ghiaccio); la storia è incentrata su una dolorosa conversazione del Ringraziamento tra la coppia Erik (Richard Jenkins) e Deidre (Jayne Houdyshell), la madre di Erik, Momo (June Squibb), la figlia Brigid (Beanie Feldstein) e il suo ragazzo Richard (Steven Yeun), e la figlia non sposata Aimee (Amy Schumer). In una lista di film da vedere questo è sicuramente da aggiungere.