Emily In Paris ha già spoilerato il grande cliffhanger della seconda stagione

31

(Questo articolo contiene spoiler per Emily in Paris 1 e 2)

Emily in Paris lascia il finale della seconda stagione con un clamoroso cliffhanger, ma la serie di Netflix apparentemente ha già spoilerato cosa succederà. Emily in Paris di Netflix ha chiuso la prima stagione con Emily Cooper interpretata da Lily Collins che affronta un triangolo amoroso che vede Mathieu (Charles Martins) e Gabriel (Lucas Bravo), uno chef del posto e vicino di casa di Emily. Emily ha trascorso una notte di passione con Gabriel, pensando che stesse lasciando Parigi, ma lo chef sorprendentemente rimane in città dopo essersi assicurato il sostegno per il suo ristorante nel finale della prima stagione. A complicare ulteriormente la situazione, l’amica di Emily, Camille (Camille Razat), è appena uscita da una relazione con Gabriel. La complicata storia d’amore di Emily continua nell’ultima stagione, con la ragazza che confessa i suoi sentimenti per Gabriel nel finale ma nel frattempo scopre che lui è tornato insieme a Camille.

Sempre in questa seconda stagione anche la situazione lavorativa di Emily si complica. Nonostante si sia finalmente inserita alla Savoir, una società di marketing di lusso a Parigi, il felice ambiente di lavoro di Emily è di breve durata. Sylvie Grateau (Philippine Leroy-Beaulieu), Chief Marketing Officer della sede parigina di Savoir, non vede di buon occhio Madeline Wheeler (Kate Walsh), il direttore del marketing del Gilbert Group, proprietario di Savoir. Le cose arrivano ad un punto critico nel finale della seconda stagione e Sylvie lascia Savoir, portando con sé gli altri impiegati di Parigi. È uno shock per Emily, che viene improvvisamente lasciata ad aiutare Madeline a ricostruire l’ufficio di Parigi tornando al ruolo di assistente.

Emily in Paris

Il cliffhanger della seconda stagione di Emily in Paris non è affatto un cliffhanger, Sylvie manda un messaggio a Emily per un incontro a pranzo nel finale e rivela il suo piano generale. Spiega che ha venduto le quote del club di suo marito a St. Tropez e che con i soldi sta aprendo una nuova società. I suoi clienti di Savoir verranno con lei e vuole che Emily si unisca alla squadra. Adesso Emily si vede davanti alla scelta di rimanere al Gilbert Group con Madeline e tornare a Chicago o rimanere in Francia con la società di Sylvie. In aggiunta al conflitto, viene a sapere che Gabriel è tornato insieme a Camille, il che è un ulteriore incentivo a partire. Ma, dato che lo show si chiama Emily in Paris, è improbabile che Emily vada da qualche altra parte.
Emily rimarrà chiaramente a Parigi anche nella terza stagione, lo show si chiama Emily in Paris per una ragione, e una delle sue caratteristiche principali include riprese mozzafiato delle strade della città dell’amore e dei panorami francesi. Se Netflix decidesse di fare un clamoroso colpo di coda e chiamare la terza stagione “Emily in Chicago”, perderemmo il cliffhanger ma avremmo davvero più suspense. Tuttavia, anche quando le trame di Emily in Paris sono poco brillanti, il paesaggio della Francia salva la serie.

Emily in Paris

Inoltre, Emily ha pochi incentivi per decidere di tornare a Chicago, a detta di tutti, la sua vita lì non va da nessuna parte. Madeline continua a convincere Emily con la promessa di una promozione, mentre le fa fare anche del lavoro amministrativo e preparare il tè. La storia complicata con Gabriel è un depistaggio. Dopo tutto, anche la prima stagione si è conclusa con Emily che aveva una storia complicata con lo chef. Che abbia Gabriel nella sua vita o meno, Emily avrà sempre Parigi.