Grazia, la vedova di Lucio Battisti e la condanna a 1 anno e 4 mesi

1360

Uno dei cantanti più importanti della storia della musica del nostro Paese è indiscutibilmente Lucio Battisti, non è facile raccontare in poche parole uno dei artisti che ha fatto della sua musica un’icona, le sue melodie attraversano le generazioni e ancora oggi risuonano come attuali canzoni come, Emozioni, Il tempo di morire, Fiori Rosa Fiori di Pesco, I Giardini di Marzo, impossibile inoltre non menzionare Canzone del sole, probabilmente uno dei i pezzi più suonati in assoluto dagli italiani.

La morte di Lucio è stata una vera tragedia, non solo per la sua precoce scomparsa, ma perché la musica ha perso uno dei suoi più importanti maestri, anche se è vero sì che il cantante al tempo aveva deciso di ritirarsi e di fuggire dai riflettori e dal mondo della discografia, forse una scelta che avrebbe poi potuto vedere un ritorno. Ma non lo sapremo mai.

Lucio Battisti è deceduto il 9 settembre del 1998 a Milano, i motivi sono tutt’oggi un mistero, quello che sappiamo è che era ricoverato già dal 29 agosto all’ospedale San Paolo, non avendo reso mai pubblico il suo bollettino medico è rimasto aperto questo mistero. Questo perché le ultime foto che abbiamo del cantante lo ritraevano in forma e sorridente, invece alcune voci di corridoio mai confermate parlano di un Lucio evidentemente ingrassato, triste e malato verso la fine dei suoi giorni, dopo queste rivelazioni è arrivata la notizia della scomparsa. Alla sua morte Lucio ha lasciato la moglie Grazia Letizia Veronese e il figlio.

Chi è e che fine ha fatto la vedova di Lucio Battisti

Grazia Letizia Veronese è stata la moglie di Lucio Battisti ma non solo, anche lei ha dato il suo contributo al mondo della musica come autrice di alcuni brani del marito, lei scriveva con lo pseudonimo di Velezia. I due si sono conosciuti all’età di 26 anni, quando lei lavorava come segretaria per il paroliere Miki Del Prete nell’etichetta discografica di Adriano Celentano.

Da quell’incontro il loro amore è stato profondo e duraturo per tutta la vita, la loro è stata una storia da favola, fino alla tragica scomparsa di Lucio, dal loro amore è nato il primo ed unico figlio, Luca Battisti e i due sono convolati a nozze nel 1976, dopo oltre vent’anni Grazia Letizia Veronese è ancora la vedova di Lucio Battisti.

Di Grazia Letizia Veronese si è parlato in diverse occasioni, tra queste c’è stata quella che riguardava l’allontanamento dalla vita pubblica cantautore di Poggio Bustone e la fine del rapporto con Mogol, storico amico e collega che insieme a Lucio scrisse alcuni dei suoi grandi successi. Inoltre è tornata a far parlare di sé per le accuse in merito ai diritti d’autore delle canzoni del marito scomparso, per molto tempo la vedova si è rifiutata di concedere alle piattaforme di streaming musicale i diritti.

La condanna della vedova di Battisti

Oggi Grazia Letizia Veronese ha 78 anni, nata nel luglio del 1943, la donna ha deciso di ritirarsi a vita privata da molto tempo vivendo nella casa che lei e Lucio avevano comprato per sfuggire dalla vita mondana e dai riflettori, la casa si trova sulla riviera romagnola in via Ramusio a Marina Centro. Ma proprio quella casa, che dovrebbe essere la sua isola sicura dove custodire i ricordi dell’amore della sua vita, è stata la causa dei suoi guai.

A gennaio del 2021 Grazia Letizia Veronese è stata condannata dal Tribunale a 1 anno e 4 mesi di reclusione, la pena poi è stata sospesa, ma comunque si è ritrovata a dover pagare per il risarcimento e non poco. I danni erano pari a 3mila euro da pagare alla controparte, una vicenda davvero incresciosa, la stessa grazia ha perso una causa per diffamazione che aveva mosso ai danni di una vicina di casa. La lunga diatriba legale era nata a causa di una finestra nel palazzo, costruita quando Lucio era ancora vivo per garantire la sua privacy.

La questione in breve è stata che, secondo la famiglia del cantante e dal legale, le finestre in questione consentivano di guardare in casa Battisti, proprio per questo la necessità di montare vetri oscuranti, un lavoro eseguito moltissimi anni fa, ma nel 2011 c’era stata la necessità di sostituirle perché consumate dal tempo.

Nel condominio però qualcuno aveva sostenuto che quelle finestre erano nuove di zecca e proprio una delle vicine aveva fatto partire un esposto contro la vedova di Battisti. Andando avanti per vie legali e contrattacchi trasformandosi in una vera battaglia legale con un esito devastante per la vedova di Lucio Battisti. Che situazione!