Il principe Harry “non si sente sicuro” retroscena oscuro nella Royal Family

634

Due anni dopo aver fatto un passo indietro dai suoi doveri reali e aver perso la protezione pubblica della sua famiglia nel Regno Unito, il principe Harry sta affrontando le sue paure sul portare i suoi due figli e Meghan Markle in Inghilterra.

L’avvocato del duca 37enne, Shaheed Fatima, ha detto ai tribunali di Londra venerdì 18 febbraio che l’ex pilota militare “non si sente sicuro” nel viaggiare nel suo paese d’origine con il figlio Archie, 2 anni, e la figlia Lilibet, 8 mesi.

Harry non era presente all’udienza preliminare della Royal Courts of Justice, che affronta i suoi bisogni per ottenere il ripristino della protezione della polizia finanziata dai contribuenti per la sua famiglia.
“Questa richiesta riguarda il fatto che il ricorrente non si sente sicuro quando si trova nel Regno Unito, date le disposizioni di sicurezza che sono state applicate a lui nel giugno 2021 e continueranno ad essere applicate a lui se decide di tornare”.

Ha poi continuato Fatima all’udienza. “E, naturalmente, non c’è bisogno di dire che lui vuole tornare: per vedere la famiglia e gli amici e per continuare a sostenere le associazioni di beneficenza che gli stanno così a cuore. Soprattutto, questa è, e sarà sempre, la sua casa”.

Il membro della famiglia reale e la star di Suits, hanno annunciato la loro decisione di fare un passo indietro dai loro doveri di membri anziani della famiglia reale nel gennaio 2020. La coppia ha successivamente vissuto in Canada e a Los Angeles con Archie, prima di stabilirsi a Montecito, in California, dove hanno accolto Lilibet l’anno scorso.
La coppia, che ha reso le loro uscite permanenti nel febbraio 2021, paga privatamente la propria protezione della polizia negli Stati Uniti.

Nel settembre 2021, Harry ha chiesto una revisione giudiziaria dei loro accordi di sicurezza nel Regno Unito. Quando una decisione dell’Home Office ha stabilito che non sarebbe stato in grado di finanziare personalmente la protezione della polizia per la sua famiglia durante la visita, il nativo inglese ha rilasciato una dichiarazione sulla sua lotta per una sicurezza adeguata.

“Il principe Harry ha ereditato un rischio per la sicurezza alla nascita, per tutta la vita. Rimane sesto nella linea di successione al trono, ha servito due turni di combattimento in Afghanistan, e negli ultimi anni la sua famiglia è stata soggetta a ben documentate minacce neonaziste ed estremiste”, si legge nella dichiarazione del mese scorso.

“Mentre il suo ruolo all’interno dell’istituzione è cambiato, il suo profilo come membro della famiglia reale rimane lo stesso. Né è cambiata la minaccia a lui e alla sua famiglia”.

La dichiarazione ha continuato a far notare che mentre la coppia “finanzia personalmente una squadra di sicurezza privata per la famiglia, questa sicurezza non può replicare la necessaria protezione della polizia necessaria mentre è nel Regno Unito”, concludendo: “In assenza di tale protezione, il principe Harry e la sua famiglia non sono in grado di tornare a casa”.

L’esperto reale Richard Aitch ha detto che è “difficile” prevedere quanto la sicurezza della famiglia di quattro persone potrebbe potenzialmente costare.

“Il costo per un agente di protezione personale della polizia metropolitana è stato stimato intorno alle 100.000 sterline all’anno”, ha spiegato all’epoca il direttore delle operazioni della Mobius International Security. “Quello che può sembrare un desiderio sulla carta è molto di più nella realtà, e i costi possono certamente essere abbastanza cospicui”.