Valeria Marini devastata dalla depressione. La causa è dolorosissima

1079

Valeria Marini confessa di aver sofferto di questa terribile malattia, a causarla un periodo davvero devastante della sua vita e il suo appello è commovente.

Valeria Marini

Una delle donne più affascinanti della televisione italiana è Valeria Marini, le sue curve mozzafiato, la sua grinta e il suo essere sempre solare l’anno portata a essere una delle donne più amate d’Italia.

Valeria, classe 1967, è una vera artista a tutto tondo showgirl, attrice ma anche imprenditrice di successo, la sua storia inizia a Roma, casa natale, ma ben presto si sposta a Cagliari dove conclude gli studi per poi conseguire il diploma al Liceo San Gabriele di Roma.

Valeria inizia a muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo iniziando come modella e partecipando al concorso di bellezza Una ragazza per il cinema nel 1990, il suo è un terzo posto meritatissimo, da questo infatti arrivano i primi lavori con piccole parti in alcune pellicole cinematografiche. Continua con il teatro, che per lei è una vera scuola dove affinare il suo talento e recita nella commedia di Neil Simon I ragazzi irresistibili con Mario Scaccia, interpretando il ruolo di una cameriera ingenua e un po’ svampita.

Il grande successo è arrivato negli anni Novanta grazie alla partecipazione indimenticabile al varietà Il Bagaglino, dove è rimasta per moltissimi anni e stagioni diventando una vera icona di bellezza, in sostituzione di Pamela Prati, esordendo nel varietà Saluti e baci in onda il sabato sera in prima serata su Rai 1, il resto è storia.

Valeria Marini

In seguito la sua carriera ha continuato a raggiungere traguardi interessanti, prendo parte a produzioni cinematografiche di rilievo e programmi televisivi tra i più seguiti. Tra i suoi meritati traguardi raggiunti è impossibile non citare la conduzione del quarantasettesimo Festival di Sanremo, ma non solo, ha condotto con grande successo programmi amatissimi dal pubblico come Scherzi a parte, Domenica in e I raccomandati.

Valeria Marini non si tira indietro difronte a nulla, infatti, proprio per una scommessa fatta con la sua amica e conduttrice televisiva Simona Ventura, decide ci accettare la sfida e partecipare al reality L’Isola dei famosi, in quello stesso anno, il 2008 esce anche il suo libro autobiografico, Lezioni intime, scritto a quattro mani con Gianluca Lo Vetro, nello stesso Valeria si racconta sia dal latro professionale sia svelando dettagli e particolari piccanti della sua vita privata.

Ma è proprio durante una profonda intervista nel salotto di Verissimo che Valeria si lascia andare a confessioni particolarmente personali raccontando di aver vissuto dei momenti della sua vita davvero difficili.

La terribile malattia di Valeria Marini

Valeria Marini

Durante una intima chiacchierata con la padrona di casa Silvia Toffanin, Valeria Marini le racconta di quei terribili momenti della sua vita quando si è trovata a dover combattere con un male più grande di lei, la stessa confessa di essere caduta in una violenta depressione.

La showgirl racconta la drammatica situazione, “È stato un anno difficile mi sono chiusa in me stessa e sono stata terribilmente male. Ero disperata, passavo le notti a piangere. Ho avuto una depressione tremenda perché mia madre, alla quale sono molto legata, per una sua situazione di difficoltà si è allontanata improvvisamente. Questo distacco mi ha buttato sotto un treno”.

La depressione è una malattia brutale, violenta che per nessuna ragione va sottovalutata, la stessa racconta che uscirne non è stato facile, la sua grinta e il suo temperamento le sono venuti in aiuto, uno degli aspetti che maggiormente l’ha aiutata a sconfiggere la depressione sono stati gli impegni lavorativi che l’hanno distratta e, ovviamente, la vicinanza del suo compagno.

A chiusura dell’intervista Valeria ha voluto lanciare un messaggio profondo e commovente alla madre, “La vita è un dono prezioso. Qualsiasi cosa possa succedere, io ci sono. Vorrei che tornassi a essere felice. Si può sbagliare, ma bisogna andare avanti. Mamma, mi manchi”.