Sogno nel cassetto Alessandro Borghi, ultimi anni del grande attore

634

Alessandro Borghi è uno degli attori più bravi e di talento del cinema italiano, la sua carriera segnata dalla scelta di progetti sempre validi, scritti benissimo e dal respiro internazionale lo hanno portato nell’olimpo degli attori più bravi di sempre, riconosciuto non solo dagli addetti ai lavori ma anche dal pubblico. Recentemente Alessandro Borghi ha svelato un suo sogno nel cassetto. 

Il cinema italiano ha scoperto negli ultimi anni degli astri della recitazione e questo anche grazie alle diverse e interessanti produzioni che hanno trovato spazio non solo sul grande schermo, ma anche nella fruizione domestica grazie alla grande offerta proposta dalle piattaforme di streaming come Netflix o Prime video. Netflix, per esempio, ha permesso di portare alla luce lavori molto interessanti, dando modo anche ad attori dalle grandi doti di emergere in maniera esponenziale, trovando il grande consenso del pubblico.

Alessandro Borghi, è senz’altro uno degli attori che all’interno della sua generazione ha saputo adattarsi e crescere insieme con l’evolversi dei tempi e con l’avvento di nuove forme di narrazione. Borghi è tra gli interpreti del momento uno di quelli che sta riscoprendo nuova verve anche grazie ad interpretazioni di spessore, in grado di aumentarne non solo la notorietà ma anche il gradimento del pubblico. Parlando di Netflix, ad esempio, per Borghi il ruolo Stefano Cucchi nel film Sulla mia pelle è stato apprezzato anche a livello internazionale.

Un orgoglio per lui interpretare questa storia anche se consideriamo la lunga e travagliata storia della sorella Ilaria che negli ultimi anni si è battuta affinché venisse fatta giustizia per il fratello. Giustizia che è arrivata solo sei giorni fa con la condanna definitiva degli otto carabinieri che pestarono a morte Stefano Cucchi.

Una pellicola straordinaria, che ha permesso all’attore di interpretare un personaggio molto particolare, mettendo in mostra tutte le sue capacità nonché vincere il David di Donatello come miglior attore protagonista nel 2019.

Alessandro Borghi, gli ultimi anni di un grande attore

Il ruolo interpretato nel film Sulla mia pelle è stato soltanto uno di quelli che ha permesso a Borghi di diventare uno degli attori italiani più importanti nel panorama internazionale. Precedentemente, nell’ambito delle serie tv, l’attore si era già messo in mostra grazie a Suburra, serie prodotta ancora una volta da Netflix.

In seguito, a riprova del suo talento Alessandro Borghi ha interpretato un ruolo nella serie Sky Diavoli, accanto a Patrick Dempsey e poi il capolavoro cinematografico Il primo Re, dove Borghi si è cimentato con una pellicola totalmente diversa rispetto alle precedenti, ma di grande spessore allo stesso modo, interpretando il ruolo di Remo, diretto da Matteo Rovere.

Il sogno nel cassetto di Alessandro Borghi

In una recente intervista, riportata da movieplayer.it, l’attore ha rilasciato diverse dichiarazioni interessanti, sulla carriera che prosegue molto bene ma anche su quelle che sono le sue ambizioni per il futuro. Una, in particolare, ha destato grande interesse da parte di tutti, questa la sua dichiarazione:

“Ruolo di transessuale? Alla fine mi è arrivata anche una proposta, vedremo… Nella galleria di personaggi interpretati fino ad ora, quello della transessuale è uno di quei ruoli che mi manca; è una cosa a cui penso da quando ho visto Jared Leto in Dallas Buyers Club. Se Borghi dovesse interpretare un personaggio del genere sarebbe sicuramente un altro fiore all’occhiello nella gamma di personaggi già interpretati e dimostrerebbe che l’attore può interpretare davvero qualsiasi cosa.