Le fate ignoranti di Ozpetek ritorna, un dolce romantico viaggio nell’amore in tutte le sue forme. Recensione

144

Dal 13 aprile su Disney + sono disponibili tutto gli episodi della serie Le fate ignoranti, prodotta dalla stessa Disney + e tratta dall’omonimo film di Ferzan Ozpetek che ha ideato il reboot con Gianni Romoli e insieme hanno curato la regia.

Protagonisti della storia al posto di Margherita Buy, Andrea Renzi e Stefano Accorsi troviamo Cristiana Capotondi, Luca Argentero e Eduardo Scarpetta.

La storia di base è la stessa che abbiamo visto nel film che all’epoca ebbe un successo epocale consacrando Ozpetek nell’olimpo dei grandi registi in Italia e all’estero.
Era possibile fare di meglio? La risposta è sì, mille volte sì. Le fate ignoranti – la serie è un viaggio nelle profondità dell’amore, quello che conta davvero e che non conosce limiti o differenze, un’esperienza sensoriale che dalle parole dei personaggi, alla musica di stampo orientale ci fa emozionare, piangere e ci fa innamorare.

Se gli interpreti del film al tempo hanno saputo dare vita a personaggi vividi, originali ma perfettamente inseriti nel contesto e molto vicini a noi, questa volta l’intesa fra i tre protagonisti è così forte che quasi si è portati a credere a ogni parola come se questa storia accadesse nel reale e non nell’immaginario.

Semplificando, Le fare ignoranti è la storia di un amore, un amore senza fine che inizia con due legami apparentemente slegati l’uno dall’altro, il cui filo rosso è rappresentato da Massimo (Luca Argentero) che da il la alla storia per poi segnare, con la sua morte, l’inizio dell’amore tra Michele e Antonia. Un amore quest’ultimo tra i due che non si esaurisce nel confine tra le due anime in gioco ma che va al di la di tutto e che per assurdo è capace di inglobare tutto e tutti.

Ozpetek, si sa, non ha mai messo limiti alle sue storie ed è sempre riuscito a raccontare la vita in tutte le sue sfumature e colori. Colori che qui vengono rappresentati da un pattern di personaggi ciascuno con una storia a sé che potrebbe di fatto costituire un film indipendente.

I comprimari, la famiglia fluida e coloratissima di cui si circonda il personaggio di Michele ha tanto da dire su un mondo che per troppo tempo è rimasto ai margini e che Ozpetek, come ha già fatto in altri suoi lavori, inserisce nella storia con naturalezza senza mai accendere i riflettori sul “caso”.
Lesbiche, trans, gay, etero, sono categorie che di fatto non esistono nelle opere di Ozpetek e così ne Le fate ignoranti ci sono le persone con la loro unicità e solo questo conta.

LEGGI ANCHE-> Animali Fantastici: I segreti di Silente ha fatto un passo indietro e potrebbe finirla qui. Recensione

Quello che avevamo visto in nuce nel film Le fate ignorante, prende respiro nella serie Tv, concedendosi il giusto tempo per uno sguardo in più, per una parola detta o non detta, per un’azione ma soprattutto per rendere tridimensionale un mondo che nel primo caso faceva da sfondo con solo qualche pennellata.
Il cast è perfetto, torna Serra Yilmaz che già abbiamo visto nel film e con lei altri interpreti feticcio di Ozpetek come Carla Signoris, Elena Sofia Ricci, Milena Vukotic (queste ultime due per un cameo), Filippo Scicchitano, Ambra Angiolini e Paola Minaccioni.

In particolare la figura di Serra all’interno della storia è come una sorta di Virgilio, una guida, la coscienza di ciascuno dei personaggi, colei che va a spiegare ciò che a parole sarebbe complesso spiegare e infatti, proprio a lei sarà affidata la battuta finale che chiude il cerchio.

Ogni dettaglio è curato nei minimi particolari perfino i personaggi secondari hanno un momento da protagonisti e tutto questo per approfondire il discorso sulle relazioni, le diverse forme che possono assumere e le diverse strade che possono percorrere.

LEGGI ANCHE – > Russian Doll 2, avevamo bisogno di questa seconda stagione? Sì, sì e ancora sì. Recensione senza spoiler

Un plauso in particolare devo rivolgerlo a Eduardo Scarpetta che dai suoi esordi è migliorato sempre più dimostrando una crescita importante, per non parlare della precisione nella sua tecnica e della passione che ci mette nel lavoro. Scarpetta sta intraprendendo una strada che gli è propria a prescindere dalle sue origini, perché nel guardare il suo percorso dagli esordi con Stefano Mordini in Pericle il nero e con Mario Martone in Capri-Revolution, passando per L’amica geniale, fino ad arrivare oggi a Ozpetek, possiamo dimenticare il peso di un tale cognome e guardare esclusivamente all’indiscutibile talento.

Le fate ignoranti è una storia dolce che può insegnare molto e regalare momenti di vera poesia, lasciandoti dentro un calore accogliente e molta speranza.