Home Arte e Mostre Expo: apre “Arts & Foods”, primo padiglione alla Triennale

Expo: apre “Arts & Foods”, primo padiglione alla Triennale

CONDIVIDI SU
18 Tom Sachs
Tom Sachs Nusty’s McDonald’s 2001 Vanhaerents Art Collectione Brussels Londra Brussels

Aperto al pubblico da ieri, giovedì 9 aprile, il padiglione “Arts & Foods” a cura di Germano Celant, il concept dell’unica Area tematica di Expo realizzata in città e allestita negli spazi interni ed esterni della triennale, coprendo una superficie di circa 7.000 mq.

Andreas Gursky, 99 Cent II Diptychon, 2001
Andreas Gursky, 99 Cent II Diptychon, 2001

La prima esposizione universale è stata a Londra nel 1851 ed è proprio questa data a dare inizio al percorso visivo/culinario/culturale della mostra “Arts & Foods”, dove tutto apparirà intrecciato alle testimonianze di artisti, scrittori, film makers, grafici, musicisti, fotografi, architetti e designers che, dall’Impressionismo e dal Divisionismo alle Avanguardie storiche, dalla Pop Art alle ricerche più attuali, hanno contribuito con opere d’arte, oggetti, documenti provenienti da musei, collezioni, istallazioni, luoghi pubblici e privati provenienti da tutto il mondo, allo sviluppo della visione e del consumo del cibo. Un vero e proprio viaggio nel tempo che riflette creativamente il tema di EXPO, “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.

Georges Braque, Natura morta con clarinetto grappolo d’uva e ventaglio, 1911
Georges Braque, Natura morta con clarinetto grappolo d’uva e ventaglio, 1911

Ma non solo “cose per i grandi”, uno degli aspetti più interessanti di questa mostra è la sezione vietata agli adulti, ovvero un percorso dedicato completamente a bambini e ragazzi che spiega il tema della relazione tra arte e cibo attraverso giocattoli, animazioni, fumetti e opere tra cui anche 93 capolavori di Andy Warhol destinate ai più piccoli.

Andy Warhol copertina dell'album d'esordio The Velvet Underground & Nico
Andy Warhol copertina dell’album d’esordio The Velvet Underground & Nico

In contemporanea a questa rassegna, che rimarrà aperta fino al 1°novembre, si può scoprire anche “Cucine & Ultracorpi”, a cui è dedicata l’ottava edizione del Triennale Design Museum. Anche questo percorso, aperto invece  fino al 21 febbraio 2016, è stato curato da Celant, in stretta collaborazione con la Direttrice della Triennale Silvana Annichiarico, e si ispira al libro “L’invasione degli ultracorpi” e all’omonimo lungometraggio, in cui alieni cospiratori sono in grado di assumere forme umane sostituendosi alle persone e facendo proprio il vissuto quotidiano. Ebbene, questo è quello che in un certo modo sembra accadere, nel tempo, con gli elettrodomestici: frigorifero, forno, tostapane, spremiagrumi e via dicendo sembrano aver colonizzato le nostre case, cambiando radicalmente il nostro rapporto con il cibo.

Claes Oldenburg
Claes Oldenburg

Che dire, per citare Franceschini, ministro dei Beni culturali “La mostra Arts & Foods è una bellissima partenza per Milano e per il Museo del design, iniziamo a mettere in campo le carte che l’Italia si giocherà con Expo”.

 

INFO:

Arts&Foods. Rituali dal 1851.

Dal 9 aprile al 1° novembre 2015
A cura di Germano Celant

Cucine & Ultracorpi
Dal 9 aprile 2015 al 21 febbraio 2016

La Triennale di Milano – Viale Alemagna, 6 (Mm Cadorna)

Aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00

Info: tel. 02 724341 – www.expo2015.org

Ingresso: incluso nel biglietto di Expo 2015 oppure si paga il biglietto di ingresso della Triennale

 

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.