Home NEWS Gilmore Girls: A Year in the Life il trailer ufficiale è arrivato....

Gilmore Girls: A Year in the Life il trailer ufficiale è arrivato. Ed è meraviglioso!

CONDIVIDI SU

Manca un mese, anzi meno, al ritorno delle ragazze Gilmore a Stars Hollow dopo nove anni di lunga assenza.
L’appuntamento è fissato per il 25 novembre 2016 su Netflix dove ci aspettano quattro capitoli da novanta minuti ciascuno per ogni stagione dell’anno: primavera, estate, autunno e inverno.
Per aiutare noi Gilmorelovers a superare l’attesa è uscito il trailer (meraviglioso) che regala qualche preview su quello che sta per succedere a Rory, Lorelai ed Emily.
La prima notizia ufficiale, per chi lo segue in italiano, è che i doppiatori sono rimasti gli stessi e questo è un bel sollievo, già una volta avevano cambiato la voce di Rory per un periodo ed era stato un durissimo colpo.
Per quanto riguarda la trama invece, si intuisce che le quattro protagoniste si trovano ad affrontare svolte importanti: la relazione di Lorelai e Luke è a un punto morto, la nuova carriera di Rory nel giornalismo si è fermata prima ancora di cominciare e la vita di Emily è sconvolta dopo la precoce morte dell’adorato marito Richard.

Questo il fulcro degli episodi, ma è chiaro che quello che più stiamo aspettando sono le battute sarcastiche di Lorelai e le frecciatine con Emily, i discorsi senza logica, ma serissimi, tra madre e figlia. Il ritorno alla locanda più amata delle TV il Dragonfly Inn, le passeggiate per le strade di Stars Hollow con tappa fissa per un caffè da Luke’s e quell’atmosfera magica che solo Gilmore Girls sa regalare.

 

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.