Home Libri SANT AMBROEUS Il dolce salotto di Milano. Presentazione del delizioso volume edito...

SANT AMBROEUS Il dolce salotto di Milano. Presentazione del delizioso volume edito da Skira

CONDIVIDI SU

Domani, mercoledì 29 marzo alle ore 18.30 presso la storica pasticceria Sant Ambroeus di Corso Matteotti 7 a Milano, verrà presentato un golosissimo volume di straordinaria bellezza, “SANT AMBROEUS Il dolce salotto di Milano”, di Maria Canella edito da Skira. Un libro delizioso ricco di immagini di specialità della casa e della Milano d’epoca. Durante l’evento, con l’autrice, interverranno Isabella Bossi Fedrigotti e Andrea Kerbaker.
 

Questo volume di pregio racconta la storia dello storico caffè pasticceria Sant Ambroeus, nato nel 1936, uno dei luoghi simbolo della città, cuore del quadrilatero chic di Milano.
Maria Canella, storica del costume e della moda, ne ricostruisce vicende e protagonisti, svelando la ricetta di questo successo. Dopo aver firmato le storie dei circoli milanesi, l’autrice delinea un ritratto della clientela che da ottant’anni celebra i suoi riti con le creazioni di Sant Ambroeus, offrendo un’immagine inedita della società meneghina che trova in questo “dolce salotto” l’equilibrio perfetto fra gusto e piacere, tradizione ed eleganza.

Maria Canella, dottore di ricerca in storia della società europea, è docente di Storia e documentazione della moda presso l’Università degli Studi di Milano e si occupa di storia della città e del territorio in area lombarda tra XIX e XX secolo.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

SANT AMBROEUS Il dolce salotto di Milano
edizione bilingue (italiano-inglese)
16,5 x 21 cm, 160 pagine
120 colori, cartonato
ISBN 978-88-572-3490-8
€ 25,00

editore Skira

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.