Home Arte e Mostre Al MUDEC fiorisce un albero alto 6 metri, firmato Alessandro Mendini

Al MUDEC fiorisce un albero alto 6 metri, firmato Alessandro Mendini

CONDIVIDI SU

In occasione del Fuorisalone 2017 il Museo delle Culture di via Tortona 56 inaugura la scultura stilematica “Albero stilematico” a firma dell’architetto Alessandro Mendini, un’opera site-specific ispirata a Kandinskij, in mostra fino al 9 luglio 2017.

Proprio all’artista russo e alla connessione tra pittura, scultura e architettura è ispirata l’opera “Albero stilematico”: “Questa scultura è frutto di un’empatia da me sempre avuta con il mondo di Kandinskij. Pure essendo il riferimento del tutto indiretto, l’immagine di questo albero geometrico rimanda ai segni di questo grande artista”, racconta della sua opera l’architetto, designer e artista di fama mondiale Alessandro Mendini.

La struttura è costituita da un palo d’acciaio alto sei metri, attorno al quale si collocano sette stilemi con sette colori per un totale di trenta decori. Il totem, che mostra gli stilemi e il linguaggio ispirato dai segni e dai colori che tanto ha caratterizzato Kandinskij e che ha ispirato l’invenzione architetturale di Mendini, è un omaggio alla complessità simbolica che spesso si cela nell’oggetto più semplice e comune. Un preludio di mondo che accompagna il visitatore dall’esterno del MUDEC all’interno dei suoi spazi espositivi.

MUDEC – Museo delle Culture
via Tortona 56
Martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30-19.30, Giovedì e sabato: 9.30-22.30

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.