Home NEWS VizEat: la nuova app del food sharing

VizEat: la nuova app del food sharing

CONDIVIDI SU

L’ultima novità si chiama VizEat. Un app che permette alle buone forchette di mettersi in contatto fra loro, all around the world. La logica è semplice: tu organizzi una cena, inserisci l’evento sulla piattaforma e qualsiasi altro utente, a un piccolo prezzo, può prenderne parte.

Secondo Arun Sundararajan, docente della Stern School of Business della NYU che all’argomento ha dedicato anche un libro, “il futuro è la sharing economy”. Quello della cosiddetta ‘economia collaborativa’, è in realtà un futuro che sa di passato. L’idea del condividere l’auto, la casa o la tavola, più che al 2087 fa pensare al 1947, eppure è questa la direzione in cui la società sembra muoversi. E, a pensarci bene, di innovazione ce n’è molta. La sharing economy è uno schiaffo al capitalismo. Sharing vuol dire, parafrasando Arun, spostare l’organizzazione delle attività economiche dagli imprenditori alle persone comuni.

Forse è questo il motivo per cui startup come AirBnb, Uber e BlaBla Car stanno riscuotendo tanto successo. Questa la ragione per cui la nuova VizEat contava già 70.000 iscritti ad appena un anno dalla nascita: la possibilità di gestire da sé i propri affari.

 

Come funziona VizEat? Semplicissimo!
Basta iscriversi e, dopo aver scelto la città d’interesse, iniziare a sfogliare le proposte degli Host. Chiunque può diventare un host, basta essere disposti a cucinare per degli emeriti sconosciuti e aver voglia di passare una serata a cena con loro, tutto in casa propria. All’ospite non resta che pagare l’economico conto e essere pronto a esplorare il mondo della gastronomia casereccia.

Assicurazioni sulla buona riuscita dell’evento? Nessuna. E non è forse anche questa la bellezza di VizEat, nonché del concetto di sharing in generale? Iniziative del genere ti costringono ad avere cieca fiducia nel prossimo, nelle sue buone intenzioni e nella sua abilità ai fornelli. E in giorni come questi, in cui il sospetto regna sovrano, un po’ di sana e scellerata fiducia non può che farci bene.

 

Senza pensare poi a quanto un’app come VizEat possa essere in grado di svoltarti le ferie. Noi millennial, si sa, alle vacanze preferiamo il viaggio. Sogniamo di indossare il nostro backpack di design e di partire alla scoperta di nuovi mondi e culture diverse. Niente ci entusiasma di più dell’idea di entrare in contatto diretto con i local dei paesi che visitiamo. VizEat funziona perché, non solo ti ci mette in contatto, con i local ti permette di condividere anche il piatto.

E addio per sempre a quelle fregature dei ristoranti per turisti.

CONDIVIDI SU
Maria Francesca Moro

Secchiona laureata in Filologia, è così ingenua da credere ancora che la cultura le darà di che vivere. Meneghina d’adozione, non capisce come si possa non amare Milano e il suo stile di vita; lei ne va pazza e non perde occasione per ribadirlo. Sogna di fare la giornalista, possibilmente nel settore dell’arte. Potrete perciò trovarla in giro per le gallerie della città, soprattutto in quelle fornite di prosecco e buffet.