Un’occasione imperdibile, domenica 21 maggio, per godere della magnificenza del Cimitero Monumentale e diventare protagonisti di uno speciale viaggio nel tempo attraverso la storia e il ricordo. Un percorso di visita teatralizzata negli spazi del cimitero, realizzato da “La città della memoria”, a cura della Ditta Gioco Fiaba, rivolto a ragazzi a partire dagli otto anni e alle loro famiglie, per promuovere e valorizzare questo scrigno d’arte che ogni anno attrae circa 60mila visitatori.

Lo spettacolo, dal titolo “L’Architetto”, avrà inizio alle 15.30: guidati dalla musa della memoria “Mnemosine”, gli spettatori si sposteranno nel 1863 per incontrare Carlo Maciachini, architetto del Cimitero Monumentale e il suo Capomastro impegnati nella stesura del progetto di un “nuovo grande cimitero milanese”, per il quale il Comune di Milano ha indetto una gara. Maciachini però si sente sfavorito, ha molte idee ma anche molti dubbi, troppe persone da incontrare e, come sempre, troppo poco tempo. Inizia così l’inatteso viaggio in una Milano passata tutta da scoprire.

La partecipazione agli spettacoli è gratuita con prenotazione obbligatoria al numero 331.7977383 o all’indirizzo [email protected]

L’appuntamento è domenica 21 maggio alle 15.30 nel piazzale di ingresso del cimitero Monumentale. Lo spettacolo avrà la durata di circa 2 ore e si svolgerà anche in caso di maltempo. L’appuntamento con “L’Architetto” tornerà al Cimitero Monumentale domenica 18 giugno. Per informazioni www.lacittadellamemoria.info

 

Alessandra Chiaradia
È nata a Milano ma ben presto è espatriata nella provincia. La Brianza è la sua casa, ma il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e, novella Sherlock Holmes, appena ne ha l'occasione ne svela i misteri, le meraviglie e anche qualche negozio. In overdose di creatività, il ruolo di Art Director inizia a starle troppo stretto; abbandonati i pennarelli inforca la Bic. “Lunga la strada, stretta la via… avete detto la vostra, adesso dico la mia”, per aspera ad astra c’è stato l’upgrade: entra nella hall of fame dell’Albo. Giornalisti si nasce...