Home Storia e Curiosità Luoghi da Scoprire Un parco a tema dedicato allo Studio Ghibli e Totoro sarà il...

Un parco a tema dedicato allo Studio Ghibli e Totoro sarà il padrone di casa

CONDIVIDI SU

Tonari no Totoro (Il mio vicino Totoro) diventa padrone di casa del parco a tema dello Studio Ghibli che sorgerà nella città di Nagoya e aprirà i battenti nell’estate del 2020.
Un progetto importante e di grandi dimensioni che farà sognare bambini e adulti amanti del genio creativo di Hayao Miyazaki. L’annuncio ufficile arriva dal produttore della casa d’animazione, Toshio Suzuki, e il governatore della prefettura Hideaki Omura.

Si chiamerà Ghibli Park e sorgerà nell’area dell’Aichi Park, già usato per Expo 2005, il progetto è quello di ricreare i mondi magici dei film di Miyazaki con un particolare focus su “Mio Vicino Totoro”. Attualmente il parco al suo interno ha già una copia a grandezza naturale dell’abitazione di Satsuki e Mei, le due sorelline del film “Il mio vicino Totoro” (1988), nel padiglione dedicato allo Studio Ghibli, tra i più visitati durante l’Aichi Expo del 2005 e rimasto aperto al pubblico fino al 2015. La casa è ammobiliata proprio come quella del film e permette un’esperienza immersiva.

 

Non mancheranno inoltre nel parco anche giochi acquatici, piscine, una pista di pattinaggio su ghiaccio e una ruota panoramica, per ammirare tutta l’area circostante.

Come tutte le iniziative dello studio, il parco sarà realizzato nel rispetto dell’ecosistema locale, il parco non recherà alcun danno ambientale, nessun albero verrà abbattuto o danneggiato durante i lavori. La nuova attrazione si aggiunge al Museo Ghibli di Mitaka, sobborgo a ovest di Tokyo, dedicato ai personaggi e alle opere di Miyazaki.

A seguire, mentre attendiamo con imparienza di vedere il parco in tutto il suo splendore, godiamoci altre immagini della meravigliosa casa di di Satsuki e Mei.

 

Uguale!

 

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here