Home Arte e Mostre A Milano apre la mostra Revolution. Musica e ribelli 1966-1970, dai Beatles...

A Milano apre la mostra Revolution. Musica e ribelli 1966-1970, dai Beatles a Woodstock

CONDIVIDI SU
Beatles a casa di Brian Epstein, Linda McCartney, 1967 © MPL Communication. Riprodotta con il permesso di Paul McCartney

Da domani, sabato 2 dicembre fino al 4 aprile 2018, arriva la mostra più “trasgressiva” dell’anno: Revolution. Musica e ribelli 1966-1970, dai Beatles a Woodstock. Nella cornice ad hoc della Fabbrica del Vapore di Milano verrà raccontata, attraverso immagini, canzoni, film, moda e oltre 500 oggetti straordinari, la storia e i protagonisti di quel breve ma densissimo periodo che va dal 1966 al 1970. 1826 che hanno cambiato per sempre le vite di quella generazione e, inevitabilmente, quelle di tutti noi.

Curata da Victoria Broackes e Geoffrey Marsh del Victoria and Albert Museum, insieme a Fran Tomasi, maggior promoter italiano che per primo portò in Italia i Pink Floyd, Clara Tosi Pamphili, giornalista e storica della moda, e Alberto Tonti, noto critico musicale, la mostra, arrivata a noi dal Victoria and Albert Museum di Londra e promossa dal Comune di Milano-Cultura, Fabbrica del Vapore e Avatar – Gruppo MondoMostreSkira, è un percorso esperienziale fatto per avvolgere i visitatori di atmosfere, oggetti, memorabilia, design, arte, grafica e soprattutto dalla musica di quegli anni anche grazie al sofisticato sistema audioguide Sennheiser, partner dell’esposizione.

 

Un viaggio che ripercorre gli ambiti in cui le rivoluzioni di quegli anni ebbero luogo: la moda, la musica, le droghe, i locali e la controcultura; i diritti umani e le proteste di strada; il consumismo; i festival; le comunità alternative. Da Carnaby Street a Londra agli hippy di Haight-Ashbury, dall’innovazione tecnologica della Bay Area alle proteste del maggio francese, dalle comuni sparse in tutta l’America ai festival di Woodstock e dell’Isola di Wight, questi anni furono caratterizzati da un idealismo ottimista che spingeva le persone a far fronte comune per sovvertire le strutture di potere in ogni sfera della società. Una riflessione infine su quante di esse hanno prodotto un cambiamento reale e duraturo e quante invece sono andate perdute nei decenni successivi.

Sette sezioni tra cui perdersi e rivivere momenti indimenticabili per la storia e a conclusione di questa esperienza una sala immersiva con cuscini e maxi schermo per rivivere il mitico Festival di Woodstock del 1969.

Alla fine non vorrete più andarvene, ma anche se prima o poi dovrete farlo, potrete sempre portarvi a casa un pezzo di questa esperienza grazie al meraviglioso catalogo è edito da Skira.

CINCINNATI – JUNE 23: Iggy Pop of the Stooges rides the crowd during a concert at Crosley Field on June 23, 1970 in Cincinnati, Ohio. (Photo by Tom Copi/Michael Ochs Archive/Getty Images)
CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

È nata a Milano ma ben presto è espatriata nella provincia. La Brianza è la sua casa, ma il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e, novella Sherlock Holmes, appena ne ha l’occasione ne svela i misteri, le meraviglie e anche qualche negozio.
In overdose di creatività, il ruolo di Art Director inizia a starle troppo stretto; abbandonati i pennarelli inforca la Bic. “Lunga la strada, stretta la via… avete detto la vostra, adesso dico la mia”, per aspera ad astra c’è stato l’upgrade: entra nella hall of fame dell’Albo. Giornalisti si nasce…