Il nostro mondo è indubbiamente invaso da internet e sempre più azioni, a cui una volta accedevamo al di fuori della rete globale, sono ormai state inglobate nel grande mondo di internet. Film, serie TV, news, dirette e videogiochi: tutto questo, che fino a qualche anno fa era esclusiva di televisioni, radio o comunque postazioni fisse, è diventato ora istantaneo, mobile, sempre disponibile. A cosa dobbiamo tutto questo? All’innovazione tecnologica certo, ma ad una in particolare: lo streaming.

Che cos’è e come funziona lo streaming
Ormai siamo abituati ad usarlo quotidianamente ed è probabile che non abbiamo mai pensato al suo funzionamento. Lo streaming infatti è una semplice trasmissione di dati da un punto all’altro così come radio e TV. Ma lo streaming funziona perché i dispositivi connessi a internet richiedono dei dati audio/video al server, e questo li rimanda compressi. Poi una volta ricevuti, invece di procedere al download del pacchetto, il nostro dispositivo provvederà a riprodurlo direttamente spacchettando i dati.

Lo streaming può essere di due tipi:

  • Live: ovvero le dirette, come i siti delle TV o le nostre dirette sui social. Qui tutti i dati vengono compressi per il ricevente
  • On demand: Netflix, YouTube ecc., sono servizi a richiesta: i dati vengono sempre compressi e spacchettati da un codec, il ritardo prodotto è il buffering quello che noi comunemente chiamiamo il caricamento.

Streaming video e audio e… videogiochi
I servizi più comuni sono sicuramente quelli che trasmettono video e audio come appunto Netflix, YouTube, Infinity ma anche Spotify, SoundCLoud e i servizi musicali usano lo streaming per diffondere le tracce audio. Ci sono stati anche altri esperimenti con lo streaming, come le dirette dei concerti o programmi educativi.

La novità di quest’anno però è l’introduzione di due servizi che portano lo streaming dentro un altro settore: i videogiochi. Sia Google sia Apple hanno infatti annunciato l’introduzione di due piattaforme che permetteranno agli appassionati di videogiochi di accedere ad un catalogo di giochi online – e giocare ovviamente – pagando un piccolo abbonamento. Stadia e Apple Arcade funzioneranno dunque come delle piattaforme di streaming ma conterranno videogiochi. Naturalmente per poter usufruire al meglio di questi servizi è necessario anche un dispositivo compatibile e una buona connessione internet.

Come velocizzare lo streaming
Ci sono alcuni trucchi e consigli però che possiamo adottare se vogliamo migliorare il nostro streaming di casa. Per prima cosa verificate attraverso uno speed test disponibile gratuitamente online la velocità della vostra connessione e dunque adeguata anche la qualità di riproduzione (4K, HD, ecc.) in base alla capacità della vostra rete. Dopodiché se avete un router Wi-Fi posizionatelo al centro della stanza in modo che il segnale non venga ostacolato. Pulite la cache del vostro dispositivo e chiudete tutte le app in background in modo da indirizzare il segnale solo su un canale. Un altro modo per stabilizzare la rete è utilizzare una rete VPN, un sistema per cui la vostra connessione verrà protetta da possibili infiltrazioni esterne e perdite di dati, velocizzando così internet e rendendolo anche più sicuro.