Stonehenge

Una scoperta davvero sensazionale quella fatta a tre chilometri di distanza dal famosissimo sito del Neolitico, nel sud dell’Inghilterra Stonehenge, patrimonio dell’Unesco dal 1986, ovvero è stato trovato un nuovo anello di 20 megaliti formato da pietre di 10 metri di diametro, 5 di larghezza che circondano l’antico insediamento di Durrington Walls, il team di archeologi ha datato i megaliti almeno a 4000 anni fa.

Secondo gli studiosi delle università di Saint Andrews, Birmingham, Warwick, Glasgow e dell’università del Galles Trinity Saint David, che hanno lavorato al progetto, il sito è di epoca neolitica, aveva un carattere sacro, incentrato sulla stagione dei raccolti agricoli ed era in stretto collegamento allo storico al luogo sacro di Stonehenge. L’annuncio è stato dato dalla Bbc, “Questa è una scoperta senza precedenti e di grande significato all’interno nel Regno Unito”, ha affermato Vincent Gaffney, uno degli archeologi leader del progetto. “Inimmaginabile, prima del via delle ricerche, pensare di individuare un ritrovamento simile a così poca distanza da Stonehenge”. Il professore Richard Bates dell’Università di St. Andrews ha spiegato che la scoperta sta dando “una visione del passato che mostra una società ancora più complessa di quanto potessimo immaginare” per quanto riguarda, ad esempio, la pratica dell’agricoltura durante il Neolitico. Il dottor Tim Kinnaird dello stesso Ateneo ha detto che lo studio dello scavo “offre un ricco e affascinante archivio di informazioni ambientali precedentemente sconosciute. Presto saremo in grado di scrivere una storia dettagliate del paesaggio di Stonehenge 4000 anni fa”.