Udite, udite! La stagione due di “Emily in Paris” si farà! E non solo, pare che le riprese nella bellissima capitale francese siano già iniziate. Sebbene non ci siano informazioni certe, la nuova stagione dovrebbe approdare su Netflix entro la fine del 2021. Come si evolverà il rapporto con Gabriel ,interpretato da Lucas Bravo, adesso che (allerta spoiler!) il baldo giovane ha deciso di rimanere a Parigi? In che modo Emily gestirà la sua amicizia con Camille, ora ex fidanzata di Gabriel? Sylvie, la sua gelida capa, riuscirà finalmente ad apprezzarla? Queste sono alcune delle domande alle quali gli spettatori aspettano di avere risposte.

Emily in Paris

Il produttore Darren Star afferma che Emily, interpretata da Lily Collins, proverà ad essere molto più inquadrata e a costruirsi una vita più solida in città. Lasciatasi alle spalle Chicago, la nostra protagonista pare decisa a non rinunciare al piccolo microcosmo che sta creando per sé stessa. La via per la felicità è però più intricata del previsto: Emily, molto probabilmente, dovrà fare i conti con l’instabile relazione che la lega sia a Camille che a Gabriel, venendo coinvolta in un complicato triangolo amoroso.

Inoltre, bisognerà capire il ruolo che la giovane occuperà all’interno del contesto lavorativo parigino dopo essere riuscita nella miracolosa impresa di riportare in auge l’immagine dello stilista Pierre Cadault, (spoiler!) realizzando una sfilata di successo. Sylvie non ha intenzione di mollare la presa, per questo Emily potrà andare in contro a numerosi ostacoli. Nella seconda stagione, pertanto, dovrebbero tornare tutti i personaggi visti nella prima, tra questi la cara amica Mindy che, al termine della serie, si era trasferita da Emily a causa del suo permesso di soggiorno scaduto. A tal proposito l’attrice interprete del ruolo di Mindy, Ashley Park, ha parlato di un intreccio sempre più profondo tra la sfera amicale e quella lavorativa, nella vita di Emily.

Emily in Paris

Insomma, in barba alle critiche ricevute, specialmente da alcuni francesi che considerano la loro rappresentazione sullo schermo eccessivamente stereotipata, la seconda stagione di “Emily in Paris” verrà rilasciata regalandoci ulteriori avventure. Darren Star, non curante dei giudizi negativi, si dichiara semplicemente contento dell’entusiasmo degli spettatori verso la sua creazione. Di fatti “Emily in Paris” è stata per parecchio tempo una delle serie più viste in molti paesi europei e no, complice anche il periodo di costrizione in casa. Le premesse si dimostrano interessanti, tante storie sembrano bollire in pentola pronte per essere divorate dal pubblico. Intanto, in attesa di conoscere quel che sarà della giovane americana e del suo futuro, c’è sempre la possibilità di rinfrescarsi la memoria facendo un bel rewatch della prima stagione su Netflix. À bientôt!

Laureata al Dams con la speranza di dare concretezza ai suoi sogni, ne è uscita ancora più confusa. Si destreggia tra un film impegnato e un teen drama americano, mossa dalla passione per il cinema e le serie tv. Una volta, leggendo l’oroscopo, ha scoperto che gli antenati osservavano le fiamme per trarne beneficio, rafforzare la memoria, scoprire le proprie passioni e progetti. Così fissando a lungo il fornello acceso della sua cucina ha forse capito qual è la fiamma ardente che splende dentro di lei: la scrittura. Con la speranza che questa non sia un fuoco di paglia.