Perché The Handmaid’s Tale deve finire con la stagione 5 e come andrà avanti

Articoli Consigliati

- Advertisement -

The Handmaid’s Tale è ben impostato per terminare dopo la stagione 5 e far posto ad una nuova versione della storia di Gilead in The Testaments.

Gli showrunner hanno annunciato nell’agosto 2021 che il team di The Handmaid’s Tale sta discutendo la fine della storia di June, con la netta possibilità che la stagione 5 possa essere l’ultima. Basata sull’omonimo romanzo del 1985 (Il racconto dell’ancella), la stagione 5 di The Handmaid’s Tale si espanderà ulteriormente sulla narrazione distopica originale di Margaret Atwood, ancora incentrata sull’ancella rinnegata June/Offred (Elisabeth Moss).

Mentre la reazione della critica si è calmata, The Handmaid’s Tale continua ad essere un successo in streaming, il che significa che Hulu ha anche acquistato i diritti per il sequel del 2019 della Atwood, The Testaments (I Testamenti). Ambientato 15 anni dopo The Handmaid’s Tale, questa nuova narrazione si allontana dall’eroismo di Difred, scegliendo invece di raccontare la storia dal punto di vista di tre diversi personaggi. Questi saranno zia Lydia (Ann Dowd nella serie Hulu), una giovane ragazza di nome Agnes e una donna canadese chiamata Daisy, che spiegheranno a tutti lo stato di Gilead e del mondo in generale. Per rendere giustizia alla visione originale della Atwood, The Handmaid’s Tale deve finire con la quinta stagione. Dopo essersi mossa in una narrazione circolare per troppo tempo, il finale della stagione 4 ha finalmente impostato un degno climax della serie.

Perché la stagione 5 dovrebbe essere l’ultima

- Advertisement -

Quando The Handmaid’s Tale è esploso per la prima volta sugli schermi nel 2017, la storia della Atwood ha fornito un ritratto distopico fresco e terrificante della società umana. Le misure autoritarie di Gilead erano tanto scioccanti quanto estreme, con Elisabeth Moss che amplificava queste emozioni con la sua interpretazione grandiosa di June, una delle tante ancelle intrappolate a Gilead. Ma, nel 2021 la serie è diventata stantia, la narrazione, così tesa nelle prime due stagioni, è ora spesso pedestre, con i momenti di paura, speranza e disperazione sofferte dalle Ancelle diventati ogni volta meno d’impatto. Spostando June in Canada si è finalmente liberata da questa narrazione consolidata, ma con tutte le questioni in sospeso di Difred/June ancora appese a Gilead, c’è il rischio di ricadere nel solco narrativo della terza stagione se gli showrunner cercano di tirar fuori qualche altro anno di storia.

The Handmaid's Tale

Come The Handmaid’s Tale ha impostato il suo finale

Nonostante i problemi di ritmo in gran parte della stagione 3, la narrazione ha finalmente costruito una conclusione dopo il finale della stagione 4. In particolare, la morte di Fred (Joseph Fiennes) nella Terra di Nessuno per mano delle Ancelle è un evento chiave che accelererà il finale della serie. Come co-fondatore di Gilead e dittatore de-facto per la sua visione dell’America, l’uccisione di Fred sarà catalizzatore dei conflitti che arriveranno su scala più ampia nello show. L’imminente mancanza di leadership di Gilead potrebbe spingere il Canada e altri paesi liberi del mondo ad agire finalmente e svelare le atrocità che vi accadono, alterando la posizione di Gilead nel mondo.

Ad un livello più ristretto, la morte di Fred accelererà anche un conflitto che gli showrunner hanno per lo più aggirato fino ad oggi, Serena Joy contro June. Nonostante abbia mostrato più umanità del marito nel corso della serie, Serena (Yvonne Strahovski) disprezza inesorabilmente June, cosa che si intensificherà solo dopo aver ricevuto per posta il dito del marito morto. Il brutale assassinio di Fred da parte di June significa anche che non si fermerà più davanti a nulla, oltrepassando qualsiasi limite per attuare la meritata vendetta sui suoi ex rapitori, sarà probabilmente il culmine della serie, dato che tutti i principali antagonisti probabilmente moriranno per mano sua.

La stagione 4 di The Handmaid’s Tale ha anche posto le basi per il sequel The Testaments, che gli showrunner hanno promesso continuerà nella stagione 5. Il capo degli sceneggiatori di Hulu ha già dichiarato di voler “introdurre il sequel di The Testaments in un modo che si senta organico al lavoro che è già stato fatto sulla piattaforma”, prima di aggiungere che “La nascita di The Testaments su Hulu e l’eventuale fine di The Handmaid’s Tale sono collegati”. Questo approccio organico tra i due spettacoli è chiaro nella stagione 4, meglio esemplificato dall’arco del personaggio di zia Lydia che viene rimproverata e generalmente non rispettata dal Comandante Lawrence (Bradley Whitford) nonostante sia un pilastro centrale del sistema di Gilead. Questi eventi, insieme alla sua reintegrazione come zia, prefigurano sia il finale di The Handmaid’s Tale che lo spinoff The Testaments, in cui Lydia è uno dei tre personaggi principali.

Perché The Testaments è la scelta migliore il futuro di The Handmaid’s Tale

Data la fluttuazione del gradimento della critica nelle ultime due stagioni, The Handmaid’s Tale dovrebbe puntare a consegnare a Gilead un climax drammatico degno della sua stagione di debutto. Risolvendo i punti chiave della trama stabiliti nella stagione 1, come il destino di Gilead e la resa dei conti di Difred con Serena, la stagione 5 può fornire un finale del tutto soddisfacente allo show. La creazione di un sequel, The Testaments, permette un nuovo approccio e una nuova narrazione della trama di The Handmaid’s Tale che altrimenti potrebbe non esserci. Mentre June è la voce narrante in The Handmaid’s Tale, The Testaments permetterebbe un nuovo metodo di narrazione in quanto la trama passa tra le prospettive di tre personaggi, probabilmente dando nuova vita al franchise.

È anche fondamentale notare che dalla fine della prima stagione, The Handmaid’s Tale è andato ben oltre il materiale di partenza, il che potrebbe aver contribuito alla narrazione divenuta stantia verso il (presunto) punto centrale della serie. Concludendo The Handmaid’s Tale dopo la quinta stagione e andando avanti con The Testaments, gli showrunner avranno anche del materiale fresco della Atwood su cui lavorare, sotto forma del suo romanzo del 2019. Questa potrebbe essere la chiave per riconquistare un po’ del fuoco perduto dalle prime stagioni e fare in modo che The Testaments abbia lo stesso impatto degli inizi.

Se volete sapere tutto sulla stagione 5 leggete questo articolo. In Italia uscirà come di consueto di su Timvision in contemporanea con la messa in onda americana.

- Advertisement -

Non perderti anche