Aggressione fisica ai danni del principe, la Royal Family affronta il dramma

440

Quando si pensa alla Royal Family subito la mente vola allo sfarzo, allo splendore e a quella meraviglia che deve essere vivere in un Palazzo Reale.

Royal Family

Come nelle fiabe, abbiamo sempre sentito parlare di principi e principesse e questo, nell’immaginario comune, è qualche cosa che si riesce solo a immaginare volando con la fantasia, ma tornando con i piedi per terra e alla realtà, pensando proprio alla Royal Family si associano anche tantissimi fatti di cronaca che non hanno nulla a che vedere con la gioia, lo sfarzo e la serenità.

Basti pensare, una su tutti, alla drammatica morte della principessa Diana, una vita davvero breve e vissuta sempre al limite, i disturbi alimentari, il dolore del vivere in un ambiente dove non si sentiva accettata, l’attacco criminoso dei paparazzi che la inseguivano ad ogni suo spostamento, fino al tragico e fatidico incidente a Parigi che ha portato alla sua scomparsa a soli 36 anni.

Essere un membro della famiglia reale avrà sicuramente i suoi vantaggi, ma porta con sé moltissime difficoltà, non per ultimo, uno spiacevole episodio ha visto coinvolto proprio uno dei principi della Royal Family che è stato aggredito fisicamente arrivando fino alle mani, una situazione difficile che ancora nasconde dei lati d’ombra.

Royal Family

Negli anni abbiamo visto i reali affacciarsi dal famoso balcone con i loro meravigliosi abiti e i preziosi gioielli e ci hanno fatto sognare, dall’esterno spesso vediamo solo un lato della medaglia, negli ultimi anni molti nodi sono venuti al pettine e proprio gli stessi interessati hanno sentito la necessità, come fece Diana in tempi non sospetti, di raccontare quali problemi li affliggono.

Lo abbiamo sentito proprio dalla bocca di Meghan Markle, durante la famosa intervista con Oprah, quando può essere devastante la vita con la Famiglia Reale e delle difficoltà che la stessa ha incontrato nel cercare di inserirsi nel Regno D’Inghilterra.

Una missione che alla fine ha avuto un terribile epilogo, non riuscendo a sopportare le pressioni il principe Harry e Meghan hanno deciso di scappare dall’Inghilterra per trasferirsi in America, anche se non si può dire che i loro problemi siano terminati, nonostante Harry abbia meno obblighi del fratello nei confronti del Regno.

LEGGI ANCHE-> Il principe Harry “non si sente sicuro” retroscena oscuro nella Royal Family

In tutto questo marasma c’è una coppia che sembra reggere il colpo ormai da tempo, si tratta proprio dell’erede al trono, il principe William e dell’unica donna che è stata capace di tener testa alla famiglia Windsor, Kate Middleton, ma questa volta anche per loro la situazione si è fatta decisamente delicata.

Il principe è stato aggrediti fisicamente

Kate Middleton è una donna forte, elegante, carismatica, capace di portare freschezza alla monarchia nonostante resti impeccabile all’etichetta, per questo è considerata la degna erede della Regina Elisabetta, ma la sua perfezione non è bastata a tenerla lontana da una situazione davvero disastrosa che non è facile da affrontare per nessuno, sicuramente non meno se ci si trova nell’occhio del ciclone della cronaca.

A scatenare il putiferio è stato un attacco fisico al principe George, terzo erede nella linea di successione al trono, il bambino che si trova non per sua volontà, sempre al centro dell’attenzione, è spesso preso di mira dai suoi compagni di scuola.

Royal Family

Lui frequenta la Thomas’s Battersea, un prestigioso istituto di Londra, nonostante dovrebbe essere in un luogo protetto, purtroppo si è trovato ad affrontare uno scontro, si è arrivati addirittura alle mani. Quello del bullismo è un tema delicato e il piccolo George si trova in una situazione davvero difficile perché la sua famiglia non passa di certo inosservata, attirando su di lui cattiverie e maldicenze tanto da essere stato aggredito.

Ancora non si hanno i dettagli di quelle che saranno le conseguenze di questa situazione o quali azioni decideranno di prendere i genitori per cercare di tutelare il proprio figlio.