Marc Chagall. Una storia di due mondi: al MUDEC l’arte di Chagall tra storia ed evoluzione

363

La mostra “Marc Chagall. Una storia di due mondi” unisce storia, arte e cultura riportando in vita un artista unico ed eclettico. MUDEC e Israel Museum di Gerusalemme raccontano quest’esperienza vissuta e impressa, fondamentale per l’evoluzione poetica dello straordinario protagonista.

Marc Chagall. Una storia di due mondi
Marc Chagall Gli innamorati 1954-55 Gouache, china, inchiostro acquerellato e acquerello su carta Donazione di Jan Mitchell, New York, attraverso la America-Israel Cultural Foundation Photo © The Israel Museum Jerusalem by Laura Lachman ©Chagall ®by S.I.A.E., 2022

Nato quasi 140 anni fa, Marc Chagall (1887-1985) è oggi uno degli artisti moderni più popolari e amati. La sua opera continua a riscuotere interesse in tutto il mondo. La sua biografia si intreccia con gli eventi cruciali dell’Europa del Novecento e i suoi capolavori sono riconosciuti da un pubblico estremamente eterogeneo perché entrati ormai nella memoria collettiva mondiale.

Prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, promossa dal Comune di Milano-Cultura e curata dall’Israel Museum di Gerusalemme, la mostra ospitata al MUDEC Marc Chagall. Una storia di due mondi” affronta l’opera di Marc Chagall da un punto di vista nuovo, collocandola nel contesto del suo background culturale, grazie alla straordinaria collezione nell’Israel Museum, che presenta in mostra una selezione di oltre 100 opere donate per la maggior parte dalla famiglia e dagli amici di Chagall. L’allestimento della mostra è stato curato dall’Architetto Corrado Anselmi. Main Sponsor della mostra è il Gruppo Unipol.

Il progetto espositivo è dedicato in particolare ai lavori grafici di Chagall e alla sua attività di illustratore editoriale. La mostra ripercorre alcuni temi fondamentali della vita e della produzione dell’artista: dalle radici nella nativa Vitebsk (oggi Bielorussia) all’incontro con l’amata moglie Bella Rosenfeld.

Marc Chagall. Una storia di due mondi” mette in relazione le opere con il contesto culturale da cui nacquero: la lingua, gli usi religiosi e le convenzioni sociali della comunità ebraica yiddish, così come i colori e le forme che Chagall assimilò da bambino ed espresse al meglio da adulto, il rapporto esistente nell’opera di Chagall tra arte e letteratura e tra linguaggio e contenuto.

I lavori esposti riflettono dunque l’identità poliedrica dell’artista, che è al tempo stesso il bambino ebreo di Vitebsk; il marito che correda di immagini i libri dell’amata moglie; l’artista che illustra la Bibbia, volendo rimediare così alla mancanza di una tradizione ebraica nelle arti visive; e infine l’originale pittore moderno che, attraverso l’uso dell’iconografia cristiana, piange la sorte toccata nel suo secolo al popolo ebraico.

Sono presenti, infine, una selezione di oggetti rituali, usati nelle cerimonie religiose delle comunità ebraiche e che sono spesso raffigurati nelle opere di Chagall.

Marc Chagall mostra
Marc Chagall La chiesa di Chambon-sur-Lac 1926 Gouache su carta Donazione di Oscar Fischer, Tel Aviv Photo © The Israel Museum Jerusalem, by Avshalom Avital ©Chagall ®by S.I.A.E., 2022

All’interno del percorso espositivo “Marc Chagall. Una storia di due mondi”, alcune sale ospitano anche installazioni multimediali, ideate e curate da Kaos produzioni per accompagnare il visitatore alla riscoperta dell’artista.
La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 31 luglio 2022. Il catalogo della mostra “Marc Chagall. Una storia di due mondi”, edito da 24 ORE Cultura, è disponibile in libreria e online.

LEGGI ANCHE-> Marc Chagall. La Bibbia, un’inedia narrazione del testo biblico in mostra a Catanzaro

La mostra e le sue sezioni

Il percorso “Marc Chagall. Una storia di due mondi” offre uno sguardo illuminato e multidimensionale sulle fonti culturali dell’opera di Chagall e su un mondo perduto che essa intese evocare. Marc Chagall fu un artista intensamente umano.

Marc Chagall una storia di due mondi

Crebbe nella città ebraica di Vitebsk (nella attuale Bielorussia), nell’Impero Russo. Le scene e le esperienze della sua prima giovinezza formarono la base del suo mondo simbolico e ciò costituisce forse il segreto del duraturo successo delle sue opere.

La prima sezione di “Marc Chagall. Una storia di due mondi” abbraccia il tema della Cultura ebraica e Yiddish.
Temi fondamentali nella definizione dell’opera di Chagall, al pari della vita a Vitebsk (oggi in Bielorussia) e dell’espressione dell’identità russa, sono state l’osservanza della religione ebraica e la cultura Yiddish.

Basandosi sulla tradizione ebraica, l’yiddish preservava e rafforzava il senso di identità e la cultura della comunità; era la lingua madre che accompagnò Chagall nel suo ingresso nella vita adulta.
Molte delle scene e delle immagini create da Chagall sono spesso legate alla tradizionale osservanza della religione ebraica e hanno spesso origine in espressioni yiddish. Gli oggetti da lui raffigurati sono spesso molto simili a quelli delle collezioni “Judaica” ed “Ethnography” dell’Israel Museum di Gerusalemme.

Marc Chagall Bella mostra Mudec
Marc Chagall, Bella e Ida, c. 1917 Marc Chagall, Bella, and Ida, c. 1917 © Archives Marc et Ida Chagall, Paris

La seconda sezione della mostra è dedicata al tema della Nostalgia, evidente in molte sue opere, dalle radici nella nativa Vitebsk all’incontro con la prima moglie Bella Rosenfeld.
Molte delle opere di Chagall sul tema dell’amore eterno sono ritratti di Bella; anche lei scrittrice in lingua yiddish, era nata a Vitebsk, dove i due si conobbero. Scrisse della sua vita nella piccola comunità ebraica in un ciclo di memorie e raccontò del suo amore per Chagall. La morte precoce di Bella fu per l’artista un duro colpo.

I libri della moglie “Burning Lights” e “First Encounter” furono pubblicati dopo la sua morte, negli anni Quaranta, corredate da vivaci illustrazioni eseguite dal marito.
La mostra comprende i disegni originali per i libri di Bella, donati all’Israel Museum dalla loro figlia Ida.
La mostra presenta inoltre una selezione di oggetti rituali ebraici dell’Europa orientale, conservati alla sezione dell’Israel Museum dedicata all’arte e alla vita ebraiche. Questi manufatti, usati nelle cerimonie religiose delle comunità, sono spesso raffigurati nelle opere di Chagall, in particolare nelle illustrazioni per i libri di Bella e per le stampe da lui realizzate negli anni Venti in “Ma vie”.

La terza sezione in mostra descrive le Fonti di ispirazione di Chagall.
La mostra presenta le sue illustrazioni della Bibbia: disegni e stampe che rivelano un’interpretazione straordinariamente “umanista” delle Scritture; la Bibbia Ebraica (quella che racconta l’Antico Testamento) è infatti rappresentata come un ciclo di incontri storici tra l’uomo e Dio.

mostra MUDEC
Marc Chagall Ebreo in preghiera 1912-13 Olio su tela Ricevuto tramite JRSO (Jewish Restitution Successor Organization). Photo © The Israel Museum Jerusalem ©Chagall ®by S.I.A.E., 2022

Infine, l’ultima sezione ci porta in Francia, la nuova patria. Il ricco cromatismo che si suole associare ai dipinti e alle stampe di Chagall emerse solo nel momento in cui egli lasciò la Russia per la Francia. Stabilitosi a Parigi, Chagall abbracciò la sua nuova, colorita patria assimilando tutte le risorse culturali che essa gli offriva. Il paesaggio e la cultura francesi divennero parte della sua nuova vita, e Chagall li incorporò nei dipinti e nelle illustrazioni di scene bibliche e di classici della letteratura.

Durante la sua lunga e fertile carriera a Parigi e a Saint-Paul de Vence in Provenza, Chagall continuò a evocare i ricordi della sua casa natale e l’atmosfera della sua infanzia. Allo stesso tempo, divenne il “cittadino del mondo” per eccellenza; le sue magistrali stampe per “Le anime morte di Gogol”, anch’esse incluse nella mostra, rivelano la sua nuova identità di artista ebreo – matura e complessa – nel momento in cui, residente in Francia, illustra un classico romanzo russo del XIX secolo.

Chagall e la sua arte, la sua evoluzione

Nel corso della sua straordinaria carriera, Chagall ha prodotto numerose opere grafiche – disegni, incisioni, litografie – dimostrando di essere un maestro della linea e della superficie oltre che un eccellente colorista. Probabilmente rimane ineguagliato nell’abilità di tradurre il colore in un mezzo esclusivamente bianco e nero, mantenendo le gradazioni dei toni.

Marc Chagall MUDEC mostra arte
Marc Chagall, c. 1910 © Archives Marc et Ida Chagall, Paris

Nelle illustrazioni per i libri – dall’autobiografia alla Bibbia – rimane fedele al testo accompagnandolo con immagini che di solito non si limitano a illustrare particolari episodi.
Dal bianco e nero al colore. La joie de vivre degli anni della sua formazione trova espressione nell’arte di Chagall in colori vivaci e in immagini ricche ed evocative, ora malinconiche ora gioiose: temi archetipici di tutto il suo lavoro, immediatamente riconoscibili da spettatori appartenenti alle più diverse culture. Al tempo stesso hanno significati più profondi, decifrabili solo per mezzo di un’analisi antropologica. Un artista poliedrico, capace di parlare le infinite lingue ed espressioni dell’arte.

INFO

Marc Chagall: una storia di due mondi. Dalla collezione dell’Israel Museum di Gerusalemme

UNA MOSTRA 24 ORE Cultura
IN COLLABORAZIONE CON Israel Museum di Gerusalemme
CURATELA Ms. Ronit Sorek, Curator, Ruth and Joseph Bromberg Department of Prints and Drawings at IMJ.

PROGETTO DI ALLESTIMENTO Corrado Anselmi + Kaos multimediale e il contributo di Jacopo Veneziani
SPONSOR MUSEO Fondazione Deloitte – Deloitte
MAIN SPONSOR Gruppo Unipol
BIGLIETTERIA Ticket 24 Ore
AUDIOGUIDE Start Srl / scritte a cura di Jacopo Veneziani
DIDATTICA Education 24 ORE Cultura
SEDE Mudec

PERIODO DI APERTURA
Dal 16 marzo 2022 al 31 luglio 2022

ORARI MOSTRA
Lunedì 14.30 – 19.30
Martedì – mercoledì – venerdì – domenica 9.30 – 19.30
Giovedì – sabato 9.30 – 22.30
La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso)

APERTURE O CHIUSURE STRAORDINARIE
Domenica 17 aprile 2022 (Pasqua) 09:30 – 19:30
Lunedì 18 aprile 2022 (Lunedì dell’Angelo) 09:30 – 19:30
Giovedì 21 aprile 2022 09:30 – 18:30 (inaugurazione Lachapelle)
Lunedì 25 aprile 2022 (Anniversario della Liberazione) ore 09:30 – 19:30
Domenica 1 maggio 2022 (Festa del Lavoro) ore 09:30 – 19:30
Giovedì 2 giugno 2022 (Festa nazionale della Repubblica) 09:30 – 22:30

PREZZI

  • INGRESSO SINGOLO INTERO
    15,00 €
  • INGRESSO SINGOLO RIDOTTO
    13,00 €
    Visitatori dai 6 ai 26 anni, over 65, persone con disabilità (Legge 104), insegnanti,
    militari, forze dell’ordine non in servizio, accompagnatore dipendente Comune di
    Milano, accompagnatore possessore Mudec Membership Card.
  • INGRESSO SINGOLO RIDOTTO SPECIALE
    9,00 €
    Dipendenti Comune di Milano con badge nominale (un solo eventuale accompagnatore
    al seguito € 13,00), volontari Servizio Civile Nazionale o operanti presso il Comune di
    Milano muniti di tesserino, giornalisti con tesserino ODG con bollino dell’anno in corso
    non accreditati.
    INGRESSO MARTEDI’ UNIVERSITARI
    9,00 €
    Tutti i martedì gli studenti universitari muniti di tesserino senza limiti di età avranno
    diritto ad un ingresso ridotto speciale a 9,00 € per la mostra (esclusi giorni festivi)
    OMAGGIO
    Minori di 6 anni, guide turistiche italiane munite di tesserino di abilitazione (no salta
    coda), giornalisti con tesserino ODG previo accredito presso l’Ufficio Stampa (scrivere
    con almeno 24 ore di anticipo a: elettra.occhini@ilsole24ore.com specificando la testata
    e il giorno della visita. Non si accredita nel weekend e nei festivi; non si accredita nel
    week-end e nei festivi), 1 accompagnatore per persone con disabilità che presentino
    necessità e regolare documentazione, possessori di Mudec Membership Card
    (eventualmente accompagnatore al seguito 13,00 €).
    SPECIALE FAMIGLIA
    Speciale famiglia (da 2 a 5 persone)
    Adulto (1 o 2 adulti) € 13,00
    Primo e secondo figlio (da 6 a 13 anni) € 9,00
    Primo e secondo figlio (da 14 a 26 anni) € 13,00
    Omaggio terzo figlio (da 6 a 13 anni)
    BIGLIETTO OPEN – Valido fino al 24/07/2022
    • € 17,00 + 2,00 Intero (acquisto minimo 1 giorno prima dell’utilizzo)
    • € 15,00 + 2,00 Ridotto promo (acquisto minimo 1 giorno prima dell’utilizzo), € 11,00 + 2,00 Ridotto dipendenti 24 ORE (acquisto minimo 1 giorno prima
    dell’utilizzo)
    • Biglietto a data aperta, valido dal giorno successivo a quello di acquisto e consente
    l’accesso diretto alla cassa prenotati.
    GRUPPI ADULTI
    € 13,00 Gruppi di minimo 15 massimo 25 persone
    Gratuità 1 accompagnatore per ogni gruppo
    SCUOLE
    € 7,00 Gruppi di studenti di ogni ordine e grado
    € 3,00 Scuole dell’infanzia
    Gratuità 2 accompagnatori per ogni gruppo scolasticoPREVENDITA
    € 2,00 visitatori individuali e gruppi
    € 1,00 scuole
    Per garantire una regolare programmazione delle visite, la prenotazione con prepagamento è obbligatoria nel caso di scolaresche e gruppi, sia quando è richiesto l’ausilio di una guida sia nei casi in cui tale servizio non sia richiesto. È inoltre obbligatoria per gruppi da 7 persone con guida.