Marco Giallini, una vita distrutta: “Non riprende conoscenza…”

723

Marco Giallini ha vissuto una tragedia che gli ha cambiato completamente la vita. Ecco cosa sappiamo.

Marco Giallini è tra gli attori più amati del mondo del cinema e tra quelli che, seppur già in età adulta, ha dimostrato il suo talento in diversi film di successo, con interpretazioni che hanno lasciato il segno nel mondo del cinema italiano. Giallini rappresenta uno dei volti più apprezzati dal pubblico in diverse pellicole come  Perfetti Sconosciuti, Tutta colpa di Freud e Acab-All Coops are Bastard

Marco Giallini si è inoltre distinto per aver espresso sempre dei valori importanti e fedeli, per esempio l’amore per la sua famiglia. A soli ventidue anni, giovanissimo, si è affacciato al mondo della recitazione quando frequentò la scuola teatrale “La scaletta” di Roma, avendo l’opportunità di lavorare con i maestri dello spettacolo italiano come Adriano Vianello e Angelo Orlando.

L’esordio vero e proprio di Marco Giallini è da attribuirsi però nel 1998, quando l’attore interpreta il marito di Monica Bellucci nel film L’ultimo Capodanno. Giallini ha sempre espresso grande riconoscenza verso chi lo ha introdotto in questo mondo, queste sono le sue parole in merito:

Nel cinema sono stato catapultato da un giorno all’altro, soprattutto grazie a Valerio Mastandrea. Fece il mio nome a Marco Risi: ‘Dovresti proprio venire a Teatro – gli disse – c’è un mio amico che è fortissimo’ e lui, Marco, a vedere Casamatta vendesi di Angelo Orlando, venne davvero. Gli piacqui. Mi offrì un’occasione ne L’ultimo Capodanno: ‘Faresti il marito di Monica Bellucci? C’erano almeno quindici persone in fila prima di me e, per farmi ottenere la parte, Risi dovette lottare. Cominciò tutto così”.

Nel 2008, l’attore viene conosciuto e apprezzato dal pubblico italiano che lo vede in veste di numerosi personaggi in diverse pellicole come Romanzo Criminale e a seguire Ema sono Io, Andata e Ritorno, Io, Loro e Lara fino a Perfetti Sconosciuti, Tutta Colpa di Freud e nella trasmissione condotta con l’amico Giorgio Panariello, Lui peggio di me show. Per non parlare del successo televisivo recente della fortunata serie tv Rocco Schiavone.

Forse non tutti sono a conoscenza del trauma subito da Marco Giallini, una tragedia che gli ha cambiato la vita e che l’attore, nonostante la sua carriera brillante, ha dovuto affrontare.

Il dramma di Marco Giallini

Marco Giallini, nonostante il talento e la bravura che lo rendono uno degli attori più apprezzati dal pubblico italiano, ha vissuto un dolore insuperabile per l’improvvisa scomparsa di sua moglie Loredana, cui era molto legato e con la quale viveva un grande amore, che si potrebbe definire esemplare.

La donna, purtroppo, è morta per un emorragia celebrale e per l’attore è stato davvero un colpo grosso, una sofferenza molto grande. Non è la prima volta che l’attore racconta questo triste capitolo della sua vita e infatti le sue parole in memoria della moglie sono sempre le stesse, dopo di lei nessuna, ha amato una volta sola e si sente ancora legato a sua moglie, non importa quante storie gli possono capitare e quanti incontri, lui ha amato una sola volta.

Questo il ricordo di Giallini di quel tragico momento: “Da un paio di giorni aveva un fortissimo mal di testa, ma vai a pensare… Lei e i bambini stavano per partire per il mare, sarebbero rimasti in vacanza per un paio di mesi. Invece, ha chiuso gli occhi e mi si è accasciata tra le braccia mentre parlavamo, senza riprendere conoscenza”.