Russian Doll 2, il finale di stagione spiegato nel dettaglio

209

Il dramedy sci-fi esistenziale di Netflix ha concluso la sua seconda stagione con più domande che risposte, ma Nadia e Alan sembrano in pace. Ecco perché.

Russian Doll 2

Ecco tutto quello che è successo nel finale della seconda stagione di Russian Doll e cosa significa veramente. Nella seconda stagione di Russian Doll, il dramedy sci-fi esistenziale di Netflix ha riportato in primo piano Nadia Vulvokov (Natasha Lyonne) e Alan Zaveri (Charlie Barnett).

Solo che questa volta, invece di essere bloccati in un loop temporale in stile Il giorno della marmotta e rivivere le loro morti come nella prima stagione di Russian Doll, Nadia e Alan viaggiano indietro nella linea del tempo per incarnare le loro antenate. Questo si rivela essere un’esperienza infernale quanto la morte ineluttabile, ma non è privo di preziose lezioni di vita sia per Nadia che per Alan. Il finale della stagione 2 sembra enfatizzare questo concetto, anche se attraverso molti strati che possono apparire confusi.

In Russian Doll 2, episodio 1, Nadia scopre che il Treno 6 può portarla indietro fino al 1982 e le permetterle di abitare il corpo di sua madre Nora (Chloë Sevigny). Nadia scopre che ora è incinta di se stessa e responsabile delle decisioni della madre. Questo la spinge a tentare di riscrivere il suo passato, a ricucire il rapporto tra Nora e sua madre, Vera (Irén Bordán), e a restituire i beni di famiglia rubati: i cimeli di famiglia rubati dai nazisti e gli oggetti preziosi di Vera, i Krugerrands di Russian Doll.

Ma qualsiasi cosa faccia diventa la causa di ciò che lei sapeva già essere accaduto. Nel frattempo, Alan fa un viaggio a Berlino Est nel 1962 e abita il corpo di sua nonna Agnes (Carolyn Michelle Smith). Inizialmente apprezza l’opportunità, invece Nadia lo spinge ad essere un il motore del cambiamento, si sente frustrato dalla sua incapacità di salvare la relazione di Agnes con Lenny (Sandor Funtek), o potenzialmente anche Lenny stesso.

Il finale della stagione 2 di Russian Doll ha posto una domanda importante ad entrambi i protagonisti, una domanda che Natasha Lyonne ha confermato: se la domanda della stagione 1 era “Come faccio a non morire? Tre anni e mezzo dopo, si tratta di ‘Come continuare a vivere?”

Dopo aver partorito se stessa su una banchina della metropolitana, Nadia porta la piccola Nadia nell’anno 2022 nella linea temporale della seconda stagione, causando il collasso del tempo, Alan ovviamente la chiama “la persona più egoista di sempre”. Nadia è così invischiata nel riscrivere la storia della sua famiglia, che si perde persino la morte di Ruth (Elizabeth Ashley). Quando Nadia e Alan arrivano nel Vuoto, sono costretti a prendere decisioni che cambiano la vita.

Perché Nadia ha restituito se stessa a Nora

Russian Doll 2

Quando Nadia arriva con la versione bambina di se stessa nel 2022, si dirige direttamente all’ospedale, dato che Maxine (Greta Lee) ha cercato di contattarla più volte riguardo al rapido declino della salute di Ruth. Lì, si rende conto che il tempo non è più lineare – ci sono più Ruth, tutte in varie condizioni e momenti nel tempo.

Nell’episodio finale “Matryoshka”, Nadia, la piccola Nadia e Alan si incontrano nel bagno di Maxine – la stanza da cui partono sempre i loop temporali nella stagione 1. Alla fine, Alan si confronta con Nadia sul perché non può tenere la bambina.

Portare la piccola Nadia al 2022 fa collassare il tempo, ma Nadia diventa così ossessionata dal sistemare la sua infanzia e la storia della sua famiglia, che chiude un occhio sulla fusione delle linee temporali davanti a lei. Alan la esorta a smettere di essere egoista e a riportare la versione bambina di se stessa a Nora nel 1982. Facendo questo non solo salva il tempo come gli umani lo conoscono, ma è un simbolo per Nadia che accetta il suo passato e sua madre.

Quando finalmente trova Nora sulla versione 1982 del treno che Nadia usa per viaggiare nel tempo e le restituisce se stessa, Nadia le dice: “Non ti ho scelto la prima volta, ma immagino che sia così che va la storia, eh, mamma?”

Nadia ha finalmente accettato di non poter cambiare il passato e che Nora stessa è un prodotto di un’infanzia non ottimale, e merita il suo perdono. Inoltre, vedendo le altre persone che sono servite come figure materne per lei sul treno (Ruth, Vera, e se stessa), la restituzione del bambino da parte di Nadia riconosce che Nora ha fatto del suo meglio e ha un sostegno.

Avendo passato del tempo nella testa di Nora e sperimentato in prima persona la situazione di salute mentale di sua madre (abbastanza a lungo che Nadia inizia a vedere i bug del tempo), è più in pace con le azioni di sua madre e non la biasima allo stesso modo di prima.

Cosa significa davvero la morte di Ruth per Nadia

Russian Doll 2

Dopo che Alan convince Nadia a riportare il bambino nel 1982, scoprono (tramite il misterioso Horse) un treno 6 apparentemente bloccato, che Maxine e Lizzy (Rebecca Henderson) stanno andando alla veglia di Ruth. È in questo momento che Nadia si rende conto di essere stata così ossessionata da se stessa e preoccupata per il passato, che ha dimenticato il presente – in particolare, si è persa la morte della “migliore madre che abbia mai avuto”.

Il viaggio di Nadia attraverso la vita di Nora l’ha aiutata a vedere quanto fosse una buona amica Ruth per lei e per Nadia. Le ha aiutate con altruismo e senza alcun obbligo. La protagonista del cast di Russian Doll stagione 2, Natasha Lyonne, spiega il significato della morte di Ruth per Nadia: “Penso che Nadia sia così testarda – o che voglia così tanto essere in grado di influenzare qualche tipo di cambiamento, o sistemare le cose – e nel cercare di risistemare il passato, c’è una conseguenza karmica in cui perde quel momento presente”.

Mentre Nadia tenta anche di prevenire la morte di Ruth chiedendo all’iterazione di Ruth del 1982 (Annie Murphy) di smettere di fumare, non ha successo e Ruth rappresenta la morte dell’ultima figura materna al di fuori di Nadia stessa. La morte di Ruth è il catalizzatore finale per la decisione di Nadia di accettare il suo passato e rimanere nel presente – forse la più grande lezione sia per Nadia che per Alan nella seconda stagione di Russian Doll.

Cos’è il vuoto di Russian Doll 2?

Russian Doll 2

Non appena Alan si rende conto che “non possiamo sfuggire dall’essere il prodotto di cose che non possiamo cambiare”, si sente un treno in arrivo, lui e Nadia vengono trasportati nel Vuoto – un misterioso spazio simile al purgatorio dove il tempo sembra essersi finalmente fermato. Il Vuoto è uno spazio vuoto dove vanno le cose perse nel tempo, compresi Nadia, la piccola Nadia, Alan e i Krugerrand.

Infatti, Nadia deve scegliere tra la bambina e i Krugerrand prima di poter aprire la porta e procedere al livello successivo. Nadia e Alan hanno viaggiato nel tempo per troppo tempo, proprio come i Krugerrands originariamente sono scivolati fuori dal tempo dal treno nel 1982. Il Vuoto li spinge a prendere la loro più grande decisione nella stagione: tornare al passato o tornare al presente (o rimanere per sempre nel Vuoto, riflettendo sulle loro opzioni)

Mentre entrambi i personaggi aprono le porte, diventa chiaro che sanno cosa vogliono – nel caso di Alan, desidera solo che qualcuno glielo confermi.

Perché la nonna di Alan era nella metropolitana nel Vuoto?

Russian Doll 2

Quando Alan apre la porta, trova un’altra stanza in cui incontra Agnes che indossa la stessa uniforme dell’MTA come è stata vista nel 1982 da Nadia, presumibilmente avendo lavorato per loro qualche tempo dopo aver lasciato Berlino ed essere andata a New York. Alan chiede ad Agnes cosa sia successo a Lenny, ma quando Agnes dice di non saperlo, Alan si rimprovera per aver incasinato le cose.

Ma Agnes spiega ad Alan una cosa molto importante: lei non lo sa e va bene così. Quando Alan dice “Voglio solo delle risposte”, Agnes dà a suo nipote un’altra lezione cruciale e Charlie Barnett, lo riassume così: “Alan non sta vivendo perché ha tanta paura di fare le scelte sbagliate”. Alan aveva bisogno di avere questa conversazione catartica con Agnes per liberarsi dalla sua ansia e dall’ossessione del controllo.

Nel suo vestito MTA, Agnes sembra essere una sorta di guardiano del tempo, mostrando una conoscenza e un aspetto simili a quelli di Horse mentre spiega il Vuoto come uno spazio che viene semplicemente dimenticato: potrebbe parlare dello spazio sotterraneo letterale di New York, ma sembra che lei sappia più di quanto lascia intendere e questo stabilisce parte di una più grande spiegazione in un universo del tempo che può essere esplorata in Russian Doll 3.

Cosa è successo ai Krugerrand?

Russian Doll 2

Nadia viaggia indietro fino al 1944 e, come sua nonna Vera (Ilona McCrea), recupera i cimeli di famiglia, che erano stati rubati dai nazisti. Li nasconde in un tunnel per farli trovare alla sua versione più anziana (si rende conto che non può trasportare la borsa sul treno del tempo, dato che i Krugerrands di Russian Doll 2 una volta sono scomparsi in questo modo).

Nel 1968, la vecchia Vera recupera i cimeli e li impegna, ricevendo in cambio i Krugerrand. Nel 1982, Nadia, che ora abita Nora, ruba i Krugerrands con Chez (Sharlto Copley). Poi li spende immediatamente per un’auto nuova di zecca, ma Nadia/Nora li recupera ancora una volta con l’aiuto della giovane Ruth. Tuttavia, quando sale sul treno del tempo per portarli nel 2022, la borsa scompare misteriosamente. Quella distrazione, che può apparire sciocca, in realtà è cruciale.

Il finale della stagione 2 mostra la borsa Krugerrand nel Vuoto, persa nel tempo insieme a Nadia e al suo bambino. La protagonista cerca di recuperarli, ma si rende conto che non può portare sia i Krugerrand che la piccola Nadia, così abbandona la borsa nell’acqua. Questo gesto simboleggia l’accettazione da parte di Nadia del suo passato – i Krugerrands erano una “Coney Island”, un “what if” che la appesantiva. Nel finale della seconda stagione di Russian Doll, Nadia finalmente abbraccia il presente e i Krugerrands diventano una cosa del passato.

LEGGI ANCHE-> Russian Doll 2, avevamo bisogno di questa seconda stagione? Sì, sì e ancora sì. Recensione senza spoiler

Ci sarà la terza stagione di Russian Doll? Il finale della seconda stagione

Russian Doll 2

Non c’è ancora nessuna conferma per la terza stagione di Russian Doll, ma Natasha Lyonne ha lasciato intendere che c’è “un’idea in cantiere per la terza stagione”. Ha aggiunto, “Non credo che avrò mai finito con questo show. Dipende molto dall’appetito e dalla ricezione”.

Con la stagione 2 di Russian Doll che riceve un feedback estremamente positivo, è probabile che ci sarà una stagione 3 in arrivo in futuro. Già nel 2019, la Lyonne aveva dichiarato che Russian Doll è stata pianificata come una serie composta da 3 stagioni. Questo ha senso, se la stagione 1 era incentrata sul presente e la stagione 2 sul passato, la stagione 3 è destinata a esplorare il futuro dei personaggi (e, abbastanza urgentemente, le qualità temporali di Horse e Agnes).