Better Call Saul 6, è il momento di Nacho. Recensione episodio 3

272

Nacho gioca una mano difficile in questo episodio mentre Kim si avvicina sempre di più al lato oscuro.

Better Call Saul

Nella storia della televisione, nessun programma ha mai mostrato scene di morte con più brio di “Breaking Bad”. Pensate agli ultimi momenti di Gus, con metà faccia saltata via dopo che la sua nemesi, Hector Salamanca, ha fatto esplodere una bomba sotto la sua sedia a rotelle.

La lenta e sanguinosa uscita di scena di Walter White mentre si mette sentimentalmente in comunione con la sua attrezzatura per produrre metanfetamine. La morte di Hank Schrader per mano dei neo-nazisti nel deserto.

Finalmente, “Better Call Saul” ha contribuito a questo pantheon. L’addio di Nacho Varga in “Tra l’incudine e il martello”, è stato straziante, teso, violento, triste, pieno di pathos e indimenticabile per certi versi. Mentre è in fuga in Messico, decide che l’unico modo per salvare la vita di suo padre è quello di tornare doverosamente e “confessare” ai Salamancas proprio prima che lo uccidano.

Un compito difficile. Ma come tutti gli incarichi difficili di Nacho, non ha scelta e, ancora una volta, si dimostra superiore alle aspettative. Se avesse borbottato a malincuore la falsità che i signori della droga peruviani l’hanno coinvolto nel colpo a Lalo, la nuvola di sospetto su Gus sarebbe rimasta.
Invece, Nacho scagiona Gus suggerendo che “all’uomo del pollo” mancavano il fegato e l’astuzia per organizzare l’omicidio di Lalo.

Better Call Saul

Inoltre Gus ha salvato la vita di Hector intervenendo quando Nacho ha cercato di ucciderlo scambiando le sue medicine per il cuore con delle pillole di zucchero.

Nacho si allontana da quello che doveva essere scritto nel suo destino solo quando taglia la fascetta che gli lega le mani e minaccia di uccidere Don Bolsa, proprio prima di suicidarsi. Nacho ha voluto dimostrare una modesta quantità di potere in una vita professionale che è stata dettata da un gruppo rotante di sociopatici assassini.

Nacho ha ottenuto il frammento che taglia la fascetta dal vetro che Gus ha rotto nell’episodio precedente, che si trovava in un bidone della spazzatura nell’ufficio dell’allevamento di polli (l’indizio è quella ripresa caleidoscopica del volto di Nacho, come se la telecamera stesse riprendendo attraverso il vetro del bidone).

Better Call Saul

Il frammento appare nella sequenza di apertura dell’episodio, quando la telecamera fa una panoramica del paesaggio desertico dove una volta giaceva il corpo crivellato di proiettili di Nacho, uno di quegli enigmi che hanno senso solo quando iniziano a scorrere i titoli di coda.

Nel periodo che precede la sua morte, Nacho deve sopportare alcuni tormenti finali. Questi includono nascondersi in una cisterna di petrolio, sotto una pozza di petrolio e farsi picchiare da Mike in modo da sembrare adeguatamente ammaccato quando inizia il momento dello spettacolo. Se Nacho prova qualche gioia in questo episodio, è durante la breve telefonata a suo padre. È sollevato nell’apprendere che l’uomo è vivo, o almeno non è prigioniero. E riesce a dirgli addio.

Nacho ha fatto delle scelte di vita terribili, ma come Jesse Pinkman in “Breaking Bad”, viene eccessivamente punito per queste. È difficile pensare ad un singolo momento della sua vita, visibile agli spettatori, che sia stato gratificante. Quando non era inseguito, minacciato, colpito o picchiato, era in uno stato di terrore o disperazione.

Quindi, un saluto a Michael Mando, il suo Nacho era uno spettacolo di angoscia soffocata, un personaggio scosso da emozioni che erano evidenziate solo da sforzi sovrumani per contenerle. Come personaggio, riesce ad esprimere la rabbia solo negli ultimi secondi della sua vita, e questa rabbia erutta da lui come lava. Sarebbe stato bello vedere di più di questo attore stellare, ma se si deve lasciare uno spettacolo, un finale più drammatico e toccante di così è difficile da immaginare.

Better Call Saul

Sul lato colletti bianchi della nostra storia, Jimmy e Kim rubano l’auto di Howard come parte della loro continua campagna per incastrarlo per essere un abituale cocainomane. Ancora una volta, Huell Babineaux (Lavell Crawford) viene assunto per borseggiare e creare una copia delle chiavi dell’auto di Howard. Quando Jimmy comunica questo piano a Kim, ha un effetto afrodisiaco su di lei. Improvvisamente diventa affettuosa.

È solo un piccolo indizio del fatto che si sta dirigendo verso uno stato d’animo che potrebbe essere descritto come criminalmente marcio. Questo è particolarmente evidente nella sua conversazione con l’assistente procuratore distrettuale Suzanne Ericsen (Julie Pearl), mentre cerca di convincerla che Jimmy dovrebbe parlare del suo cliente presumibilmente deceduto, Lalo, aiutando i procuratori e la polizia a inchiodare la parte del cartello messicano che è ancora ad Albuquerque.

Ericsen sembra credere che Kim sia più suscettibile di Jimmy alla pesuasione morale. Sbagliato. Quando Kim trasmette questa conversazione a Jimmy, il suo discorso vira per una direzione completamente opposta.

“Vuoi essere un amico del cartello”, dice quando Jimmy le chiede un consiglio, “o vuoi essere una talpa?”. Un modo interessante di vedere la questione.

Better Call Saul

LEGGI ANCHE-> Come Better Call Saul 6 cambierà il modo in cui la gente adesso guarda Breaking Bad

Tenete a mente che anche se questo show è stato fuori onda per due anni, la fine della Stagione 5 e l’apertura della Stagione 6 hanno luogo a pochi giorni di distanza l’una dall’altra. Jimmy ha a malapena perso la scottatura presa mentre trasportava 7 milioni di dollari nel deserto alla fine della quinta stagione. E prima di quella stupida commissione, Kim ha pregato Jimmy di rivalutare all’idea di lavorare per i boss della droga a sud del confine.

Quindi, cosa giustifica la trasformazione radicale di Kim, nel giro di pochi giorni? Una possibile risposta è il denaro. Forse ha dato un’occhiata alla parte di denaro della cauzione di Jimmy e ha cambiato idea. È importante tenere presente che lei crede che lo schema di Ruin Howard gli farà guadagnare un paio di milioni quando costringerà alla risoluzione di una causa collettiva.

Ha intenzione di usare quei soldi per aprire uno studio legale per gli indigenti, che è un’idea molto nobile. Forse Kim sta per fare, o ha già fatto, un particolare tipo di patto faustiano. Può essere connivente, imbrogliona e persino complice dei criminali, purché il risultato sia quello di difendere i poveri in tribunale.

Considerando l’attuale traiettoria dell’orribile percorso di Kim e difficile non potete fare a meno di supporre che entro pochi episodi sarà nel giro delle metanfetamine. O sarà un avvocato del cartello. O qualcos’altro che è decisamente contro la legge.

Ma qualsiasi cosa succeda nei prossimi episodi a Kim e Jimmy ci penseremo più avanti, questa era e rimarrà per sempre la puntata di Nacho.