Doctor Strange 2, le scene post-credits spiegate (sono entrambe importanti)

469

Doctor Strange nel Multiverso della Follia ha due scene post-credits; ecco spiegato cosa significano per il futuro di Stephen Strange e del MCU.

Doctor Strange

(*Attenzione: l’articolo contiene GRANDI SPOILER per Doctor Strange nel Multiverso della Follia.*)

Doctor Strange nel Multiverso della Follia dei Marvel Studios ha due scene post-credits con grandi implicazioni per il futuro del Marvel Cinematic Universe. Anche se il sequel di Sam Raimi è il primo seguito del film Doctor Strange del 2016, il personaggio interpretato da Benedict Cumberbatch è stato impegnato nel MCU negli ultimi sei anni.

Lo Stephen Strange di Cumberbatch è apparso in Avengers: Infinity War ed è stato polverizzato dallo schiocco di Thanos, poi è tornato a combattere il Titano Pazzo nell’atto finale di Avengers: Endgame. Più recentemente, Doctor Strange è apparso in Spider-Man: No Way Home, cercando di aiutare il supereroe di Tom Holland, ma alla fine ha lanciato un incantesimo in modo che tutti nel MCU dimenticassero l’esistenza di Peter Parker.

LEGGI ANCHE-> Doctor Strange nel Multiverso della Follia, Sam Raimi porta il MCU ad essere veramente horror. Recensione senza spoiler

In questo secondo capitolo firmato Raimi, Doctor Strange si trova a proteggere la giovane supereroina America Chavez (Xochitl Gomez), la cui capacità di viaggiare tra gli universi del multiverso è ambita da Wanda Maximoff alias Scarlet Witch (Elizabeth Olsen). Dopo gli eventi di WandaVision, in cui ha raggiunto il suo vero potere come Scarlet Witch grazie in parte al Darkhold, Wanda vuole il potere di America per poter riavere i suoi figli.

Con l’aiuto dello Stregone Supremo Wong (Benedict Wong), Doctor Strange affronta la sua amica e collega Avenger per proteggere la giovane America e il multiverso.
Anche se Doctor Strange nel Multiverso della Follia ha due scene post-credits, una è più incentrata sull’impostazione di una storia futura, mentre l’altra è più uno scherzo. Ecco spiegate entrambe le scene post-credits di Doctor Strange 2!

Credits Scene #1: Charlize Theron entra nel MCU come Clea

Doctor Strange

Nella prima scena post-credits di Doctor Strange 2, Stephen sta camminando per le strade di New York City quando viene affrontato da un personaggio con un costume viola ultraterreno. La donna dice a Strange che ha causato un’incursione, presumibilmente attraverso il suo uso del Darkhold per sconfiggere la Scarlet Witch. Lei usa una lama per aprire una spaccatura nella Dimensione Oscura e recluta Doctor Strange per aiutarlo a ripararla.

Lui si unisce alla donna, indossando il suo costume da supereroe e aprendo il suo terzo occhio, saltando attraverso il portale con lei poco prima che la scena si chiuda a nero. Come confermato dai titoli di coda del film, questo nuovo personaggio è Clea, interpretata da Charlize Theron.

Il casting della Theron arriva come una sorpresa, dato che non era stato precedentemente riportato o pubblicizzato dai Marvel Studios. Segue la tradizione del MCU, però, di introdurre nuovi personaggi nelle scene post-credits, risalendo fino a Nick Fury (Samuel L. Jackson) in Iron Man del 2008.

La Marvel è tornata a questo formato per introdurre i personaggi nella Fase 4, con il piano originale che prevedeva che Valentina Allegra de Fontaine di Julia Louis-Dreyfus fosse rivelata per la prima volta nella scena post-credits di Black Widow. Più recentemente, la scena post-credits di Eternals ha rivelato che Harry Styles si è unito al MCU come Starfox, anche se è stato spoilerato prima dell’uscita del film. La Theron, invece, è riuscita a rimanere completamente segreta fino all’uscita di Doctor Strange 2.

Chi è Clea nei fumetti Marvel

Doctor Strange

Creata da Stan Lee e Steve Ditko, Clea ha una lunga storia nella Marvel Comics, con la sua prima apparizione nel 1964. È la figlia del sovrano della Dimensione Oscura – un nativo della dimensione chiamato Orini – e la nipote di Dormammu. La madre di Clea è Umar, sorella gemella di Dormammu e membro delle Faltine, esseri composti di pura magia.

Come risultato della sua discendenza, Clea possiede dei poteri innati, oltre a padroneggiare le arti mistiche. Nei fumetti, è stata cresciuta per servire Dormammu, ma dopo aver incontrato Stephen Strange, tradisce suo zio. Diventa l’interesse amoroso di Strange e alla fine si sposano. Nella recente storyline a fumetti Death of Doctor Strange, Clea diventa lo Stregone Supremo dopo la morte di suo marito Stephen, e assume il ruolo di difensore della Terra.

Dati i recenti fumetti, è possibile che Clea possa ad un certo punto diventare la Sorceress Supreme del MCU – anche se attualmente quel titolo è ancora detenuto da Wong. Più probabilmente, è stata impostata come un’alleata ed eventuale interesse amoroso per Doctor Strange, specialmente da quando Multiverse of Madness ha dato a Stephen e Christine Palmer (Rachel McAdams) la chiusura della loro relazione. Questo lo lascia libero di perseguire una relazione con Clea, e la loro ironica battuta nella scena post-credits di Doctor Strange 2 apre la strada ad una partnership giocosa che potrebbe portare ad altre apparizioni future nel MCU.

Detto questo, anche se Clea diventasse l’interesse amoroso di Doctor Strange, sarà probabilmente ritratta come un eroe a tutti gli effetti, data la tendenza del MCU a sviluppare i propri personaggi oltre gli archetipi monodimensionali. Inoltre, dato che la Marvel è solita cambiare i personaggi nel processo di adattamento, è probabile che la Clea del MCU sarà diversa dalla sua controparte dei fumetti. Come esattamente rimane da vedere, anche se il suo costume è leggermente diverso dalle prime apparizioni di Clea nei fumetti.

La connessione di Clea con la Dimensione Oscura

Clea

La scena post-credits di Doctor Strange 2 non specifica esattamente come Clea sia connessa alla Dimensione Oscura nel MCU, anche se si può presumere che abbia qualche legame con essa dato il portale che apre e la lama che usa per farlo. Sulla base dei fumetti, e della precedente apparizione di Dormammu nel MCU, è possibile che la Marvel rimanga fedele alla sua origine fumettistica, stabilendo che sia la nipote di Dormammu e/o la figlia del sovrano della Dimensione Oscura.

Dormammu è stato visto per l’ultima volta nel primo film di Doctor Strange, quando Stephen ha sventato il piano del cattivo di fondere la Dimensione Oscura con la Terra e distruggere quest’ultima nel processo. Doctor Strange costrinse Dormammu ad abbandonare ogni tentativo di rivendicare la Terra e sigilla il portale tra la Terra e la Dimensione Oscura.

Clea, tuttavia, è chiaramente in grado di riaprire il portale, presumibilmente usando la lama che brandisce nella scena dei titoli di coda di Doctor Strange 2.
In termini di cosa potrebbe essere l’incursione a cui Clea fa riferimento nella scena post-credits, anche questo non è chiaro. La Dimensione Oscura vista nel sequel sembra la stessa del primo film di Doctor Strange, il che potrebbe indicare che l’incursione non l’ha influenzata.

Per come è intesa l’impostazione del MCU, la Dimensione Oscura è separata dagli universi all’interno del multiverso del MCU, quindi non è chiaro se un’incursione possa influenzarla del tutto. Detto questo, dato che Clea è quella che chiede l’aiuto del Doctor Strange per risolvere l’incursione e lo porta nella Dimensione Oscura, presumibilmente ha qualche effetto sulla dimensione anche se non assomiglia al mondo distrutto che Stephen ha visitato all’inizio del film.

Restano da rivelare ufficialmente ulteriori informazioni sull’incursione, su come si collega alla Dimensione Oscura e su quale sia esattamente la connessione di Clea con la dimensione.

Quando tornerà Doctor Strange

Doctor Strange 2

Prima della seconda scena post-credits di Doctor Strange 2, c’è una schermata di testo che recita: “Doctor Strange tornerà”. Come la pratica di introdurre nuovi personaggi nelle scene di titoli di coda, anche le schermate di testo come questa risalgono ai primi giorni del MCU, quando i film stavano preparando The Avengers.

Quei film usavano scene post-credits insieme a schermate di testo per raccontare ciò che sarebbe successo nei primi anni del MCU; i Marvel Studios sono tornati a questa pratica nella Fase 4. Tuttavia, non è ancora chiaro quando esattamente Doctor Strange tornerà.

Doctor Strange 3 non è stato ancora annunciato, né ci sono altri film o show Disney+ MCU in lavorazione su personaggi che hanno un rapporto consolidato col personaggio – come America Chavez. Lo show Agatha Harkness è vagamente legato a Scarlet Witch, ma non si sa ancora se Doctor Strange apparirà.

È possibile che i Marvel Studios stiano aspettando di vedere come Doctor Strange nel Multiverso della Follia si comporta al botteghino prima di annunciare il prossimo film della serie, anche se considerando il continuo successo dei film del MCU, è improbabile che il sequel faccia flop.

Più probabilmente, la Marvel sta aspettando il momento opportuno per annunciare Doctor Strange 3 senza distrarre dall’uscita attuale. Come tale, potrebbe essere annunciato al San Diego Comic-Con, al D23 Expo di quest’estate, o in una data successiva. In definitiva, Doctor Strange 3 è la prossima apparizione più probabile per l’eroe di Cumberbatch nel MCU, a meno che non faccia prima un cameo in un altro progetto imminente, anche se non ci sono film o serie tv ovvi dove Strange potrebbe apparire.

Credits Scene #2: il ritorno di Bruce Campbell

All’inizio del film, quando Doctor Strange e America Chavez arrivano nell’universo 838, vengono affrontati da un venditore ambulante chiamato Pizza Poppa, interpretato da Bruce Campbell. L’uomo accusa America di aver rubato le palline di pizza che sta mangiando e Stephen gli fa un incantesimo in cui colpisce ripetutamente se stesso come diversivo in modo che possano fuggire.

Doctor Strange dice ad America che l’incantesimo dovrebbe svanire in circa tre settimane. Nella seconda scena post-credits di Doctor Strange 2, Campbell ritorna, sembra angosciato e continua a colpirsi da solo. Tuttavia, mentre la scena si svolge, smette di prendersi a pugni, guarda direttamente nella telecamera e dice: “È finito!”

In definitiva, questa scena appare come ultima battuta del film. Segue il personaggio visto in precedenza nel film e continua la gag sull’incantesimo del Doctor Strange, mostrando che alla fine si è esaurito. Ma la frase riguarda più il meta-contesto piuttosto della battuta di Campbell. È simile alla scena post-credits di Spider-Man: Homecoming, che presentava uno dei video educativi di Capitan America di Chris Evans sulla pazienza che viene ricompensata, scherzando sulla pazienza del pubblico per aver aspettato fino alla fine dei titoli di coda senza aver ottenuto una sostanziale story tease.

Nel caso di Doctor Strange 2, la battuta di Campbell riguarda sia l’incantesimo sia il film stesso, annunciando al pubblico la fine. Si tratta di una battuta divertente, anche se il pubblico che vuole più informazioni per un futuro film o serie tv del MCU potrebbe rimanere un po’ deluso.

Perché Bruce Campbell è così importante in Doctor Strange 2

LEGGI ANCHE-> Spider-Man: No Way Home, Tom Holland vola nel multiverso. Recensione

Per coloro che si stanno chiedendo perché Pizza Poppa è un personaggio abbastanza significativo da essere riportato per la scena post-credits di Doctor Strange 2, ha più a che fare con l’attore e il suo rapporto con il regista Sam Raimi. I due si conoscono da quando frequentavano lo stesso liceo nei loro primi anni di vita, continuando a collaborare alla creazione del franchise di film La casa in cui Campbell ha interpretato Ash Williams.

Hanno lavorato insieme su tre lungometraggi di La casa, oltre al cortometraggio originale di 30 minuti che hanno realizzato prima di La casa del 1981. Da allora, Campbell ha fatto un cameo in una serie di altri progetti di Raimi, compresi i tre film di Spider-Man del regista e il film di supereroi Darkman del 1990.

Il cameo di Campbell in Doctor Strange 2 è significativo perché mette davvero il timbro di Raimi sul suo ingresso nel MCU. Ci sono state molte discussioni e speculazioni su quanto controllo creativo abbiano i registi sui film del MCU di cui sono incaricati, specialmente alla luce dell’uscita di Edgar Wright da Ant-Man per differenze creative.

In effetti, il regista di Doctor Strange Scott Derrickson era originariamente destinato a dirigere Doctor Strange 2 prima di abbandonare per divergenze creative, lasciando i Marvel Studios a richiamare Raimi. Mentre non è chiaro quali fossero esattamente queste differenze creative tra Derrickson e la Marvel, sembra che a Raimi sia stato dato abbastanza controllo per lanciare Campbell come Pizza Poppa e mettere la sua firma su Doctor Strange nel Multiverso della Follia.

Naturalmente, se Raimi tornerà per un altro film del MCU, come Doctor Strange 3 se sarà annunciato, resta da vedere. Ma l’apparizione di Campbell nella scena post-credits di Doctor Strange 2 aiuta a farlo sentire come un vero film di Raimi.