Terribile lutto per Leo Gullotta, “Ci ha lasciato troppo presto”

343

L’attore Leo Gullotta confessa il dolore terribile per il lutto subito, una situazione drammatica che si porta dietro una ferita impossibile da chiudere.

Leo Gullotta

Tutti conosciamo Leo Gullotta per essere uno dei più amati e apprezzati attori e non solo del panorama cinematografico italiano, apprezzato soprattutto per la sua ironia intelligente e mai volgare, quello che forse non tutti sanno è che quel sorriso contagioso nasconde un terribile dolore, un dramma che ha sconvolta la vita del grande attore.

Leo è sempre stato molto presente nel panorama cinematografico che teatrale del nostro Paese, il suo talento lo ha portato a ottenere importanti riconoscimenti, come per la produzione del documentario dedicato alla vita dell’attrice Lilia Silvi che ha ottenuto diversi premi e tra cui il Nastro d’argento 2012 per il Miglior Documentario dedicato al Cinema.

Negli anni abbiamo imparato a conoscerlo come personaggio pubblico e lo stesso, in diverse occasioni ha raccontato alcuni aneddoti legati alla sua vita privata, figlio di un pasticcere ha sempre raccontato di aver imparato moltissimo da suo padre soprattutto i valori che ancora oggi sono punto cardine della sua vita come il rispetto, l’amore e l’umiltà.

Leo Gullotta

Lo stesso ha raccontato durante un’intervista, “Mi spiegava con parole giuste per un bambino cosa fosse la dignità, la libertà, il rispetto verso il denaro e non l’apparenza alla linea del denaro, all’accumulo, in stile Mastro Don Gesualdo”.

Nella vita di Leo Gullotta c’è stato un altro passaggio importante riguardo alla sua vita privata, una confessione fatta in un periodo storico ancora difficile e che ha aiutato tante persone a trovare se stesse in una società soffocante, nel 1995 ha deciso di fare coming out rivelando al grande pubblico il suo orientamento sessuale, un argomento che ha affrontato anche nella sua biografia Mille fili d’erba. Ovvero: come vivere felici anche su questa terra, pubblicato nel 1998 da Di Renzo Editore.

La sua carriera è davvero brillante, ma nel suo privato ha dovuto subire un dramma terribile che gli ha cambiato la vita, Leo ha perso sua sorella troppo presto.

Il terribile lutto di Leo Gullotta

Leo Gullotta

La terribile scomparsa della sorella, morta quando era ancora giovanissima, è stato un vero trauma per Leo, lei era una delle persone più importanti della sua vita, ma il terribile destino ha voluto che la giovane fosse stroncata da un’embolia polmonare, questo dramma ha segnato profondamente il grande artista.

Durante una profonda intervista a cuore aperto, Leo ha parlato di questo dramma lasciando tutti profondamente commossi, lo stesso ha raccontato, “Nella vita bisogna avere curiosità perché così si hanno più frecce nella propria faretra da poter sparare. Quando ero piccolo a Catania curiosavo dappertutto. Mia mamma era una ‘generalessa’ aveva il comando della casa, poi con sei figli… Una delle mie sorelle però ci ha lasciato purtroppo troppo presto per un’embolia. Allora non c’erano gli strumenti medici per salvarla”.

Purtroppo qualcosa che li ha colti senza preavviso e al tempo senza strumenti necessari per poter fare qualcosa, una sensazione di impotenza che lascia una dolorosa ferita nell’animo e nonostante i molti anni passati lui ne conserva un ricordo ancora intatto. Soprattutto attraverso la musica, ricorda che la canzone La Vie en rose di Edith Piaf era una delle sue preferite, quando la sente il suo pensiero vola subito alla sorella, “Lei cantava la Vie En Rose in continuazione che è rimasta così nel nostro cuore come un ricordo di lei”.