Per Kim Kardashian il sogno si è trasformato in un incubo, dalla perdita di peso ai presunti danni

415

Per Kim Kardashian il sogno si è rapidamente trasformato in un incubo. La star si è ritrovata in un mare di guai a causa della sua decisione di indossare l’iconico abito di Marilyn Monroe “Happy Birthday Mr. President” al Met Gala del 2022.

Kim Kardashian

Dopo settimane di chiacchiere, la controversia è giunta al culmine dopo che il collezionista Scott Fortner ha affermato che il modello di Bob Mackie, che la compianta attrice indossò per fare una serenata all’allora presidente John F. Kennedy nel 1962, è stato gravemente danneggiato dopo che la fondatrice di Skims lo ha indossato sul tappeto rosso durante la notte più importante della moda.

Sebbene la star del reality abbia indossato rapidamente una replica dopo aver messo quello originale della Monroe sulla scalinata del Met, secondo Fortner il danno era già stato fatto. Il 13 giugno Fortner ha condiviso una foto che sostiene sia stata scattata dopo che l’abito era stato prestato alla Kardashian. Sembra pare privo di cristalli e sembra essersi strappato sulla cerniera.

Kim Kardashian

Sebbene la Kardashian non abbia ancora commentato il presunto danno, gli storici dell’arte hanno messo in guardia dal fatto che la magnate della bellezza fosse in possesso del leggendario abito.

“Gli abiti storici non dovrebbero essere indossati da nessuno, né da personaggi pubblici né da privati”, ha dichiarato l’International Council of Museums (ICOM) in un comunicato del 13 maggio, secondo Art News. “Prevenire è meglio che curare”.

Anche lo stesso Mackie ha espresso la sua disapprovazione, “Ho pensato che fosse un grosso errore”, ha dichiarato il mese scorso lo stilista, “Marilyn era una dea. Una dea pazza, ma una dea. Era semplicemente favolosa. Nessuno avrebbe potuto indossarlo in quel modo. Ed è stato fatto per lei. Era stato progettato per lei. Nessun altro dovrebbe essere visto con quell’abito”.

Ripley’s Believe It or Not! ha acquistato l’abito per ben 4,8 milioni di dollari a Los Angeles nel 2016, “Crediamo che questo sia il pezzo più iconico della cultura pop che esista”, ha dichiarato Edward Meyer, vicepresidente di Ripley’s Believe It or Not, dopo l’acquisto, “Nel XX secolo non riesco a pensare a un singolo oggetto che racconti la storia degli anni ’60 come questo vestito. È un nuovo record mondiale per un abito”.

Fino all’apparizione della Kardashian al Met, il look scintillante era stato conservato in una stanza a temperatura controllata.

Il 2 maggio, Ripley’s ha pubblicato un video di Kardashian che visita la galleria per provare l’abito, nella clip si vedono degli addetti che indossano dei guanti bianchi mentre aiutano la star a infilarsi nell’abito. “Oh mio Dio”, ha detto la Kardashian con eccitazione mentre l’abito le scivolava addosso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ripley’s Believe It or Not! (@ripleysbelieveitornot)

 Nella didascalia del post, il centro archivistico ha affermato che “è stata posta grande attenzione nel preservare questo pezzo di storia della cultura pop”. Ripley’s ha insistito sul fatto che non è stata apportata alcuna modifica all’abito e che la Kardashian si è cambiata indossando una replica dopo essere stata fotografata con questo look sul red carpet del Met.

La Kardashian ha fatto eco a sentimenti simili in un’intervista a Vogue pubblicata il 2 maggio, dichiarando, “Sono estremamente rispettosa dell’abito e di ciò che significa per la storia americana. Non vorrei mai sedermi o mangiarci o rischiare di danneggiarlo”.

Un souvenir unico

Anche se la Kardashian non ha potuto tenere l’abito della Monroe, ha ricevuto un regalo speciale: una ciocca di capelli della defunta star.

“Abbiamo apprezzato molto la sua collaborazione e abbiamo ritenuto che fosse un ottimo partner per Ripley’s Believe It or Not! per poter raccontare la storia di Marilyn Monroe a una nuova generazione“, ha dichiarato in esclusiva a Us Weekly il 3 maggio Amanda Joiner, vicepresidente del settore editoriale e delle licenze di Ripley’s. “Abbiamo 25.000 oggetti esposti da Ripley’s e quando lavoriamo con i nostri partner vogliamo mostrare loro anche il nostro lato eccentrico, e questo è stato il regalo che abbiamo scelto di farle”.

Kim Kardashian

Taglie forti e diete estreme

Nell’intervista del 2 maggio, la Kardashian ha anche rivelato a Vogue di essersi sottoposta a una dieta estrema per entrare nell’abito a causa della politica di non modificarlo, “Indossavo una tuta da sauna due volte al giorno, correvo sul tapis roulant, ho eliminato completamente tutti gli zuccheri e i carboidrati, mangiavo solo verdure e proteine pulitissime… Non morivo di fame, ma ero molto severa”, ha dichiarato.

In un’altra intervista con la rivista di moda ha rivelato di aver dovuto “perdere 16 chili… per poter entrare” nell’abito.

Kim Kardashian

La risposta alle critiche

Dopo il Met Gala si è scatenata l’indignazione, che ha spinto Ripley’s ad affrontare ulteriormente la questione dell’approvazione in una dichiarazione rilasciata il 5 maggio, secondo il Daily Beast.

“Abbiamo avuto molte conversazioni con Kim e il suo team e abbiamo posto molti requisiti per quanto riguarda la sicurezza e la gestione dell’abito”, ha dichiarato Joiner, vicepresidente delle licenze e dell’editoria di Ripley’s.

“L’abito non è mai stato da solo con Kim. Era sempre con un rappresentante di Ripley’s. Ci siamo sempre assicurati che in qualsiasi momento ritenessimo che l’abito fosse in pericolo o che si strappasse o che ci sentissimo a disagio per qualsiasi cosa, avremmo sempre avuto la possibilità di non continuare“.

Un messaggio da Marilyn Monroe

Il 4 maggio TMZ ha pubblicato un articolo in cui si afferma che Nick Woodhouse, presidente e CMO di Authentic Brands Group, che gestisce il patrimonio della Monroe, ha dichiarato di ritenere che la defunta star sarebbe stata felice di vedere la Kardashian con il vestito. Woodhouse ha persino affermato che “non c’era persona migliore” della Kardashian per indossare l’abito ornato di gioielli.

Kim si difende dalle accuse

La star del reality ha risposto alle preoccupazioni sulla sua perdita di peso durante un’intervista con il New York Times, “Per me è stato come dire: ‘Ok, Christian Bale può farlo per un ruolo cinematografico ed è accettabile’. Anche Renée Zellweger è ingrassata per un ruolo. Per me è la stessa cosa”, ha detto la Kardashian.

Inoltre ci ha tenuto a ribadire, “Non stavo dicendo: ‘Ehi tutti, perché non perdete questo peso in un breve periodo di tempo?”

L’imprenditrice ha sottolineato che “non ha fatto nulla di malsano” per entrare nel vestito, “Per me era importante raggiungere quell’obiettivo”, ha aggiunto la Kardashian prima di spiegare il suo piano nel caso in cui non fosse riuscita a perdere peso in tempo. “Semplicemente non sarei potuta andare, il che non avrebbe avuto importanza”.

Il danno è fatto

Il 13 giugno Fortner ha postato su Instagram quelle che sostiene essere le foto del prima e del dopo del disegno del gioiello di Mackie. Nella foto del dopo, che Fortner sembra aver scattato il 12 giugno, l’abito sembra essere privo di cristalli e sembra essersi strappato sulla cerniera. Nella didascalia del post sui social media, lo storico dell’arte ha scritto: “Ne è valsa la pena?” taggando Ripley’s Believe It or Not! – la galleria in cui l’abito era conservato dal 2016.