Home Musica Quanto ti costa far suonare la tua band preferita alla tua festa?...

Quanto ti costa far suonare la tua band preferita alla tua festa? Devo iniziare a mettere via i soldi per ingaggiare Rihanna

CONDIVIDI SU

rihanna

Non avete idee per l’organizzazione della vostra prossima festa? Avete in mente qualche cosa di davvero speciale ma non riuscite ancora a visualizzare concretamente cosa potrebbe essere?

E allora perché non ingaggiate Rihanna per cantarvi tanti auguri e deliziare i vostri ospiti con le sue canzoni e vestitini succinti?
Oppure prenotare a un prezzo più che ragionevole i OneDirection (pare che vengano via per pochi dollari) che canteranno per tutta la sera al compleanno di vostra figlia che, nonostante il vostro sconcerto, li reputa la miglior band del mondo, sicuramente questa mossa vi trasformerà nei genitori migliori della terra.

6998_10151180081888495_1913999255_n
Oppure, per i nostalgici di sempre (con un portafoglio decisamente “importante”) perché non organizzare una seratina in stile rimpatriata con vecchi amici, accompagnati dalle note delle più famose canzoni di Madonna (in persona) di sottofondo, pronta a cantare il suo repertorio migliore.

s1.reutersmedia.net

Probabilmente ora penserete che mi sia fritta del tutto il cervello, ma quello di cui vi sto parlando è reale (in un certo senso); un’agenzia di spettacolo, la Degy Entertainment, ha messo in rete un listino dei cachet di diversi gruppi musicali e cantanti americani, ovvero i prezzi che gli agenti dei diversi artisti chiedono per un’esibizione dei loro clienti.
I prezzi, ovviamente sono da capogiro ma se si scorre con attenzione la lista si notano delle stranezze che fanno dubitare dell’attendibilità del listino.
Per esempio ci sono solo 8 artisti che chiedono più di un milione di dollari a show: Taylor Swift, Madonna, Justin Timberlake, Justin Bieber, James Taylor, Dave Matthews, Bruce Springsteen, e Bon Jovi, alcuni di questi credibili altri lasciano in dubbio, soprattutto in merito al fatto che invece, Lady Gaga, che nel 2013 ha sbancato con il suo concerto, il più caro in assoluto, secondo solo a quello di Madonna, in questa lista figura chiedere “solo” $750.000. E tornando agli OneDirection, di cui sopra, la band inglese che negli ultimi anni ha davvero fatto stragi di cuori di milioni di ragazzine in tutto il mondo, sembra chiedere fin troppo poco, solo $150.000-200.000 per show. Comunque, nel caso foste a corto di liquidi si può sempre ingaggiare Tom Morello per un’esibizione privata al costa di circa 10.000 dollari. Un ottimo affare.

Prima che vi mettiate a ingaggiare artisti per i prossimi compleanni è giusto che vi dica che i prezzi finali, al momento del pagamento, potrebbero variare non poco da quelli scritti nel listino, questo perché i prezzi indicati sono stati ottenuto da un’agenzia specializzata in concerti per i college e quindi, possono variare a seconda delle circostanze, per esempio se il concerto è all’interno di un tour, oppure per un concerto privato o se delle agenzie di booking ci stanno già guadagnando sopra, questi e altri motivi potrebbero far variare la vostra fattura.

Qui sotto il listino completo, diviso in 6 fasce di prezzi: oltre i 100.000 dollari, tra 50.000 e 100.000, tra 30.000 e 50.000, 20.000 e 30.000, 10.000 e 20.000 e meno di 10.000.

Buono shopping!!!!

OLTRE I 100.000 DOLLARI

Oltre 100.000 dollari

Oltre 100.000 dollari_02

TRA I 50.000 E 100.000 DOLLARI

50.000-100.000 dollari 50.000-100.000 dollari_02

TRA I 30.000 E 50.000 DOLLARI

30.000 – 50.000 dollari 30.000 – 50.000 dollari_02

TRA I 20.000 E I 30.000 DOLLARI

20.000 – 30.000 dollari 20.000 – 30.000 dollari_02

TRA I 10.000 E I 20.000 DOLLARI

10.000 – 20.000 dollari 10.000 – 20.000 dollari_02

TRA I 1.000 E I 10.000 DOLLARI

1.000 – 10.000 dollari 1.000 – 10.000 dollari_02

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia
Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l'occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.