Home Storia e Curiosità Luoghi da Scoprire Una mini crociera sui Navigli Milanesi

Una mini crociera sui Navigli Milanesi

CONDIVIDI SU

Una cosa che ho sempre desiderato fare, ma da quando sono nata impossibile da realizzare, è navigare sui navigli di Milano, chiusi al traffico fluviale dal 1970.
I navigli sono stati per anni una via importantissima per il commercio, si trattava di artificiali corsi d’acqua che circondavano la città. Nel tempo molti di questi sono stati chiusi e a noi a oggi rimangono visibili solo il Naviglio Grande, il Naviglio Pavese, quest’ultimo collegato con la Darsena e in fine il Naviglio Martesana situato nel nord-est della città.

naviglio_grande_scodellino

Dal 22 Maggio 2014 la Milano CitySightseeing ha permesso di fare il tour guidato dei Navigli più centrali, con una piccola imbarcazione da 22 posti, che ha attirato sempre più curiosi visitatori, non solo stranieri, ma soprattutto Milanesi affascinati dalla curiosa possibilità.

navigli-boat

mappa_tour

Il tour proposto non è molto lungo e anche un po’ caro, uno sfizio della durata di 55 minuti: si parte dalla banchina all’inizio del Naviglio Grande, per poi passare per il Vicolo dei Lavandai, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie dei Navigli, la Chiesa di S. Cristoforo, il Club Canottieri Olona, fino ad arrivare al ponte Richard Ginoli dove, l’imbarcazione fa inversione per tornare fino al punto di partenza e proseguire passando sotto il Ponte dello Scodellino. Qui si immette nella Darsena, che per ora è in costruzione, un cantiere che preannuncia grandi e bei lavori destinati allo sviluppo della città in vista dell’EXPO 2015. In questo punto ci si congiunge al Naviglio Paese e si arriva, dopo pochi minuti di navigazione, alla conchetta, ovvero la chiusa di Leonardo. Per chi non l’avesse mai vista o mai notata, la chiusa di Leonardo è localizzata in un‘area urbana centrale, all’ incrocio fra via Conchetta e via Ascanio Sforza, zona trafficata, quindi poco visibile passando in superficie, è davvero uno spettacolo da vedere. Arrivati a questo punto si fa inversione e si torna indietro. Fine della corsa.
Per tutta la durata del tour, una voce registrata, in italiano, inglese e spagnolo vi accompagnerà alla scoperta di questi tratti, raccontandovi molte curiosità sulla città e sui suoi Navigli.

SONY DSCSimenon_Milano_1957
(Vicolo dei Lavandai. Foto a destra lo scrittore belga Georges Simenon nel vicolo – 1957)

Santa_Maria_delle_Grazie_sul_Naviglio_Milano
(Chiesa di Santa Maria delle Grazie dei Navigli)

chiesa_di_san_cristoforo
(Chiesa di S. Cristoforo)

chiusa_di_leonardo
(la chiusa di Leonardo)

Se volete fare un giro su questa imbarcazione dovete però affrettarvi, il servizio rimarrà attivo fino al 15 Settembre perché, in vista di EXPO, stanno riqualificando l’area e toglieranno l’acqua dai Navigli, ma non disperate, riprenderà nel 2015. Ancora non si hanno indiscrezioni su nuovi progetti in corso, anche se l’idea è quella di implementare il servizio per l’EXPO. Quindi non ci resta che aspettare, sperando che anche la nostra città, prima o poi, si allinei alle maggiori città Europee, fornendoci un servizio di navigazione di tutto rispetto.

DSC_0392

naviglio_grande_barca_

INFO:
L’imbarcazione ha 22 posti, dura 55 minuti ed è svolto tutti i giorni dal lunedì alla domenica.
Il commentario presente è in 2 lingue differenti ITALIANO – INGLESE i giorni dal lunedì al giovedì, mentre è in INGLESE – SPAGNOLO durante il fine settimana.

Orari:
LUN – GIO: 13.35 – 14.35 – 15.35 – 16.35 (4 corse)
VEN – DOM: 11.40 – 12.45 – 14.35 – 15.35 – 16.35 – 17.35 (6 corse)

Prezzi:
15 euro adulti
12 euro ridotto

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.

Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l’occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.