Home Arte e Mostre Quando il cibo si trasforma in perfetti micro-mondi

Quando il cibo si trasforma in perfetti micro-mondi

CONDIVIDI SU

minimize_food_11

Sarà che stamattina ho particolarmente fame, ma questo artista ha catturato completamente la mia attenzione. Si chiama William Kass, è un fotografo brasiliano davvero fantasioso e originale che con alcuni alimenti tra i più classici come zucchine, angurie, semini, patatine e cavoli e l’inserimento di persone, spesso lavoratori, in miniatura è riuscito a catturare, con la sua macchina fotografica, piccole storie che raccontano momenti di vita quotidiana o situazioni surreali.
Questo progetto si chiama “Minimize – Food”, i micromondi di William sono così ben fatti, dai colori brillanti e dai dettagli curatissimi, che è difficile non perdercisi completamente.
La prospettiva di queste foto mi ricorda il film “Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi”,film_Tesoro_mi_si_sono_ristretti_i_ragazzi_cereali
la sensazione di questi piccoli omini deve essere proprio quella provata dai protagonisti del film quando si trovano nella ciotola con dei cereali giganti.

È possibile avere tutte le informazioni necessarie su William Kass andando sul suo sito wkass.500px.com/home

Se invece volete accaparrarvi qualche immagine, il case dell’Iphon o collezionare una Mug andate sul sito e-commerce society6.com/wkass

minimize_food_01

minimize_food_02

minimize_food_03

minimize_food_04

minimize_food_05

minimize_food_06

minimize_food_07

minimize_food_08

minimize_food_09

minimize_food_10

minimize_food_12

minimize_food_13

minimize_food_14

minimize_food_15

minimize_food_16

minimize_food_17

minimize_food_18

minimize_food_19

minimize_food_20

CONDIVIDI SU
Alessandra Chiaradia

Direttore Responsabile del magazine online Fortementein.

Nata a Milano e trasferita nella provincia da piccola, il suo cuore resta fedelmente Meneghino, ama la città che le ha dato i natali e come una turista la esplora appena ne ha l’occasione svelandone i misteri e le meraviglie. Da sempre si accompagna ad una vena artistica che ben presto scopre esserle troppo stretta, così dopo aver lavorato per molti anni nel settore editoriale come Art Director decide di fare il grande passo e dopo una lunga gavetta diventare giornalista, professione che ama per via delle sue molteplici sfaccettature e possibilità.